Utente cancellato
Gentile Dottore, ho trovato il suo nominativo tra gli specialisti sul forum e trovando alcune risposte a consulti leggermente simili ho deciso di scriverle.
Il fatto che mi ha portato a registrarmi è che su internet si legge di tutto e di più ma io vorrei la spiegazione e il parere di un Medico e non di google.

Venendo al dunque, sono un uomo di 35 anni astemio ad oggi, tuttavia in passato (in gioventù) mi è capitato di prendere 3 "sbronze" come si suol dire, tralasciando il perché fossi portato a farlo è che a 19 anni successe la prima volta incoraggiato dalla mia timidezza e raggiunsi quasi il coma etilico: ricordo che vedevo tutto nero, non riuscivo a stare sveglio e reggermi in posizione seduta e vomitai e gli amici stavano per chiamare il 188.
Le altre due volte, sempre con amici, succesero attorno ai 25 anni, io non bevevo assiduamente, però in quelle feste capitò di assumere troppi superalcolici.

Quel che vorrei chiederLe è se è vero quanto si dice: ovvero che in una sbronza muoiano neuroni, la mia paura è di essermi rovinato il cervello per sempre per quelle 3/4 stupidaggi in gioventù, ripeto non essere un problema attuale, ma mi è tornato in mente l'altra sera parlando di cavolate fatte in passato con amici e mi dissero "in quella sbronza avrai perso metà neuroni" e riflettendoci la cosa mi ha alquanto spaventato trovando conferma su google.
Ma è vero che l'alcol etilico se assunto una volta quasi a livello di coma porta alla morte di neuroni?

Spero abbia voglia di spiegarmi nel dettaglio come è solito fare nei sui consulti sempre di alto livello. Sono laureato in tutt'altro campo e purtroppo di medicina e neurologia so poco nulla, per questo mi scuso se ho detto stupidaggini che l'hanno fatta soridere, ma la mia preoccupazione è reale.
Cordialmente

[#1]  
Dr. Otello Poli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non faccio commenti sull'uso di internet in medicina ed auto-diagnosi.

La cosa più pragmatica che possa fare è farsi vissitare da un Collega Neurologo ed eseguire eventuali esami strumentali che il medesimo dovesse ritenere inddicati.
Dr. Otello Poli, MD
Neurologo-Algologo-Esperto in Medicina del Sonno
email: otellopoli@gmail.com - sito web: www.otellopoli.it

[#2] dopo  
539040

dal 2019
Gentile Dottore, mi preme innanzitutto ringraziarLa per la risposta e per il contributo di tutti voi medici volontari sul sito che dedicano tempo a noi utenti.

In secondo luogo mi vorrei scusare con Lei perché lo scritto prolisso non ha fatto intendere bene quel che le volevo chiedere, non volevo rubarle tempo e mi scuso. In realtà, come ha giustamente evidenzato, online, non è possibile fare diagnosi e non era in realtà quello che volevo chiedere con questo consulto; la mia intenzione era ricevere delle nozioni mediche certe e non da "google", perché so bene essere distorte. Questo non tanto per fare autodiagnosi -non cerco realmente quello su medicitalia- cercavo solo una risposta scientifica alla domanda:

copio incollo il centro della questione:
"" Quel che vorrei chiederLe è se è vero quanto si dice: ovvero che in una sbronza muoiano neuroni.
[...] Se è vero che l'alcol etilico assunto una volta quasi a livello di coma porta alla morte di neuroni? ""

In poche parole volevo chiederLe questo e avere notizie medico/scientifiche su cosa dice la scienza a riguardo anche solo per una conoscenza di come stanno le cose.

Le auguro una buona serata, e grazie per tutto.

[#3] dopo  
539040

dal 2019
Buonasera gentile dottore, le scrivo sperando abbia tempo e modo di replicare ulteriormente.
Mi sarebbe piaciuto avere qualche informazione in più al riguardo su:

Quel che vorrei chiederLe è se è vero quanto si dice: ovvero che in una sbronza muoiano neuroni.
[...] Se è vero che l'alcol etilico assunto una volta quasi a livello di coma porta alla morte di neuroni?

La ringrazio ancorae mi scuso per il disturbo.

[#4] dopo  
539040

dal 2019
Per ragioni di ordine e completezza per futuri lettori (sperando di mantenere ordine in un sito così utile) interessati all'argomento vorrei linkare la discussione avuta qui con un altro specialista https://www.medicitalia.it/consulti/neurochirurgia/677868-gentile-dottor-colangelo.html

Vorrei comunque ringraziare il Dott. Poli per la sua risposta e scusarmi per non aver spiegato bene il problema, in ogni caso grazie al Dott. Colangelo per la chiara risposta.

Cordialmente