Utente 485XXX
Gentili dottori,
Sono una ragazza di 31 anni, e vi scrivo perché sono davvero preoccupata.
Da un anno più o meno ogni tanto mi capita di avere perdite di memoria. Forse non è niente, ma prima mi capitava di non ricordare i nomi delle persone. Intendo dire di persone che vedo praticamente quotidianamente, non dico proprio amici ma persone con cui sto a stretto contatto. Mentre ci stavo parlando, mi ritrovavo a pensare " oddio come si chiama?" Senza riuscire a riportarlo alla mente, se non dopo diverso tempo. Ieri mattina per la prima volta mi è successo di non ricordare un'azione compiuta il giorno prima, l'ho proprio rimossa dalla mente, e solo dopo che mi è stato fatto notare che l'avevo fatto l'ho ricordato se pur non subito. È successo che la sera ho accompagnato la mia coinquilina a comprare il latte, e la mattina, ero convinta che il latte non ci fosse perché non l'avevamo comprato, e ne sono stata convinta per tutto il giorno fin quando io le ho detto che avevo dimenticato di comprare il latte e lei mi ha chiesto a cosa mi servisse, e io le ho detto " semplicemente per berlo" e lei ha replicato che il latte c'era, e io ho chiesto se anche la mattina c'era. E lei ha detto che l'avevamo comprato la sera prima, ma io non lo ricordavo. A volte mi capita di essere disorientata.
Nella mia famiglia gli unici elementi significativi sono il fatto che mio padre soffre di Parkinson, gli.hanno riscontrato una forma precoce a 49 anni, e mia madre soffre di depressione, non so se può centrare qualcosa.
Pensate che dovrei fare qualche visita specifica oppure mi preoccupo troppo?

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

è probabile che il Suo problema possa essere di origine ansiosa o da stress ma prima di arrivare a questa conclusione, ripeto probabile, è opportuno escludere problematiche organiche mediante una visita neurologica e test neuropsicologici indaganti soprattutto la memoria, la concentrazione e l'attenzione.
Eventuali altri esami diagnostici saranno richiesti dal collega se ritenuti opportuni.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 485XXX

La ringrazio molto per il suo consiglio. Al più prest provvederò a effettuare una visita neurologica.

[#3] dopo  
Utente 485XXX

P.s. mi sono ricordata che non ho detto che spesso soffro di mal di testa molto forti, a volte tanto da non riuscire ad alzarmi dal letto e tanto che mi viene da rimettere. Soffrendo di sinusite, ho sempre dato la colpa a quest'ultima, ma a volte forse la sinusite non c'entrava niente. Non ho mai dato peso fino ad oggi a questo, ma non so se può esserci un legame

[#4] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

il mal di testa va valutato dal neurologo, quando farà la visita neurologica ne parli col Collega. Potrebbe essere una forma emicranica considerato il senso di vomito.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro