Utente 501XXX
Buongiorno dottore,
Ho recentemente scoperto che ho una vena che si infiamma a livello della tempia sinistra quando sono sottoposta a forte stress... Mi dicono che non è nulla di grave e che si può tenere sotto controllo insieme alle forti emicranie che ne conseguono ma il mio dubbio è il seguente: ho letto che un disturbo del genere può portare a una sorta di perdita momentanea della realtà facendomi fare cose che normalmente non farei come rubare il cellulare a un amico per poi restituirlo a distanza di giorni senza avanzare scuse plausibili... È possibile che possa accadere questo?
Grazie per l'attenzione!

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

mi è nuova la nozione che una vena possa infiammarsi sotto stress, è possibile invece che il vaso possa ingrossarsi durante un attacco emicranico.
La diagnosi di emicrania è stata fatta da un neurologo?
Quanti attacchi al mese ha?
È seguita da un neurologo?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 501XXX

Grazie per la sua cortese risposta... In effetti ho ricontrollato l'esito e mi sono espressa male... Si tratta in effetti di un'arteria che mi provoca emicranie almeno una volta al giorno associate a giornate di forte stress.
Oltre che dal neurologo sono seguita da uno psicologo ma vorrei chiedere anche pareri diversi e la vostra disponibilità è preziosa in tal senso (nel limite del possibile ovviamente).
Grazie ancora!

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

se si tratta di attacchi emicranici (diagnosi del neurologo), con questa frequenza molto elevata è indicata una terapia di prevenzione, la sta facendo?
Dr. Antonio Ferraloro