Utente
Salve gentili dottori,

Vi contatto per avere qualche informazione in più, sul male che mi affligge da 30 anni. Ho 39 anni, da quando ne avevo 8 ho sviluppatto questo problema di emicrania con aura. Prima erano molto sporadiche le crisi, anche a distanza di anni. Da un anno non vivo più! Crisi ogni 10/12 giorni. In prevalenza con scotoma all'occhio sx rispetto al dx. In media 5/6 ad 1. Non sò che fare! Sono stato da una neurologa, ma non ho concluso niente a quanto pare.
Ma davvero ne 2020 non si capisce nulla di questa cosa?

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

la causa dell’emicrania con aura è sconosciuta ma ciò non vuol dire che "non si capisce niente".
Infatti nei periodi di maggiore frequenza degli attacchi è indicata una terapia di prevenzione, non con antidolorifici ma con altra tipologia di farmaci.
La neurologa non l'ha consigliata?

Le allego un link sull’argomento
https://www.medicitalia.it/minforma/neurologia/31-l-emicrania-con-aura.html

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio intanto per la risposta.

La dottoressa diciamo che è stata un pò sbrigativa nel mandarmi via. 150 euro per appena 18 minuti di visita mi sembrano eccessivi, ma sorvoliamo e torniamo a noi.
Mi ha prescritto:FRUGERAL 5MG 1 CPR la sera da lun a ven.
E di continuare a primi sintomi di aura con TACHIPIRINA FLASH TAB, che poi è l'unico farmaco che da quattro anni prendo, poichè gli altri valevano ancora meno.

Mi ha consigliato il monitoraggio delle crisi con un foglio tipo schema da lei stessa datomi. Dove debbo riportare la data, l'ora in linea di massima. Ma non l'alimentazione come ho visto che qualche suo collega consiglia su i vari video su youtube ecc.

Grazie sempre per la risposta, cordialità.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la terapia prescritta è congrua con la diagnosi fatta.
L'ha iniziata la terapia?

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dr. Ferraloro,

ho iniziato la terapia da 2 giorni, sinceramente scettico sulla sua valenza, visto tutto quello che leggo riguardo a questo problema. La sua collega non ha ritenuto opportuno secondo lei, che io facessi una RMN, visto che le crisi sono presenti da 30 anni.
Che cosa dobbiamo indagare a fare se è da 8 anni di età che ne soffre? (queste le sue parole)... Poi però ci ha ripensato dicendomi che una volta nella vita la si può anche provare, e che se proprio volevo togliermi il dubbio la potevo fare, ma senza fretta.
Mi ha scritto accanto alla terapia:RM encefalo e Angio-Rm vasi intracranici. Ma senza contrasto mi ha detto perchè a questo scopo il contrasto non serve. Lei concorda?
Grazie ancora per il suo tempo!

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la flunarizina (flugeral) è uno dei farmaci utilizzati come prevenzione dell’emicrania, spesso dà ottimi risultati, deve attendere però alcune settimane per vedere eventuali benefici.
Concordo con quanto detto dalla neurologa.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Si infatti mi è stato detto di attendere almeno un mese prima di trarne qualche beneficio, e che cisaremmo dovuti rivedere a gennaio.
Volevo però farle una domanda che non ho fatto in tempo a fare alla sua collega, cioè: se si riesce a capire perchè nel mio caso specifico ho più attacchi con scotoma all'occhio sx, piuttosto che al dx. Siamo nell'ordine di 5/6 episodi al sx, prima di avere uno scotoma al dx, che ovviamente è il peggiore perchè mi provoca afasia.
Poi noto che da quando le crisi sono più vicine nel tempo, sono inferiori di intensità di dolore, durata e sintomatologia, nel senso che non mi provoca più vomito e raramente parestesie. Questo se lo scotoma è all'occhio sx, perchè le crisi al dx sono ancora piuttosto pesanti, tanto che in luglio sono finito al ps, tanto era pesante la crisi. Mi hanno fatto anche una tac d'urgenza senza mezzo contrasto.

Cordialità!

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

essendo l'emicrania con aura a causa sconosciuta altrettanto non noto è il meccanismo per cui l'aura può manifestarsi a destra o a sinistra.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#8] dopo  
Utente
Gentile Dott. Frerraloro,

la ringrazio ancora per la sua risposta.
La sua collega mi ha fatto fare delle analisi al sangue.
In particolare il cortisolo. Dice che trattasi dell'ormone dello stress, che secondo lei è la causa principale degli attacchi. Io ho fatto presente che secondo me sono reattivo ad alcuni cibi ed al clima, specie nelle giornate ventose. Lei tutto sommato afferma che queste possibili cause sono irrilevanti, mi ha detto di mangiare tutto con tranquillità e di non pensarci perchè è lo stress la causa principèale. Io ho avuto anni i quali effettivamente ero più stressato e dormivo non più di 4-5 ore. Adesso però non è più così, perchè dormi di più e sto più tranquillo lavorativamente parlando. Poi comunque il cortisolo è risultato essere nella norma. Davvero non saprei che dire!!!

[#9]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

solo per una precisazione terminologica.
"è lo stress la causa principale", come Le dicevo precedentemente l’emicrania con aura è a causa sconosciuta, per cui lo stress non può essere la causa ma solo uno dei fattori scatenanti, certamente il più frequente.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#10] dopo  
Utente
Grazie ancora per le sue risposte!
Volevo chiederle una cosa ancora....
Sono figlio d'arte,nel senso che anche mia madre, così come 2 miei cugini paterni ne soffrono anche se molto più di rado. Ho letto in giro che può essere una cosa ereditaria, quindi io sarei maggiormente colpito perchè c'è familiarità sia materna che paterna per via dei miei cugini.
Ho anche letto che questo brutto mostro come lo chiamo io, potrebbe ad una certa età scomparire.
Mia madre che non aveva mai sofferto di mal di testa alcuno, per la prima volta la ebbe a 45 anni(suppongo periodo di menopausa). Tuttavia lei non ha mai avuto sintomi che vanno oltre l'aura(scotoma) ed raramente una pesantezza alla testa, ma molto lieve. Senza mai soffrire di vomito,parestesie,afasia. Adesso ha 79 anni e ne soffre ancora 5/6 episodi l'anno. A questo punto ho paura che la teoria della scomparsa con l'età sia errata.
Lei cosa ne pensa?

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

esiste una familiarità che non bisogna confondere con ereditarietà, infatti per familiarità s'intende un aumento del rischio rispetto ala popolazione generale.
Riguardo la remissione della sintomatologia con l’età, questa è confermata ma è un dato statistico nel senso che la maggioranza dei soggetti con l’età va incontro a remissione ma esiste anche una minoranza...

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Utente
Gent.le Dott. Ferraloro,

Mi permetto di approfittare ancora una volta della sua gentilezza per porle ancora altre 3 domande(questa volta le ultime prometto)...
Ho un dubbio che mi pervade da un pò....
Cioè, tempo fa ebbi, a causa di problemi varicosi alle gambe, una trombosi alla safena di sx. Sbloccata poi con clexane8000, con antibiotici(visto il pervenire anche di febbre), e pomate varie suppongo cortisonici...
Non è questo cmq il punto... La domanda sorge dal fatto che l'angiologo che mi curò all'epoca, Mi disse che cmq quella vena andava operata, ed essendo giugno e quindi un mese caldo, era cosigliabile farlo a novembre.
In questo lasso di tempo mi diede una cura dI mantenimento. Si trattava di Prisma da 50 mg una al dì fino a novembre. Il dilungarmi serve a me a chiederle: siccome io non andai mai ad operarmi, ma ho continuato comunque per paura di nuova trombosi le compresse di Prisma per quasi 2 anni, ed in quel lasso di tempo non ebbi nessuna crisi emicranica, potrebbero le prisma aver contribuito alla sospensione degli attacchi?
Chiedo scusa per il poema sopra riportato... La seconda domanda è: leggo sul web di persone che hanno un problema di forame ovale pervio. Volevo chiederle che corrispondenza potrebbe esserci nel mio caso, con questo aumentare delle crisi all'improvviso?
La terza è: leggo che esiste un centro che millanta miracoli con la correzione dell'atlante. Ci si può fidare di questi chiropratici secondo la vostra esperienza medica?

Grazie per la sua gentilezza!

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

1. Il mesoglicano (prisma) non ha come indicazione la prevenzione dell’emicrania con aura, ritengo possa essere una coincidenza.

2. In passato si riteneva che ci fosse una correlazione tra forame ovale pervio ed emicrania con aura, tuttavia oggi questa correlazione viene messa fortemente in discussione.

3. Centri che millantano miracoli non sono seri.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro