Utente 545XXX
Gentile Dottor Ferraloro Buongiorno,
Sono lo stesso utente che aveva scritto un altro consulto, ho deciso di intraprendere un percorso per lasciarmi alle spalle le ossessioni sulla SLA.

Le scrivo nuovamente perché guardandomi allo specchio casualmente ho notato qualcosa di molto strano.
Ricapitolando la mia situazione: sono quasi 10 mesi che ho debolezza al braccio sx e spesso anche alla gamba sx (inizio sintomi: circa luglio 2018; visita neurologica ottobre 2018; EMG gennaio 2019) .
È stato esaminato nella EMG anche il muscolo sopraspinato sx. (Zona in cui mi sembrava di vedere atrofia).

A distanza di 6 mesi dall'EMG, i sintomi non si placano e non si modificano. A volte quelli alla gamba sembrano alleviarsi.

La cosa che mi spaventa è che io noto delle alterazioni a livello del muscolo sottospinato (EMG esaminò il SOPRASpinato), ma non capisco se siano solo una mia impressione. Feci esaminare il sopraspinato perché notavo alterazioni in quella zona, ora ho l'impressione che siano peggiorate e il sottospinato mi sembra alterato.
Alle mani non noto modifiche nei muscoli e mi sembra di usarle normalmente (forse un lieve impaccio a sx ma dipende dai giorni).

La domanda che pongo è la seguente: se vi fosse stata SLA, in questi 8 mesi (minimo) sicuramente avrei avuto dei deficit importanti? Sono piuttosto confuso perché non ho capito se l'EMG possa essersi considerata chiarificatrice e attendibile o se invece possa aver mancato qualche cosa.
Ho letto che generalmente la SLA colpisce prima i muscoli delle mani, quindi ritengo impossibile che a trent'anni ci possa essere una SLA con presentazione esclusiva al sottospinato, con una EMG negativa e una visita neurologica negativa e le funzioni delle mani e i muscoli delle mani ancora "normali" (così mi sembra) a distanza di MINIMO 8 mesi dalla presentazione dei primi sintomi (ma forse anche un po' prima).
Penso anche che avrei dei deficit evidenti e importanti nell'uso delle mani a distanza di tutti questi mesi, se fosse SLA. È corretto?

Però non so se queste mie considerazioni possono considerarsi giuste o se in realtà ci può essere effettivamente qualcosa.

Quindi chiedo solo se queste mie considerazioni sono esatte, sperando di non dare disturbo eccessivo.
Mi scusi se ho scritto nuovamente ma ho notato proprio questa alterazione per caso e mi si è rovinata nuovamente la giornata proprio mentre riprendevo in mano la mia vita (le lascio immaginare il nervosismo in cui questa cosa mi ha nuovamente gettato).

La ringrazio e mi scuso.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

è ovvio che dopo più di otto mesi deve definitivamente accantonare questo pensiero ossessivo (perché di questo si tratta). Anche le altre considerazioni sono esatte.
Le ripeto però che se non cura il disturbo psichico avrà frequentemente queste situazioni.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 545XXX

Grazie per la risposta, dottore.
Sì, ora mi sono deciso a provvedere a curare questo problema.
Immagino che il discorso fatto da me sulla impossibilità che sia SLA valga anche se quando mi "testo" in autonomia il sottospinoso sento dolore alla spalla applicando una forte resistenza, giusto?

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Esatto!
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 545XXX

Grazie mille!!
Buon fine settimana!

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Di nulla.

Buon fine settimana anche a Lei
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente 545XXX

Dottore mi scusi se la ricontatto ma è successa una cosa spaventosa stanotte (e non è la prima volta che capita! Almeno un'altra una o due volte è successo nei mesi passati)!

Mi sono svegliato alle 5 del mattino con il braccio destro (quello senza sintomi, per capirci) che sembrava letteralmente morto!!!
Non si muoveva ed era insensibile anche al tatto, lo sollevavo e cadeva come se fosse stato morto (non c'erano formicolii)! Poi pian piano provando a "inviargli il segnale" (scusi i termini ma è per spiegarmi) di muoversi ha ripreso gradualmente a muoversi normalmente

Le altre due volte che era successo l'ho attribuito a non so cosa (ma non me ne ero preoccupato affatto visto che tanto riprendeva a funzionare), adesso che è la terza volta che succede Sto iniziando a pormi qualche domanda.
È preoccupante? Io francamente non ci do molto peso perché poi ora è passato, ma in quel momento una certa paura viene perché ho il terrore che se magari ricapita rimanga poi del tutto bloccato.

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

ritengo che non ci sia nulla di preoccupante, infatti non sono rari questi episodi che si verificano la notte e dovuti a compressione di tronchi nervosi da parte di posture prolungate durante il sonno. Queste situazioni che si risolvono col movimento sono del tutto reversibili.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente 545XXX

Grazie mille per la risposta.
Non ho avuto l'impressione di aver dormito sul braccio interessato perché quando mi sono svegliato ero steso supino, quindi non ho dato "colpa" alla postura.
Una cosa simile mi era capitata circa due anni fa, quando mi ero seduto in maniera strana sul bordo di un tavolo e quando ne ero sceso cadevo continuamente perché una gamba cedeva. Avevo paura di stare avendo un ictus ma poi, raggiungendo a stento una sedia e sedendomi normalmente, la gamba aveva ripreso gradualmente a funzionare. Immagino che si tratti della stessa cosa.
mi sono permesso di chiederle questa cosa che andava oltre le ragioni del consulto perché è stata una sensazione strana: sollevando il braccio con l'altra mano e vedendo che cadeva senza sentirlo né poterlo muovere avevo come la sensazione che il braccio non mi appartenesse più...!

Grazie mille per tutto!
Buona serata

[#9] dopo  
Utente 545XXX

Gentile dottore,
Mi permetto di scriverle per porle una domanda (un semplice dubbio).
In uno dei messaggi precedenti di questo consulto le chiedevo se il mio ragionamento del primo messaggio sul fatto che è sostanzialmente impossibile che io abbia la SLA vale anche se considero che testandomi in autonomia il muscolo sottospinato io sento dolore. Lei ha risposto "esatto".

A tale riguardo, le chiedo, se non la disturbo, due cose:

1. Lei ha detto "esatto" perché nel caso di SLA, testando il sottospinato manualmente, non si sentirebbe dolore ma solo deficit di forza?
Le faccio questa domanda perché ho letto in rete che nel caso di lesione (in generale) del sottospinato il paziente sente dolore quando lo si testa. Ma non mi è chiaro se ciò possa valere anche nella SLA.
Io so che nella SLA non c'è dolore, quindi le chiedo: ragiono correttamente quando penso che se vi fosse SLA non sentirei dolore (ma solo deficit di forza) testando il muscolo sottospinato?

2. La mia EMG ha preso in esame il sopraspinato (oltre ad altri muscoli sui 4 arti), e non il sottospinato.
Ragiono in modo corretto se penso che sia ugualmente attendibile? ho letto anche che il sottospinato e il sopraspinato sono innervati entrambi dal nervo soprascapolare, quindi ho pensato che se ci fosse stata denervazione del sottospinato (oltre ovviamente a vedersi in generale negli altri muscoli esaminati sui 4 arti) si sarebbe vista ugualmente anche dal sopraspinato, visto che la SLA (da ciò che ho capito) non fa denervare un muscolo in maniera selettiva ma colpisce i muscoli in modo generalizzato. Tanto più che i due muscoli sopraspinato e sottospinato ricevono lo stesso nervo.

Ragiono correttamente per quanto riguarda entrambi i punti che ho esposto?

[#10]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la sla non causa dolore almeno nei primi stadi della malattia.
Il secondo punto è corretto.

Le ricordo però che questi dubbi non sono normali, sono solo un sintomo d’ansia che Lei si ostina a non curare.
Come vede, dopo otto mesi non è cambiato nulla.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#11] dopo  
Utente 545XXX

Grazie mille per la delucidazione.
Per quanto riguarda il primo punto: in sostanza, se fosse nello stadio iniziale, il dolore che attualmente provo testando il muscolo non lo sentirei, proprio perché negli stadi iniziali non c'è dolore, è corretto?

(non mi fraintenda, non è che non voglio seguire il suo consiglio di curare l'ansia. Io so di avere problemi di ansia, razionalmente lo capisco e voglio fare qualcosa ma continuo a rimandare. Lo faccio perché mi dico: "ok, tanto se so che è solo un po' di ansia posso anche aspettare e personalmente riesco a sopportarla. L'importante è che non sia SLA")

[#12] dopo  
Utente 545XXX

Buongiorno dottore.
Io capisco che sarà molto stanco di rispondere alle mie richieste. Spero che lei non interpreti questa mia ennesima domanda come una forma di fastidiosa insistenza; gliela pongo perché navigo nella disperazione da ieri sera e le chiedo una risposta in modo davvero disperato e allarmato.

In sostanza è successo ciò: c'è una rientranza nel muscolo primo interosseo dorsale della mano sinistra (che era presente già nel 2017, perché ho una foto, ma non capisco se fosse della stessa entità; dalla foto parrebbe di sì ), rientranza che nello stesso muscolo della mano destra è molto meno pronunciata e non visibile (al tatto la si sente molto leggermente).
Tale rientranza a sx a riposo sembra non vedersi (per ora!), si evidenzia specialmente quando faccio il segno dell' "ok" con le dita. Prima di poche settimane fa non ci avevo mai fatto caso, ma in una foto del 2017 (Grazie a Dio c'è quella foto!) La si può individuare (non so se sia con certezza della stessa entità).
Da uma foto simile dell'anno 2016 invece questa rientranza non si vede (nel 2017 avevo 28 anni). Oltre a ciò, il muscolo è più piccolo a sx pur essendo io mancino .
Nella mano dx non si vede la rientranza, si vede solo leggermente se faccio anche con quella l'ok.
Il neurologo mi fece tenere le mani a riposo quando le esaminò a ottobre 2018 per eventuali atrofie. A riposo questa cosa non si vede neanche a sinistra, quindi palese che non l'abbia vista neanche lui.

Ora, cosa ho fatto io stupidamente... Ho guardato in internet su un forum di SLA e ho visto casi simili a questo. Ho tantissime cose da fare e mi trovo a non potermi concentrare perché la mia mente Va solo lì e sono al limite.

LA mia domanda è la seguente.
Questa specie di rientranza devo pensare che rientri nella mia normale costituzione fisica considerando che proprio quel muscolo, all'EMG di inizio gennaio 2019, è risultato sano e che in una foto del 2017 la si vede (e nel 2016 no)?

Guardi dottore, la prego di rispondermi perché sono in uno stato di disperazione che a parole non riesco a descriverle.
Grazie mille e mi scusi

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
È solo una cosa normale, stia tranquillo.
Non può vivere una vita così, ci pensi, sta molto male.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Utente 545XXX

Grazie mille.
Questa rientranza mi spaventa perché ha l'aria di essere una sorta di buco allungato ben evidente proprio nel mezzo del muscolo a sx e a dx invece sembra assente (o comunque presente in maniera molto minima, ma esaminando bene, quello di dx forse è solo un punto in cui la vena incontra il muscolo e quindi si può dire che lì a dx la rientranza sia assente, mentre a sinistra è decisamente presente).
Grazie per avermi tolto il dubbio... Anche io mi dico che avendo fatto l'EMG è assurdo preoccuparmi, però in internet avevo visto foto come la mia mano sul un forum di SLA e sono caduto nel panico.

Grazie per aver risposto alla mia richiesta!!
Buona serata

[#15] dopo  
Utente 545XXX

Salve dottore!
Posso porle solo una domanda? Riguarda l'esecuzione dell'EMG.
Quando mi è stato infilato l'ago nel muscolo primo interosseo dorsale (su entrambe le mani lo ha testato), per testarlo il neurologo elettromiografista mi ha fatto stringere con forza un pennarello tra il pollice e le altre dita, tenendole dritte.
Volevo chiederle se secondo lei questo è un metodo adeguato di testare il primo interosseo dorsale...Mi son detto: "l'elettromiografista saprà sicuramente come svolgere il proprio lavoro", però già che ci sono mi permetto di chiedere anche a lei cosa ne pensa.
Giusto per stare del tutto tranquillo, sa...

[#16] dopo  
Utente 545XXX

Egregio dottore,
Le scrivo nuovamente perché ho guardato un filmato in cui veniva eseguita una EMG e ho visto che per valutare il muscolo primo interosseo dorsale veniva usato un altro metodo, ovvero in questo video veniva fatto spingere il dito indice della persona lateralmente contro un dito dell'esaminatore.
A me è stato esaminato in modo diverso, cioè, come le ho scritto in precedenza, il neurologo elettromiografista mi ha fatto stringere una penna tra il pollice e tutte le altre dita (come se la stessi "afferrando" ma tenendo le 4 dita distese e unite tra loro anziché strigendola a mo' di pugno chiuso).

Mi permetto di disturbarla per chiederle se questi due metodi si equivalgono o se a me è stato esaminato il muscolo primo interosseo dorsale in modo sbagliato.

[#17]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
E' stato esaminato tutto in modo corretto.
E' comunque il contenuto del post e la visione, quindi dopo una ricerca, del filmato a confermare la diagnosi di disturbo ossessivo.
Lei si ostina a non curarsi, vuol dire che sta bene così!

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Utente 545XXX

Grazie infinite per il chiarimento. Mi era venuto il dubbio anche perché il neurologo che mi ha fatto l'EMG, mentre mi infilava l'ago nel primo interosseo dorsale, ha detto a un ragazzo che era lì (forse uno studente): "ora controlliamo l'ulnare", quindi mi è salito proprio oggi il dubbio angosciante che fosse stato controllato il nervo ulnare e non nello specifico il muscolo primo interosseo dorsale.

Avevo resistito per un po' di tempo, ma ogni tanto i dubbi tornano ad assillarmi, perché quando per esempio scrivo con la penna, magari l'occhio mi casca su un muscolo della mano e allora inizio a interrogarmi dicendomi: "controlliamo se è tutto come prima..."
Mi imbarazza anche scriverlo, ma è per spiegarle il "meccanismo" di questa continua ossessione. Più mi dico di non esaminarmi l'aspetto dei muscoli, più mi viene la tentazione di controllare.
Non è che non voglio curare la mia ansia, dottore. Non so come spiegarglielo, ma percepisco di voler essere sicuro di essere fisicamente sano, prima di focalizzarmi sulla risoluzione del problema ansioso...

E' stato davvero molto gentile e la ringrazio.
Buona serata.