Utente 372XXX
Salve,
Sono affetta da Sm RR per fortuna silente da vari anni.

Ieri mi sono procurata delle punture sanguinanti ad un piede nei pressi di alcuni cassonetti della spazzatura, con un oggetto che non saprei definire. Visto l'ambiente malsano, il medico curante mi ha consigliato una puntura di immunoglobuline antitetaniche.

Purtroppo il neurologo è in ferie e non ho potuto sentire il suo parere prima di procedere. Il curante non sembrava preoccupato. Possono esserci delle controindicazioni nel mio caso?

Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Stefano Vollaro

24% attività
4% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Buonasera,
Gli anticorpi anti-tossina tetanica non dovrebbero causare un'attivazione significativa del sistema immunitario (sebbene reazioni immuni in seguito alla somministrazione siano teoricamente possibili) e se anche questo accadesse non significa incrementare certamente il rischio di una ricaduta. Peraltro anche un'infezione o un'infiammazione di altro tipo (es. traumatica) avrebbero un potenziale stimolante sul sistema immunitario. Certamente molto più documentato e pericoloso è invece il rischio di sviluppare il tetano dopo il contatto con una superficie possibilmente contaminata, per cui non c'è alcun dubbio che in questo caso la somministrazione di immunoglobuline anti-tetano andava eseguita (salvo che non fosse ancora coperta dalla vaccinazione).
Dr. Stefano Vollaro

[#2] dopo  
Utente 372XXX

Grazie mille per la pronta risposta!

Non ero coperta dal richiamo vaccinale, ed infatti sto valutando di farlo tra qualche tempo. Anche per la vaccinazione antitetanica non dovrebbero esserci particolari controindicazioni, ricordo bene?

[#3] dopo  
Dr. Stefano Vollaro

24% attività
4% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Non credo ci siano dati sul vaccino per il tetano. Per il vaccino dell'influenza, questo non incrementa il rischio di ricadute. Se la malattia è stabile da molto probabilmente consiglierei di fare il richiamo. Ad ogni modo sarebbe meglio prendere la decisione con il suo neurologo.
Dr. Stefano Vollaro