Utente 241XXX
Salve a tutti, nel 2001, avevo 19 anni, dopo abuso di droghe sintetiche, ebbi la mia prima crisi di grande male. Erano circa le 8 del mattino, non dormivo da giorni e avevo assunto cocaina, ketamina, anfetamine, cannabis e alcool. Caddi a terra ed ebbi la classica crisi con convulsioni. Inizialmente venne tutto attribuito alla carenza di sonno e al massiccio utilizzo di sostanze stupefacenti. Purtroppo ebbi altre 3 crisi nei due anni successivi, sempre al mattino poco dopo essermi svegliato, ma stavolta, non c'erano stati abusi di sostanze e il sonno era regolare. Andai quindi in cura con il dottor Andrea Romigi presso il policlinico di Tovergata, e dopo un breve periodo con il Keppra, iniziai ad assumere Depakin 500 due volte al giorno. Non ebbi mai più crisi da allora. nel 2012 e nel 2013 mi venne consigliata la sospensione del farmaco, ma visti i miei timori decisi, insieme ai medici, di continuare con la terapia. La interruppi di mia spontanea volontà ad Agosto 2017. Due giorni fa, il 27 Aprile, alle ore 6.30 del mattino, mentre stavo facendo attività aerobica in casa (addominali) ho avuto una crisi, mi sono ripreso sul divano con mia moglie che chiamava i miei genitori. Mia moglie ha riferito che ha sentito una sorta di urlo provenire dal salone, e che temendo fossi caduto, è uscita dalla camera per venire a vedere cosa fosse successo, mi ha trovato in corridoio, ciondolante, con lo sguardo fisso e gli occhi sgranati, ho camminato fino alla camera da letto, mi sono sdraiato a terra e dicevo parole senza senso, inoltre ho iniziato a sfilarmi i pantalonicini, a togliermi le scarpe, senza motivo. Poco dopo ho iniziato a razionalizzare e a chiedere cosa stesse succedendo. I miei ricordi dopo gli addominali ritornano con me che sono sul divano e mia moglie che chiama i miei genitori. Sono andato al pronto soccorso di Torvergata, tac negativa, eeg negativo, come d'altronde tutte le analisi fatte nel corso di questi 17 anni. Sono attualmente a dieta, ho perso ho perso 35kg in 5 mesi, ma non credo possa essere una causa della crisi. Il neurologo di turno al pronto soccorso mi ha raccomandato di tornare in visita tra un mese per rivalutare di riprendere con la terapia. Potrete capire il mio stato di angoscia, pensavo di aver superato tutto e invece... rieccomi nel limbo. Ho iniziato la sera stessa ad assumere nuovamente il depakin. Ci sono possibilità che io abbia sviluppato una farmacoresistenza? Sono terrorizzato alla sola idea. In questi anni ho guidato, viaggiato, mi sono fatto il bagno, ho vissuto senza alcuna limitazione. Avete qualche consiglio da darmi? Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

una recidiva di crisi convulsiva purtroppo è possibile che si verifichi, spesso senza cause apparenti, anche dopo tanti anni.
Con i farmaci antiepilettici non si sviluppa una farmacoresistenza, nei casi in cui il farmaco riduca la sua efficacia il motivo, di solito, è da riferirsi ad una diversa tipologia delle crisi o ad un insufficiente concentrazione della molecola nel sangue.
Il consiglio che Le posso dare è di rivolgersi ad un epilettologo, neurologo esperto in epilessie.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 241XXX

Grazie Dottore, la tipologia credo proprio che sia la medesima, al mattino, perdita di coscienza, (probabili ma non certe dato che non mi ha visto nessuno), convulsioni, avevo dormito poco, circa 4 ore e sto attraversando un fortissimo periodo di stress dovuto al lavoro, al dimagrimento e all'allenamento.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

lo stress psicofisico e la perdita di sonno sono i fattori scatenanti più frequenti per crisi convulsive.
Si tranquillizzi, non penso che il depakin abbia perso efficacia.
Resta valido il consiglio dato precedentemente.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 241XXX

Certamente, in settimana andrò privatamente dal dottire che mi ha seguito per tutti questi anni. In una epilessia come la mia, dove il depakin ha azzerato totalmente gli episodi, e dove non ci sono evidenze cliniche ne attraverso tac, risonanza magnetica ne tantomeno attraverso eeg, sia 24h che in deprivazione di sonno, di cosa si può trattare? C'è il rischio di un incremento improvviso delle crisi?

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

in questi casi si parla di epilessia idiopatica, cioè primaria, senza causa nota.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 241XXX

Buongiorno, è stata confermata epilessia generalizzata idiopatica al risveglio, ho ripreso la terapia con depakin 500 due volte al giorno. Verosimilmente quando i valori nel sangue raggiungeranno il range terapeutico, potrò sperare di passare altri 15 anni sereno prima di una seconda poasibile nuova sospensione del farmaco?

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

i tempi non possono essere stabiliti a distanza, sarà il neurologo a prendere queste decisioni.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 241XXX

Figuriamoci Dottore, non stavo chiedendo "se" potrò interrompere nuovamente la terapia, visti i risultati negativi di questa prima interruzione, mi domandavo solo se posso aver motivo di stare "sereno" per quanto riguarda l'efficacia della terapia che continuerò a fare da qui ad un tempo indeterminato. Fondamentalmente, mi domando se potrò continuare ad avere la vita normale di sempre.

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ritengo proprio di sì, salvo imprevisti.
Stia sereno.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro