Utente 448XXX
Buonasera Dottori sono una donna di 41 anni,un paio di mesi fa tramite RM mi è stata riscontrata in c5 ,c6 vistosa impronta del sacco durale presenza di protrusione ad ampio raggio e componente erniaria mediana-paramediana dx che determina obliterazione del recesso epidurale anterioreed impronta della superficie ventrale anterolaterale dx del midollo e della radice emergnte. In piu'diffusi segni di degenerazione artrosica con fenomeni di osteofitosi e spondilosi,associata verticalizzazione della fisiologica lordosi e riduzione degli spazi intersomatici nel tratto distale del rachide. Da qualche giorno che avverto di nuovo dolore al collo,nuca,spalle naso,fronte e pesantezza agli occhi a volte.Tutto questo accompagnato da qualche giorno da senso di sbandamento,intontimento e sonnolenza. Questa mi preoccupa un po perche sono una persona che di suo dorme poco. Massimo 6 ore..ormai da 21 mesi perche ho anche un bimbo piccolo. Soffro anche di pressione bassa. Per scrupolo ho fatto analisi del sangue..emocromo completo...urine..creatinina..ferro.got.transminasi..colesterolo totale ... colesterolo...glucosio...prolattina .cortisolo ..Tutto perfetto.Vorrei capire dada cosa puo essere, dovuta questa sonnolenza. Il mio osteopata dice dalla cervicale ed un forte carico psico-emotivo oltre che la stanchezza. Eventualmente ci sono altri esami che potrei fare?Grazie mille Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

difficilmente la sonnolenza che riferisce può ricondursi al problema cervicale (consigliata visita fisiatrica).
A mio avviso la causa va ricercata altrove, stanchezza, stress, caldo, perdita di sonno, disturbi dell’umore, ecc.
Lei russa?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 448XXX

Buonasera Dottor Ferrarolo,grazie intanto per la celere risposta,in realta' non russo,pero'la notte ho il problema di digrignare i denti. Piu'volte mi sono svegliata la mattina con le mascelle serrate ed indolenzite. Come dice Lei sicuramente c'è anche una componente di stress,caldo,stanchezza etc.Volevo chiederle se eventualmente sarebbe utile una tac encefalo. Grazie mille

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

è difficile dare un consiglio in tal senso perché un esame diagnostico si effettua di solito dopo una visita diretta ed in base ai riscontri della visita stessa,
Se Lei pensa ad una TC solo per la sonnolenza forse è prematuro considerata l’insorgenza del sintomo da qualche giorno. Ne parli anche col medico curante che La conosce meglio di noi.

Buona domenica
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 448XXX

Buongiorno Dottor Ferraloro,La ringrazio per la sua celerita'nel rispondere. Volevo chiederLE solo un paio di cose. In base al mio sintomo,dopo quanto potrei arrivare a fare una TC se persistesse?E qualora il mio mal di testa non dipendesse dalla cervicale,con un antinfiammatorio passerebbe comunque?Purtroppo ho perso mio padre a 53 anni per un'ischemia cerebrale,e da allora sono terrorizzata anche da un piccolo sintomo. La ringrazio ancora.

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

capisco le Sue preoccupazioni, mi sentirei di tranquillizzarLa però. Dopo quanto fare un esame? Non ci sono tempi stabiliti, come Le dicevo precedentemente, di solito dopo una visita medica, per questo Le ho detto di sentire anche il parere del medico curante.
Riguardo il mal di testa, un antinfiammatorio al bisogno potrebbe essere utile ma la cosa più razionale da fare è avere una diagnosi corretta della cefalea e in base a questa impostare una terapia di prevenzione ove possibile.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro