Utente 458XXX
Salve, scrivo qui per chiedere consigli perchè non so proprio cosa fare e se si può risolvere.
La primavera dell'anno scorso ho avuto per la prima volta un'allergia (penso al polline) che mi provocava molti starnuti al giorno (10-15 volte), che mi è durata per 2 mesi circa, ma io non la ho curata perchè l'ho presa con superficialità.
Mentre avevo l'allergia, mi venne anche questa parestesia (all'inizio era formicolio / solletico) allo zigomo SX, poi quando andai dall'otorino che mi diede le cure per questa sinusite allergica, il formicolio / solletico si placò ma continuo a sentire una sensazione di pesantezza / gonfiore / intorpidimento / sensazione di bagnato nella zona dello zigomo SX.
Mi hanno fatto una endoscopia e anche una TAC del massiccio facciale, ma non ho niente, apparte l'ipertrofia dei turbinati e il setto nasale leggermente deviato a SX.
Sono stato dal neurologo, che ha visto la TAC e mi ha visitato, e ha detto che non ho niente e che quella che ho NON e' una IPOESTESIA, ma solo dei nervi periferici che si sono cronicizzati a seguito di questa allergia, come se continuassero a scaricarsi, quindi ha ritenuto non perderci tempo.
A distanza di più di un anno, questa parestesia non se ne va, è sempre uguale, e io non so cosa fare, perchè dà fastidio.
Mi date qualche consiglio? A chi mi devo rivolgere? Esiste un modo per far passare questa parestesia con una cura farmacologica o un intervento, insomma qualunque modo?
Sono molto preoccupato perchè secondo me ci dovrò convivere a vita, non se ne va, è sempre uguale, e non so cosa fare.

[#1] dopo  
Dr. Luciano Peccarisi

20% attività
0% attualità
8% socialità
OSTUNI (BR)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2013
Salve, probabilmente il suo neurologo ha ragione nel diagnosticare una qualche disfunzione del nervo(il ramo terminale zigomatico del nervo faciale) in seguito alla sinusite cronica del seno mascellare di sx.
Anche se ora non può essere rilevato né alla TAC né all'endoscopia. Tale condizione, può essere dovuta ad una anormale ricrescita di terminazioni nervose. In generale è consigliabile usare vitamine e prodotti neurotrofici per migliorare la conduzione delle sensazioni periferiche.

buona serata.
Dr. Luciano Peccarisi

[#2] dopo  
Utente 458XXX

Grazie mille per la risposta, dottore.
A me diedero la Neuroben (un mese), poi provai con la Combinerv (2 mesi), ma niente, la sensazione non passava, tutto uguale.
Attualmente assumo anche il Laroxyl 10 mg cm (amitriptilina) da più di un mese, prescritto dal mio psichiatra che mi sta seguendo, ma niente, anche con questo è tutto uguale, NON SO DOVE SBATTERE LA TESTA.
Mi dice il nome di un prodotto che potrei assumere per questo mio problema specifico?
Eventualmente, per questo problema si potrebbe ricorrere anche ad una microchirurgia in quella zona dei nervi?
Devo provare, poi, a rivolgermi anche ad un altro neurologo eventualmente? Perchè quello che mi ha visitato ha preso la cosa molto alla leggera e sembrava non volesse tanto perderci tempo, ma invece a me la cosa dà molto fastidio.