Utente
Buonasera, premetto che da adolescente ho sofferto di emicrania con aura risolta durante la crescita spontaneamente.
Il tutto è ricomparso con qualche episodio dopo un periodo di stress e si è aggiunta la disartria, di nuovo tutto passato dopo un breve periodo.
Allora feci anche una risonanza encefalo che non riscontro nulla di particolare.
Oggi i sintomi sono ricomparsi di nuovo sempre con la stessa modalità: comincia l'aura, appena passa compare l' emicrania dal lato opposto a quello in cui è comparsa l'aura e quindi disartria, che sembra peggiorata con senso di intontimento, creandomi non poche difficoltà al lavoro.
Attualmente non ho fatto altri accertamenti e chiedo consigli su cosa poter fare per ridutte questi sintomi.
Grazie

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

purtroppo non c’è molto da fare per ridurre i sintomi dell'aura.
Soltanto quando gli attacchi sono frequenti è possibile ricorrere, dopo consiglio specialistico, ad una terapia di prevenzione.
Nei casi isolati invece, qualora la cefalea seguente sia severa, è indicata l’assunzione più precocemente possibile degli antidolorifici ma questi non hanno efficacia sull'aura.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottore la ringrazio per la sua risposta e se possibile le chiedo inoltre se secondo lei è il caso che io faccia degli accertamenti per la disartria transitoria che compare insieme agli altri sintomi. Grazie Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
se la disartria è un sintomo nuovo è opportuno effettuare una visita neurologica, sarà poi il collega che, in base ai riscontri della visita, potrebbe o meno richiedere degli esami strumentali.
Verosimilmente il disturbo rientra nella tipologia dell'aura afasica.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro