Utente 326XXX
Buongiorno, scrivo per un problema sorto a mia moglie dopo una terapia canalare, mi spiego meglio:
dopo una terapia canalae al penultimo molare(quello prima del fatidico dente del giudizio), mia moglie continuava ad avere dei piccoli fastidi e decise di recarsi da un altro medico che riaperto il molare dopo aver visto una panoramica ha provveduto ad una accurata ulteriore pulizia dei canali che effettivamente risultavano parzialmente chiusi e ad un lavaggio tramite soluzione (come candeggina per intenderci)iniettata con una siringa. e fin qui tutto normale. Una volta puliti i canali il medico ha provveduto ad una temporanea occlusione e mia moglie è ritornata a casa. Al rientro a casa, ha notato subito che sentiva colare nel naso il liquido che era stato iniettato nel canale del dente, soffiando il naso da esso è uscito liquido che puzzava di candeggina e sangue, ma al contempo si liberava il naso da quel senso di ostruzione che l'accompagnava ormai da diversi anni. Si è recata un pò spaventata dal medico il quale non ha riscontrato nessuna anomalia e l'ha tranquillizzata dicendo che forse si erano liberati i turbinati nasali. Il sangue è passato entro 2 giorni circa (non era eccessivo comunque) ora a distanza di una ssettimana spurga catarro da quella narice e dalla gola quasi continuatamente e lo stesso è abbastanza tenace, ma al contempo la narice è liberissima cosa che non aveva più da anni, soffrendo tra l'altro da tanti anni di una fastidiosa forma di sinusite che le procura emicranie violente. Vorrei sapere se è possibile che attraverso un canale dentale si possa arrivare ai turbinati nasali o è stato fatto quanche sbaglio?????grazie infinite.

[#1]  
Dr. Paolo Patrucco

24% attività
0% attualità
4% socialità
CASALE MONFERRATO (AL)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2000
gentile paziente ,
prima di tutto non si spaventi ,può succedere ... le spiego,se sua moglie soffre di sinusite cronica significa che i seni mascellari possono aver subito una ipertrofia e quindi essere moderatamente gonfiati fino a venire a contatto con l'apice delle radici del dente in questione ,facendo lavaggi canalari nelle radici si è creata una comunicazione con il seno mascellare .Suggerirei
1 )visita otorinolaringoiatrica
2 )T.A.C. dei seni mascellari
3 )completamento della cura canalare del molare e successivamente controllo radiologico a distanza di 6 mesi.
mi tenga al corrente
Paolo Patrucco
Paolo Patrucco

[#2]  
Dr. Massimo Russo

20% attività
0% attualità
0% socialità
SIRACUSA (SR)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2006
Purtroppo devo dirle che per quanto racconta sembra che le siano stati perforati gli apici e che il lavaggio con ipocolrito di sodio, che fa odore di varechina, sia arrivato fin dentro il seno mascellare e proprio all'interno della membrana antrale e che abbia creato un sanguinamento da trauma chimico che normalmente causa rinorragia.
Massimo Russo
Siracusa
3355241706
093138108
massimodott.russo@alice.it

[#3]  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
La cosa che mi colpisce di più è la liberazione di sua moglie dal senso di ostruzione che accompagnava sua moglie da anni.
Liquido può passare dal dente al seno mascellare, in genere con fastidi temporanei.

Il catarro non è altro probabilmente che uno di questi fastidi temporanei.

Ma lei non dovrebbe essere preoccupato, ma sollevato dal miglioramento di sua moglie, che mi auguro sia stabile nel tempo.

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#4]  
Dr. Elio Chello

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Una comunicazione con il seno mascellare è sicuramente l'ipotesi più plausibile; se la sintomatologia persiste farei comunque un esame Rx di controllo ed una visita otorinolaringoiatrica.

Cordiali Saluti

Dott. Elio Chello
Dott. Elio Chello

[#5] dopo  
Utente 326XXX

gentili dottori, grazie per le tempestive risposte, di sangue dal naso non ne esce più, solo del catarro molto denso, praticamente vecchio scende verso la gola sul lato sempre della narice in questione. Certamente la terapia canalare sarà completata e farò fare una ulteriore radiografia. dalla panoramica che già mia moglie ha in casa recente tra l'altro risulta effettivamente un contatto con l'apice del dente in questione e lei soffre da anni di sinusite cronica sx.Potrebbe essersi risolta anche questa odiosa sinusite??? mi consigliate un consulto anche presso un otorinolaringoiatra dello staff di medici.it???? grazie tante.So che alle volte le sinusiti possono dipendere da fastidi ai denti, la mia speranza è proprio questa.

[#6]  
Dr. Alberto Ricciardi

24% attività
0% attualità
12% socialità
TREBISACCE (CS)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Penso di non poter aggiungere niente di SIGNIFICATIVO a quello che i miei emeriti colleghi le hanno appena suggerito:
1) t.a.c. oppure DENTALSCAN
2) visita OTORINOLARINGOIATRICA oppure presso il reparto ODONTOSTOMATOLOGICO dell'Università
3) amoxicillina compresse 1g due volte al dì ( in questi casi... non guasta mai)

Restiamo in attesa di ulteriori novità!
Auguri !
Dr. Alberto Ricciardi
Odontoiatra - Ipnotista
via Fratelli Rosselli 16, 87075 Trebisacce (CS)
tel 3495338167

[#7]  
Dr. Pietro Convertino

24% attività
4% attualità
0% socialità
ALBEROBELLO (BA)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2004
Concordo con i colleghi.
Mi coprirei con dell'antibiotico, e faei una tac dei seni paranasali.
Completata la terapia canalare potrebbe anche migliorare del tutto la sinusite cronica che non è escluso possa essere di derivazione odontogena.
Saluti
Dr. Pietro Convertino
Dr. Pietro Convertino
Odontoiatra

[#8]  
Dr. Enio Dell'Artino

16% attività
0% attualità
8% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2002
Una comunicazione con il seno mascellare è sicuramente l'ipotesi più plausibile; se la sintomatologia persiste farei comunque un esame Rx di controllo ed una visita otorinolaringoiatrica.

Cordiali Saluti

Dr Enio Dell'Artino
Viale Lavagnini, 45 Firenze
Via Colombo 16/b Scandicci Fi
tel 055 481829 - 499646

[#9] dopo  
Utente 326XXX

gentili dottori, vorrei solo sapere se percaso vi è una comunicazione tra il seno mascellare e la radice del dente in questione, magari per una perforazione della stessa radice, il materiale usato per l'occlusione del dente potrebbe arrecare ulteriori danni???? se dovesse risultare una perforazione degli apici, che dovrei fare?????grazie tante

[#10]  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Caro utente 32671, la questione non sembra così astrusa. Da quello che lei ha scritto si evince trattasi di comunicazione dento-sinusale, non del tutto rara. Bisogna scoprire se sono chiamate in causa tutte e tre le radici o soltanto alcune di loro. Questo purtroppo lo si può notare solo con l'ausilio del dentalscan 3D. Fatto questo bisogna solo effettuare una buona terapia endocanalare con ottimo sigillo apicale. Per quel che riguarda la sinusite, va curata a parte con ampicillina 2 gr al giorno per 5 giorni.
Mi faccia sapere
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.