Utente
Salve, porto occhiali progressivi che correggono ipermetropia, presbiopia e astigmatismo, quest'ultimo solo all'occhio destro.
Premetto che sono nuovi, e adopero lenti progressive con successo da più di 10 anni.
Mi succede che, dopo pochi minuto d'uso del pc o dello smartphone, mi si presenta un difetto visivo all'occhio sx e vedo sfocato, il destro continua a vedere perfettamente. Ho misurato la vista dal tecnico optometrista e da due oculisti e le misurazioni coincidono perfettamente con le mie lenti. Naturalmente, quando mi sottopongo a tali visite, non sono reduce dall'uso del pc e vedo perfettamente. Le diagnosi sono di occhio sano e sanza problemi di sorta. A casa, quando mi si presenta il problema, non ho mezzi per fare controlli, però ho provato a fare un esperimento un po' spartano ed ho provato a guardare con l'occhio sinistro attraverso la lente del destro, che corregge anche l'astigmatismo e ho avuto la sorpresa di vedere bene. Mi sembra strano che l'astigmatismo possa variare in continuità e probabilmente si tratterà di chissà quale coincidenza fisica il miglioramento visivo. Se abbandono il pc o lo smartphone, continuo a vedere male anche tutto il resto, per circa mezz'ora, poi il problema si risolve, fino a quando non torno ad un dispositivo multimediale. Sono alquanto disperato e mi trovo con grande disagio, specie alla notte, quando devo passare diverse ore al pc per turno di lavoro. Non so più a chi rivolgermi per cercare di capire la natura del problema.
Grazie e un cordiale saluto.

[#1]  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
Prenota una visita specialistica
ha eseguito topografia corneale?


e’ stato visitato da un medico oculista?


penso proprio di NO


Dopo i 40 anni inizia la presbiopia e la degenerazione del cristallino che porta alla cataratta.

Se LEI non ha un cheratocono e mi sorprende che non lo sappia alla sua eta’,

la variazione di astigmatismo e’ legata ad una irregolarita’ del cristallino legata all’invecchiamento.

Le ricordo anche che dopo i 50 bisogna fare un esame OCT di routine per escludere distrofie

maculari o maculopatie legate all’eta’.

Per cui il consiglio piu’ sincero e’ quello di andare da un medico oculista

ed analizzare correttamente tutto l’apparato VISIVO

non cambiare gli occhiali e basta.

e’ iperteso?

ha fatto fundus oculi?

la periferia retinica come e’?

la pressione oculare?

LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 / 02 58395516

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la celere risposta, l'ultima visita oculistica l'ho fatta ieri pomeriggio, la precedente il giorno 7 ottobre, da medici diversi. La pressione oculare risultava nella norma, fondus oculi a posto e nessun segno di cataratta. Per quanto riguarda topografia e OCT, non sono stati fatti e nemmeno proposti da nessuno dei due medici che, nonostante abbia spiegato bene il mio problema, hanno diagnosticato non esserci nessua patologia. Sono stato subito dopo anche dal tecnico optometrista che mi ha confermato i valori della vista rilevati dall'oculista e, rifacendo la prova anche da lui, con gli occhi a riposo, vedevo benissimo. Arrivato a casa, dopo 15 minuti di PC, si è riproposto il problema e solo all'occhio sinistro. Adesso andrò alla ricerca di qualche medico più paziente e che abbia la volontà di ascoltarmi e farmi provare la vista a riposo e poi subito dopo aver adoperato il PC e magari farmi fare tutte quelle prove che mi ha proposto lei, che io, essendo non professionista, non conoscevo e non potevo pretendere, specie davanti a un medico che insiste nel non rilevare alcun problema. Credo che dovrò spostarmi nelle ricerche fuori dalla mia città, in quanto qui, credo di aver finito le risorse.
Molte grazie nuovamente e cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
a mio parere
deve valutare bene il suo disturbo e poi affrontarlo

fare il ping pong tra medico oculista e altre professioni NON SANITARIE

non e ‘ sempre utile

le allego un mio appunto che trova su medicitalia

buona serata



Proteggliamo i nostri occhi e quelli dei nostri figli dalla luce Blu.

Al giorno d'oggi trascorriamo sempre piu' tempo davanti al PC.

Dalla mattina presto sino a sera tardi (ed a volte molto tardi).

Secondo un recente lavoro di ricerca condotto su di un campione statisticamente significativo trascorriamo davvero tantissimo tempo davanti ai nostri dispositivi digitali: il 30% di questo campione utilizzava i dispositivi smartphone, i tablet (le magiche tavolette), i computer, almeno 6 ore al di, un altro 14 % oltre 10 ore.

E' normale vedere ragazzi in giro, per strada che anche mentre mangiano un panino o passeggiano guardano o chattano con il loro cellullare.

La luce blu e' presente naturalmente nello spettro luminoso , nella luce naturale, (quella solare), la sua lunghezza d'onda e' simile a quella da raggi ultravioletti ma la luce blu e' anche emessa in maniera molto maggiore ed ARTIFICIALE da tutti i dispositivi LCD e LED di smartphone, tablet, TV, e PC, dai sistemi di illuminazione e lampade a basso consumo eneergetico.

La luce BLU ha una lunghezza d'onda corta e quindi maggior frequenza ed energia.

I dispositivi come gli smartphone e tablet emettono sino al 40 % di luce blu e la loro diffusione e' in crescita e cosi' anche gli effetti negativi sul benessere visivo, e sull'occhio.

Le cause del problema sono principalmente due:

la distanza di utilizzo molto ravvicinata
l’alta emissione di luce BLU

La luce blu influenza il ciclo sonno - veglia?

Direi proprio di sì... e' come un JET LEG senza il viaggio o la vacanza.

L'esposizione a luce BLU influenza il ciclo circadiano in quando e' in grado di inibire la produzione di MELATONINA, molecola responsabile di un buon equilibrio SONNO - VEGLIA.

L'effetto benefico (a piccole dosi) e' che puo' migliorare i nostri tempi di reazione nelle ore serali e notturne.

L'effetto negativo e' che in altri casi, invece, crea disturbi importanti del sonno.

La sovraesposizione alla luce blu puo' dare insonnia, irritabilita', cali di attenzione, patologie oculare importanti:

dislacrimie,
alterazioni qualitative e quantitative del film lacrimale
fotofobia, bruciore , irritazioni
congiuntiviti croniche o ricorrenti
cataratta precoce
degenerazione maculare.
Infine alcuni autori hanno sottolineano che le alterazioni del sonno (indotte da luce Blu) possono portare a Diabete ed Obesita', ma anche alterazioni della postura , lombosciatalgie, cefalea ed emicrania ricorrenti.

Per proteggerci dalla luce blu?

Sicuramente possiamo introdurre nella dieta antiossidanti e prodotti ricchi di pigmenti retinici ed in particolare di Luteina.

Quindi mangiamo frutta e verdura della piu' colorata che ci sia, aumentiamo il carico idrico cosi da avere una buona composizione e sufficiente quantita' del film lacrimale ed un corpo vitreo ben organizzato e trasparente.

Ma cambiare le nostra dieta ed il nostro stile di vita a volte e' molto difficile.

L’alternativa molto valida ed efficace e' ora possibile grazie ad un trattamento BLUE -CONTROL presentato in Italia da HOYA che puo' essere applicato alle comuni lenti da vista.

Gli effetti benefici sono immediati: le lenti trattate con BlueControl hanno effetti rilassanti sugli occhi, grazie ad un aumento del contrasto alla visione , alla riduzione dell'abbagliamento , garantendo una percezine naturale dei colori.

Quindi le lenti Hoya BlueControl costituiscono davvero un fattore di protezione importante per studenti, ragazzi, adulti ed anziani (soprattutto dopo intervento di cataratta se non sono state inserite IOL con trattamento anti luce Blu e ultravioletti).

Per trovare le lenti BlueControl basta cliccare su www.hoya.it



N.B. L’autore non ha alcun interesse commerciale con Hoya.




ADESSO PERO’ SIA GENTILE E SEGUA IL MIO CONSIGLIO OCT MACULA E TOPOGRAFIA CORNEALE


BUONA SERATA
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 / 02 58395516

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio tanto per i consigli, valuterò quale medico consultare e speriamo sia d'accordo nel prescivermi gli esami da lei consigliati.
Buona serata e cordiali saluti.

[#5]  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
BENE
MIA MAIL

PROFLUIGIMARINO@GMAIL.COM


E MI SCUSI SE SONO STATO UN PO’ BRUSCO STAMATTINA

MA DOPO DI LAVORO UNA NOTTE IN OSPEDALE...

LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 / 02 58395516

[#6] dopo  
Utente
Assolutamente nessun problema, la capisco perfettamente, sono 28 anni che faccio turni e anche la notte, ed è lì che incontro i problemi più grossi, devo passare almeno quattro ore al pc. No so se avrei la forza, come Lei, a dedicarmi anche a questi consulti dopo il turno di notte.

[#7] dopo  
Utente
Buonasera dott. Marino, oggi ho contattato via mail il primo oculista che avevo visto e che poi sarebbe quello abituale e mi ha consigliato di passare da lui per fare una P.A.C. (Perimetria Automatica Computerizzata) e il Campo Visivo Computerizzato. Credo che sia un buon inizio e forse si può già rilevare qualcosa, lei cosa ne pensa?

[#8]  
Dr. Luigi Marino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
ottima idea

e’ un BUON INIZIO


buona serata
LUIGI MARINO CHIRURGO OCULISTA
CASA di CURA “ LA MADONNINA “ via Quadronno n. 29 MILANO tel 02 58395555 / 02 58395516