Utente 490XXX
Salve a tutti,
Sono un ragazzo di 24 anni.
Da molti anni ormai, soffro di periodici attacchi di Ipocondria, della durata variabile, ma, ahimè, sempre giustificati da sintomi. (non sono pazzo, chiunque intorno a me conferma le mie sensazioni). Fortunatamente però questi episodi non sono durati mai più di qualche mese, forse grazie al sostegno degli amici e sicuramente dei numerosi medici da cui mi sono recato.

veniamo al punto. da 2 mesi a questa parte la mia vita è cambiata radicalmente, questa volta rischio di uscirne pazzo davvero, più che altro perchè reputo la mia situazione ancora "Incerta", caratterizzata da eventi "dubbi" a cui i medici hanno dato interpretazioni diverse.

PREMESSA, nel mese di Luglio ho avuto il periodo più stressante della mia vita, dovuto a problemi amorosi e a vari stress universitari.
I miei problemi sono iniziati da Settembre, motivo per il quale non mi sento di ricollegarli a quell' evento, perchè erano ormai passati quasi due mesi.

Tutto è iniziato da un dolore costante ma leggero al polpaccio destro, a cui all'inizio davo poca importanza. da li però, dopo poco giorni, mentre camminavo tranquillamente, ho iniziato a sentire le gambe pesantissime, e ricodo che dovetti ritornare a casa perchè non riuscivo a camminare, le mie gambe erano rigide come dei pezzi di legno ed ero molto impacciato nei movimenti.

dopo pochi giorni sono inizate le famose FASCICOLAZIONI, in tutto il corpo ma soprattutto agli arti inferiori, polpaccio e pianta del piede in primis. Sporadicamente anche a braccia, pancia e collo. (addirittura in queste sedi mi vengono costantemente dopo uno starnuto o un colpo di tosse)
Cercando su internet è iniziato il mio calvario, la tensione muscolare, le fascicolazioni, i crampi al polpaccio... tutto mi riconduceva a malattie come la SLA e la SM....ancora adesso mi tremano le mani solo a citarle.
da quel giorno ad oggi sono passati più di due mesi, ma non è cambiato granchè, certi giorni ho le gambe talmente pesanti da non riuscire a camminare bene, le fascicolazioni sono presenti tutti i giorni, alcuni più di altri e, più ci penso, più ne avverto.
la tensione muscolare si "attenua" dopo un po di sforzo fisico, anche se sembra assurdo. Per questo motivo da due settimane vado in palestra e noto di cammira "più sciolto" ora.

circa un mese dopo l'esordio dei sintomi, quindi quasi due mesi fa, ho fatto su ordine del mio neurologo EMG ed ENG agli arti inferiori e superiori, con esito completamente negativo oltre che la visita normale di routine del neurologo che ha escluso patologie del motoneurone... tuttavia credo di aver fatto l'EMG troppo presto dopo l'esordio delle fascicolazioni e avrei in mente di ripeterla.

cosa mi consigliate? Può davvero l'ansia causarmi queste fascicolazioni e questa tensione muscolare?

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

l'ansia teoricamente può causare qualsiasi sintomo, quindi anche quelli che Lei riferisce.
Detto questo, una visita neurologica può escludere una malattia del motoneurone anche più di un'EMG, quest'ultima si effettua solitamente quando alla visita neurologica ci sono segni sospetti d'interessamento del motoneurone.
Ritengo che il collega l'abbia prescritta per tranquillizzarLa.
Le ricordo che la stragrande maggioranza delle fascicolazioni è benigna.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 490XXX

Salve dottor Ferrarolo, innanzitutto la ringrazio per la celere risposta! i Sintomi più invalidanti ultimamente stanno regredendo, però purtroppo le fascicolazioni rimangono, soprattutto ai polpacci e ai muscoli addominali dopo qualche colpo di tosse. tuttavia la sua risposta schietta e decisa mi ha tranquillizzato molto.
quindi secondo lei posso escludere al 100 percento una malattia del motoneurone?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

con visita neurologica negativa può escludere la sla,
per il resto Le confermo quanto detto nella prima risposta.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro