Utente 290XXX
Buongiorno, il 22 febbraio mattina mi sono svegliata con l'occhio dx un po' più grande del SX.con il passare delle ore non riuscivo a chiudere l'occhio e poi la bocca e a corruggare la fronte. Sempre e solo sul lato dx.visto il freddo in questi giorni,ho pensato ad un colpo d'aria e ho preso un oki. Ma l'indomani avevo gli stessi sintomi e difficoltà nel mangiare correttamente e a bere nemmeno un sorso d'acqua perché l'apertura laterale DX della bocca non riusciva a trattenerli, causando la perdita di qualche goccia. Quindi mi sono recata al più vicino ps, in cui mi è stata fatta una tac cerebrale, risultata negativa, e diagnosticata la paralisi VII nc periferico. Mi hanno prescritto una terapia a base di deltacortene 25 mg a scalare per 9 GG (2 compresse per 3 gg, 1 comptessa per 3 gg e 1/3 compressa gli ultimi 3) per poi passare al deltacortene 5mg per 5 giorni. A questa cortisonica devo abbinare anche una terapia antivirale a base di Talavir 1 g 3 volte al GG per 7 GG.
Poi una visita neurologica fra un mese.
Premetto che a riposo il mio viso sembra normale se non per l'occhio che non si chiude, mentre se sorrido si evince la paralisi. Mi faceva male all'interno dell'orecchio e dietro esternamente. E gli acuti dei mieo figli piccoli, sono delle fitte per il timpano della zona danneggiata.Ora questi dolori sono passati.volevo chiedere come so può stabilire il grado fella paralisi e la conseguente capacità e velocità di recupero? Il recupero sarà totale?
Grazie mille per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

circa l'85% delle paralisi facciali guarisce completamente in 4-8 settimane. Non c'è un criterio valido per tutti circa i tempi di recupero.
In linea di massima piu il problema è accentuato maggiore potrebbe essere il tempo di guarigione ma esistono varie eccezioni dovute all'individualità del singolo caso.
Il Suo non sembrerebbe un caso particolarmente marcato, almeno da ciò che si capisce da quanto scrive.
Ci vuole un po' di pazienza.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 290XXX

Grazie mille dottore per la pronta risposta. Ho dimenticato di dire due cose. Il giorno prima della paralisi ho portato mio figlio a fare il vaccino per la varicella. Il virus di queste tipo di paralisi non è lo stesso? A giugno 2018 ho eseguito un impianto dentale nello stesso lato della paralisi, e qualche giorno fa mi han messo il dente definitivo, però è da novembre che avevo il provvisorio, non sono rimasta col vuoto se non da giugno a novembre per l'attecchimento dell'impianto. Potrebbero esserci correlazioni tra questi episodi e la mia paresi? Poi volevo chiederle se è normale che abbia mal di testa e dolori cervicali. Non sono una che prende spesso medicine, anzi.può essere dovuto a questo il mio dolore?

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

può escludere assolutamente la vaccinazione di Suo figlio, non c'è nessuna correlazione con la paresi facciale.
Riguardo il problema odontoiatrico invece, se è stato traumatizzato qualche ramo del nervo facciale, una correlazione teorica ci potrebbe essere ma Le do questa informazione in linea del tutto teorica.
Mal di testa e cervicalgia ci possono stare.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 290XXX

Grazie ancora, potrebbe essere correlato anche a distanza di tutti questi mesi? E se fosse così, comunque è questa la terapia da seguire? Antivirale e cortisone?

[#5] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

no, dopo tanti mesi non c’è correlazione, teoricamente può essere solo qualche giorno prima l’eventuale trauma odontoiatrico.
La terapia è corretta, non cambia.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 290XXX

Grazie mille dottore, gentilissimo. Un'ultima cosa, nessuno ne al PS, ne il medico curante mi ha detto di fare ginnastica facciale. Leggendo su internet, trovo pareri discordanti, chi dice sia utile da subito, chi di iniziarla solo quando ci sono dei miglioramenti, perché a situazione iniziale si farebbe lavorare solo la parte sana causando ancora più asimmetria nel viso. Lei cosa ne pensa? Non vorrei sprecare giorni senza fare nulla. E poi dove potrei trovare esercizi adatti da fare? Ha qualche link da suggerirmi. Grazie ancora

[#7] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

dopo una decina di giorni è possibile fare ginnastica facciale, gli esercizi sono facilmente reperibili in Rete su vari siti, non ne esiste uno in particolare migliore degli altri.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 290XXX

Grazie mille, gentilissimo. Oggi ad una settimana dalla paralisi, mi sento la parte colpita come intorpidita dall'anestesia e gonfia. Mi devo preoccupare? Quando sorrido mi sento lo zigomo leso internamente come se si alzasse ma guardandomi allo specchio non c'è nessun movimento. È normale questa cosa? La visita neurologica ce l'ho tra un mese, me l'hanno fissata direttamente in ps.Devo anticipare, visti questi segnali?

[#9] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

considerato che parla di intorpidimento della zona e di gonfiore, un controllo neurologico sarebbe utile effettuarlo in quanto il nervo facciale è un nervo motorio a livello del viso per cui la sua patologia non presenta segni sensitivi come una riduzione della sensibilità.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente 290XXX

Va bene, ho già prenotato una visita privata per martedì prossimo.comunque il viso non è gonfio, è una sensazione mia. Ma per quanto riguarda lo zigomo e sopra le labbra, che mi sento tirare, è nella norma? Il labbro leso mi sembra quasi più in basso rispetto all'inizio, sarà perché lo sforzo parlando e mangiando?

[#11] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

la sensazione di sentirsi tirare è normale.
Riguardo il presunto abbassamento del labbro, potrebbe essere una Sua impressione, in ogni caso non è correlato con la masticazione o col linguaggio.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente 290XXX

Grazie gentilissimo e rapido nelle risposte nonostante siamo nel fine settimana. La terrò aggiornata dopo la visita neurologica. Quel giorno avrò anche quella dentistica perché devono verificare se il dente definitivo dell'impianto è tutto a posto. Secondo lei è meglio che non mi faccia toccare in questo stato? Il dentista mi ga comunque chiesto la documentazione del PS (TAC e diagnosi alla fine non ho altro).

[#13] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

no, al momento non è opportuno procedere con "operazioni" odontoiatriche.
Bene, mi faccia sapere cosa Le dirà il neurologo.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 290XXX

Buongiorno dottore, speravo di disturbarla domani dopo la visita, ma stamattina, dopo aver fatto una minima ginnastica facciale, mentre tentavo di sorridere mi sono sentita tirare lo zigomo leso. Anche durante il giorno, se mi viene da sorridere sento tirare guancia e zigomo. Lo sento internamente ma esternamente non di vede movimento alcuno. Poi invece mi ha pulsato visibilmente la palpebra inferiore, forse per lo stress. La mia preoccupazione è che vorrei essere a rischio di contratture muscolari. Va bene se metto una sacca di gel caldo sulla parte che mi tira? A riposo non sento nulla, un po' indolenzita.

[#15] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

è possibile che la sensazione che avverte sia dovuta ai meccanismi di riparazione delle fibre nervose.
Tuttavia, non sapendo la reale natura del problema, non faccia nulla prima della visita neurologica, poi sarà il collega a dirLe come procedere.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Utente 290XXX

Buongiorno dottore,
Ieri sono andata dal neurologo, che mi ha detto che non ha la sfera di cristallo e quindi potrei metterci dai 3 ai 6 mesi fino ai 18 mesi, o addirittura rimanere così a vita. (Ma la chirurgia plastica non può niente al riguardo?) . comunque mi ha poi prescritto esami del sangue, e visita ORL. E suggerito di fare ginnastica facciale, masticare chewing gum, anche se poi mi fa male. Oggi vado da una fisioterapista esperta in ginnastica per paresi facciali. Un mio conoscente, affetto anche lui in passato da paralisi, aveva fatto delle stimolazioni in ospedale (non elettro) dicendomi che gli avevano giovato molto. Comunque il neurologo mi ha detto che, anche se chiudo l'occhio per 3/4, sento naso e lingua, è il non corrugare la fronte che dà l'indice di gravità della paralisi. Quindi io sono spacciata. Comunque ora farò ginnastica, oggi riesco muovere lo zigomo della parte lesa. La ringrazio dottore per il suo interessamento, molto più umano rispetto a quello che ho ricevuto ieri.

[#17] dopo  
Utente 290XXX

Oltretutto il neurologo mi ha detto che le punture di vitamina b, sono soldi buttati perché non servono a nulla, e quindi non devo continuare, ne ho fatte un ciclo da 5 fiale. Mentre leggendo di questo sito ho letto che molte persone è stato prescritto il nicetile in punture, che differenza c'è lei lo consiglia? Io ora sono al 11 giorno dall'inizio paresi, è troppo tardi per assumerlo?

[#18] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

innanzitutto non penso che sia "spacciata', siamo solo all'undicesimo giorno e ancora è assolutamente prematuro fare previsioni di questo tipo.
Come Le dicevo precedentemente, i tempi medi di risoluzione del problema variano da 4 a 8 settimane. Già è positivo che riesca a muovere la regione zigomatica della parte lesa e chiudere per 3/4 l’occhio.
Mi sembra, mi corregga se sbaglio non potendoLa seguire direttamente, che ci siano già lievi miglioramenti.
Il nicetile e le vitamine del gruppo B possono essere utili, anche se iniziate dopo qualche settimana, personalmente li utilizzo anche a fine terapia se c’è qualche sfumato esito.
Non faccia elettrostimolazione perché in questa fase è controindicata.
Non si abbatta, sinceramente non ne vedo il motivo.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#19] dopo  
Utente 290XXX

Sì, lo zigomo lo riesco a muovere dal 10 giorno. E quando faccio gli esercizi facciali e provo a sorridere a bocca chiusa, ora sto iniziando a sentire tirare un po' la guancia. Da ieri, con una fisioterapista, riesco a chiudere completamente l'occhio con un po' di sforzo. Io sono positiva, ma il neurologo mi diceva che potrei avere una serie di miglioramenti in questi giorni e poi più nulla per mesi. Insomma, mi spegneva qualsiasi barlume di speranza. Comunque nei prox giorni farò gli esami del sangue richiesti, anche se devo ancora finire il cortisone, o aspetto di finirlo? Peccato che non è qui a Milano, altrimenti sarei venuta di corsa da Lei a farmi visitare. Grazie ancora per le pronte risposte.

[#20] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

da quanto scrive si evince un graduale miglioramento clinico, nella stragrande maggioranza dei casi questo porta a guarigione completa ed è un ottimo segno prognostico, cioè di un decorso benigno. Poi l'imprevisto ci può essere ma non è frequente. Non si lasci prendere dallo sconforto, in atto abbiamo solo segni positivi, possiamo essere sulla buona strada.
Riguardo gli esami da effettuare, non conoscendo quali siano, non Le posso dare un parere attendibile.
La ringrazio per le parole di stima nei miei confronti, troppo gentile.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro