Utente 185XXX
una donna di 34 anni e da una decina (forse più) soffro di problemi cervicali.
Col tempo si sono acutizzati forse a causa del lavoro al pc e per la vita sedentaria, fatto sta che mi ritrovo spesso con vertigini e capogiri. Sono stata da due neurologi, fatto visita otorino con conseguenti manovre, tutto con esisti negativi. Un mese fa sono riuscita a farmi prescrivere una rs all'encefalo e alla cervicale. Vi riporto l'esito:

RM CRANIO-ENCEFALICA
REFERTO:
-Assenza di aree di alterata intensità del segnale cerebrale e cerebellare;
-III e IV ventricolo sulla linea mediana e regolari.
-Ventricoli laterali in sede, simmetrici e normodilatati.
-Non si osservano aree di alterata per fusione cerebrale e cerebellare.
-Normale ampiezza degli spazi subaracnoidei della base e della volta.

RM rachide cervicale
-Scomparsa della fisiologica lordosi cervicale per contrattura antalgica;
-Irregolarità spondilosiche delle limitanti somatiche;
-A livello degli spazi intersomatici C3-C4, C5-C6 e C6-C7 si osservano piccole protusioni discali posteriori mediane che improntano la banda subaracnoidea anteriore.
-Ridotto il segnale dei dischi intersomatici per fenomeni disidratativi.
-Non si osserva patologia discale agli altri livelli esplorati.
-Normale ampiezza del canale vertebrale.
-Il midollo spinale appare di regolare volume e segnale.
Potreste gentilmente dirmi qual è con precisione il mio disturbo cervicale? Come posso trattarlo? Mi sta condizionando non poco la vita sociale dato che ho timore anche solo di fare una semplice passeggiata perché ho paura che mi gira la testa e posso cadere. Grazie per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
dal Suo referto RM del rachide cervicale emerge una sfumata patologia discale che non è di certo invocabile quale causa della sintomatologia che lei descrive. Dal Suo resoconto parrebbe negativa la manovra di Dix-Hallpike per una vertigine parossistica posizionale benigna. Il reperto RM encefalo è normale, per cui si è certi che il cervelletto non è coinvolto. Il rachide cervicale è rettilineizzato e questo potrebbe giustificare una cefalea di tipo tensivo (cui però Lei non fa riferimento) ma anche una condizione di "pseudo-vertigini" (che non hanno il carattere tumultuoso della "vera" vertigine) e che consistono in una sorta di instabilità. Però manca un dato anamnestico: questa condizione si riscontra di sovente in corso di stati di tensione emotiva su base ansiosa.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 185XXX

Grazie per la gentile e celere risposta.
Per fortuna non soffro di cefalea, ho soltanto questi episodi quotidiani di "sbandamenti", ho avuto episodi di vere e proprie vertigini lo scorso inverno. Alcune volte mentre ero a tavola a guardare la tv, ma è capitato anche a letto mentre guardavo il cell è capitato di spostare il collo all'indietro e ho avuto la sensazione momentanea di essere scaraventata dall'altro capo del letto!
Premetto che conduco una vita molto sedentaria, e con l'estate non lavorando, trascorro intere giornate a casa sul cellulare, ho ipotizzato che magari si potrebbe trattare anche di stanchezza visiva (ho un occhio miope, ma non metto mai gli occhiali, forse sforzo troppo gli occhi) .., ultimo ma non meno importante è il fatto che soffro di ansia e panico, e ho pensato anche io che magari queste vertigini potrebbero essere una somatizzazione ...

[#3] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Cara Signora,
l'ipotesi di un deficit miopico della vista all'origine del suo disturbo, onestamente, non è postulabile. Appare abbastanza correlabile invece allo stato emozionale da cui Lei si riconosce affetta, per cui ritengo ragionevole suggerirle di affidarsi ad un Neurologo che confermi la diagnosi e, individuata la forma del disturbo, Le suggerisca il modo più opportuno di trattarlo.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it