Utente 498XXX
Salve e scusate il disturbo ma volevo raccontarvi la mia storia.
Tutto inizio circa 6/7 mesi fa in cui in un particolare giorno di scuola avevo iniziato a sentirmi strano...i giorni passavano io cercavo sempre di non ripensare a quella situazione ma mi veniva sempre da pensarci... poi pian piano iniziai a sentire la parte del collo e della testa molto tesa ma senza un particolare motivo...sembrava e sembra tutt'ora che io non riesco a muovermi ad esempio se voglio muovere la testa mi sento una sensazione di instabilità infatti a scuola tengo sempre la mano appoggiata alla testa che me la sorregge e se non la sorreggo con la mano inizio a sentire la testa pensante sento che mi si indurisce il collo con la conseguenza di farmi scattare la testa ovvero ho movimenti alla testa involontari.
Anche a livello di deambulazione mi sento molto strano quando cammino, come se stessi per cedere da un momento all'altro, In poche parole non ho più movimenti spontanei ma devo sempre pensare su dove guardare su come camminare su come muovermi... Ultimamente sto andando da un fisioterapista per valutare se potrebbe essere un problema di postura, ho già fatto 2 lezioni però ancora non sento molto miglioramenti.
Ah e circa 5 mesi fa andai da un neurologo che mi disse che potrebbe essere un problema di ansia ma non saprei anche perché di ansia non ne soffro io però sono ipocondriaco.
Secondo voi cosa potrebbe essere?
So che non si possono fare diagnosi online ma vorrei solo un parere...
Grazie per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l’ipotesi ansiosa è possibile, consideri che l'ipocondria fa parte della sfera dei disturbi d’ansia (disturbo d'ansia per la salute), tuttavia Le consiglio di sentire un secondo parere neurologico, se anche questo desse esito negativo si orienti verso l’origine psichica del problema rivolgendosi ad uno psichiatra.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro