Utente 219XXX
Gentili Dottori Buongiorno,
vi scrivo per un problema che riguarda mia mamma. Mia madre soffre da anni di un disturbo bipolare mai curato con farmaci specifici ma solamente nelle fasi depressive con Paroxetina. Dopo una fase maniacale molto intensa nell'estate 2018 siamo riusciti a convincerla ad andare in un centro per la salute mentale della zona in cui viviamo. Lo Psichiatra che l'ha visitata gli ha prescritto Lamotrigina e Paroxetina (in autunno la fase maniacale si era trasformata in una fase ansiosa/depressiva). Attualmente mia madre prende Lamotrigina 100 una volta al giorno.
Abbiamo notato però in questo periodo un aumento delle difficoltà di concentrazione e una perdita di memoria per date, eventi e fatti anche successi da pochi giorni. Ci è venuto il dubbio che la perdita di memoria sia riconducibile alla Lamotrigina, ne abbiamo parlato con lo Psichiatra ma è stato vago in merito. Mia nonna materna soffriva di demenza senile e in famiglia abbiamo avuto casi di Alzheimer.
Nei prossimi mesi spero di convincere mia mamma a fare una visita ed eventuali esami per escludere una fase iniziale di Alzheimer ma vorrei sapere da voi se stabilizzanti dell'umore come la Lamotrigina possono influire sulla memoria di pazienti già anziani (mia madre ha 72 anni) e magari con fattori genetici predisponenti.
Ringrazio in anticipo per le vostre cortesi risposte

[#1] dopo  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
l'utilizzo della lamotrigina sia come psico-stabilizzatore che come anti-epilettico può causare una serie di effetti indesiderati, di cui uno abbastanza comune è la sonnolenza (o paradossalmente l'insonnia) ma non i fenomeni che ha descritto lei e che, sia in considerazione dell'età della paziente, che degli antecedenti familiari, può essere più verosimilmente ascritto ad una condizione di declino cognitivo. Le suggerisco di far valutare mamma con test neuro-psicologici che evidenzino la reale entità del declino cognitivo e diano indicazione ad eventuale trattamento specifico.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it