Utente 208XXX
Gentili Dottori, Vi scrivo per mio fratello (33 anni), il quale ha subito un'operazione con laser per eliminare il problema dell'ipermetropia. L'intervento risale al mese di febbraio e ad oggi presenta ancora disturbi, in particolare all'occhio destro. L'occhio è continuamente appannato e soltanto con l'uso continuo di lacrime artificiali riesce a vedere correttamente; soltanto che il problema si ripresenta a brevissima distanza, circa dopo un minuto. Quindi per avere sollievo al disagio, è costretto ad usare continuamente le gocce, oppure a strizzare l'occhio. L'oculista ha cercato di rassicurarlo e ha ripetuto già due volte tutti i controlli, assicurandogli che l'occhio non presenta nessun problema e che l'operazione è riuscita molto bene; è rimasto un leggerissimo difetto all'occhio destro, quello che gli crea problemi. Inoltre l'occhio sinistro era affetto da strabismo, che l'operazione non ha risolto completamente, anche se adesso è talmente lieve da non essere visile.
L'oculista gli ha chiesto di avere ancora pazienza, che probabilmente il disturbo è dovuto alla nuova situazione visiva alla quale il suo cervello deve ancora abituarsi. E' una spiegazione plausibile? Possibile che a distanza di più di tre mesi ci sia ancora un problema del genere?

[#1] dopo  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
SVIZZERA (CH)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
mia cara Signora,
direi che la pazienza aiuta, ma anche quello di fornirci qualche dato in più:
1)quanto era ipermetrope suo fratello?
2)quale tecnica è stata utilizzata?
3) ultima pachimetria e topografia corneale??
insomma tutti i dati che ci possono consentire dare una mano al Suo congiunto.
sarebbe bello e necessario che ci scrivesse lui.
(sa c'è una valida Legge sulla PRIVACY)c

a presto
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 o 0258395333

[#2] dopo  
Utente 208XXX

Dr. Marino, La ringrazio molto per la Sua risposta.
Capisco che le informazioni da me fornite siano alquanto scarne e insufficienti per poter esprimere un parere, ma Le scrivo all'insaputa di mio fratello, il quale visto l'esito dell'operazione (che pensava ben diverso e soprattutto immediatamente risolutivo)vive da un paio di mesi nell'angoscia di chissà quale danno subito, condizione che gli ha causato la perdita di 6 kg di peso nel giro di 2 mesi.
Quindi ho pensato che coinvolgerlo sarebbe stato per lui fonte di maggior preoccupazione dal momento che tutti lo stiamo consigliando di vivere tranquillamente, oculista compreso.
Comunque cercherò in qualche modo di fornirle le informazioni richieste.
Grazie per la Sua cortesia.