Utente 223XXX
Buonasera, vorrei un consiglio su una situazione che mi preoccupa un po' e magari non ne avrei bisogno.
Mercoledì 28 (quindi due giorni fa) il dentista mi ha estratto un molare (precisamente quello subito prima del dente del giudizio, a sinistra) devitalizzato anni fa e praticamente ridotto a scaglie. L'intervento è stato un po' complicato sia per la posizione del dente che per la sua tenacia nel venir via. Una volta a casa il coagulo si è disfatto e ha iniziato a sanguinare ma dopo un po' è tutto rientrato nella norma.
La mia preoccupazione riguarda il colorito della ferita che appare un po' scura (direi marroncina chiara) e un senso di lieve prurito (più una sensazione di gonfiore ma che alla vista non sembra), in più se stringo i denti sento tutto il lato sinistro del viso come indolenzito. E' un normale decorso o faccio bene a preoccuparmi?
Prima dell'estrazione ho fatto una cura preventiva di antibiotico (Cefixoral, una al giorno) per tre giorni, poi altre due compresse (l'ultima stamattina). Il dentista non mi ha consigliato nessun colluttorio e io, visto che non posso lavarmi i denti normalmente ma al massimo dall'altro lato, mi sono fatta consigliare dal farmacista un colluttorio. Questo mi ha dato CURASEPT (Clorexidina 0,05+Fluoro 0,05) da usare due volte al giorno, è utile secondo voi? Ho preso questo con poca percentuale di clorexidina perchè temevo che la 0,20% bruciasse troppo in bocca).
Spero davvero che possiate darmi qualche spiegazione perchè è una situazione che mi mette in agitazione e non posso farne partecipe i miei familiari. Dopo l'intervento si sono aggiunti altri sintomi tipo dolore alla guancia e la sensazione del naso che "tira" e come potrete immaginare, addosso tutta la colpa all'estrazione.
Inoltre ho un'altra radice da togliere che è quella successa a quella già estratta che ogni tanto mi lascia un brutto sapore in bocca e che pare essersi "svegliata" dopo l'estrazione, con un lieve dolore e una sensazione di gonfiore alla gengiva. Radice che devo estrarre tra qualche settimana, per giunta.
Vi chiesto scusa per la lunghezza della domanda e spero che mi rispondiate comunque.
Grazie anticipatamente :)

[#1] dopo  
Dr. Cataldo Palomba

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
non si può affermare nulla con certezza senza una visione diretta: probabilmente il decorso rientra nella normalità, l'area 'marroncino' dovrebbe corrispondere al coagulo, e la sensazione di leggera dolenzia è comunque giustificata dato che sono trascorsi solo 2 gg e l'intervento è stato indaginoso, forse anche con fresatura dell'osso periradicolare.

In effetti l'uso del collutorio ( tra l'altro alla concentrazione di 0,05% di clorexidina è praticamente inutile, meglio invece allo 0,20%) può risultare dannoso poichè gli sciacqui possono destabilizzare il coagulo, con ritardo del processo di guarigione ed in alcuni casi sviluppo di alveolite.
https://www.medicitalia.it/minforma/odontoiatria-e-odontostomatologia/304-alveolite-post-estrattiva-secca.html

Per evitare una tale complicanza post-operatoria, non grave ma sicuramente fastidioza, meglio l'uso di un gel o di uno spray a base di clorexidina.

Cordiali SAluti
https://www.facebook.com/dentistarantonline
Risposta ad esclusivo scopo informativo, non costituisce diagnosi, non sostituisce la visita medica.

[#2] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
il decorso è normale, come è normale avere fastidi sull'area corrispondente
utile il colluttorio che attualmente usa
stia tranquilla
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#3] dopo  
Utente 223XXX

Gentile dottor Palomba, innanzitutto la ringrazio per la rapida risposta. Quindi mi consiglia di non usarlo? Ho letto proprio su Medicitalia che molti dei suoi colleghi consigliano i colluttori dopo un'estrazione chirurgica e me l'ha confermato anche il farmacista. Sì il colorito rosa scuro/marroncino corrisponde all'area dove prima c'era il dente, quindi la ferita vera e propria.

[#4] dopo  
Utente 223XXX

La ringrazio infinitamente dottor Finotti :)

[#5] dopo  
Dr. Cataldo Palomba

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
8% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
La concentrazione della clorexidina è molta bassa, quindi con un'azione antisettica minima, non sufficiente in questi casi, praticamente potrebbe arrecare più danno, per i motivi spiegati, che altro:
dato che dovrà estrarre anche l'altra radice, in previsione può acquistare uno spray alla clorexidina allo 0,20%.
Quel tipo di collutorio è più indicato per un uso quotidiano dopo l'igiene quotidiana serale.
Cordiali Saluti
https://www.facebook.com/dentistarantonline
Risposta ad esclusivo scopo informativo, non costituisce diagnosi, non sostituisce la visita medica.

[#6] dopo  
Utente 223XXX

Egregi dottori, siete gentilissimi nel prestarmi attenzione ma le vostre risposte mi disorientano. Lei dottor Palomba mi dice che il colluttorio è inutile se non dannoso, lei dottor Finotti dice che è utile.
Per ora l'ho usato solo una volta dopo pranzo e non ho notato niente nè di positivo nè di negativo.

[#7] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
non sono in contrasto le risposte e le spiego il perchè
il colluttorio a concentrazione più elevata è sicuramente più efficace
il colluttorio indipendentemente dalla concentrazione se usato liquido e non in gel o spray nelle prime 24h può provocare la rimozione del coagulo ma non è più il suo caso ( sono passate 48h )
stia tranquilla non c'è nulla di sbagliato in quello che atttualmente sta facendo può solo essere meno efficace di un colluttorio a concentrazione maggiore ma che comunque dovrebbe usare per un periodo breve in quanto dà altri problemi
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#8] dopo  
Utente 223XXX

Gentilissimo dottor Finotti, non immagina quanto le sue risposte (e quelle del dottor Palomba ovviamente) mi diano aiuto.
Quindi posso stare tranquilla per il coagulo, inoltre non faccio sciacqui violenti (e non faccio nemmeno andare acqua o altre bevande sulla zona). Vorrei solo chiederle(vi) un'ultima cosa. Ora che ho saputo dell'esistenza dell'alveolite (non la conoscevo), è possibile che si presenti visto che circa 3 ore dopo l'intervento il coagulo si è disfatto e la ferita ha sanguinato un po' (subito tamponata con garza)?
Spero proprio di no...

Grazie ancora.

Ps. mi rendo conto che la concentrazione di clorexidina è minima, ma da profana suppongo che sia meglio di niente, visto che il mio dentista non mi aveva consigliato niente di niente.

[#9] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
l'alevolite è una patologia che ha quadri clinici che lei attualmente non riferisce
non ci pensi
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#10] dopo  
Utente 223XXX

Egregi dottori, visto che non riesco a mandare una nuova richiesta di consulto (non so se sono io ad essere particolarmente impedita o c'è qualche modifica al sito che io non capisco) vi espongo qui il mio problema, inerente sempre a problemi post-estrattivi.

Le estrazioni ora sono due, una risalente al 28 settembre e l'altra al 21 ottobre, nessuna delle due ferite è ancora guarita. Non fanno propriamente male ma a volte "pungono" e sono rosse, soprattutto la prima (28 settembre) e se muovo la guancia sento un piccolo dolore, in più ho problemi anche alla parte della gengiva che non è stata interessata dall'estrazione anche se si trova sullo stesso lato sx, è un po' arrossata e intorno ai denti (sani, non otturati) si nota come un "bordino", un rilievo proprio sopra i denti. Proprio in questo momento sento come una "puntura" sopra un dente sano, sulla gengiva. In più ho la lingua "a carta geografica", soprattutto sul lato che tocca la gengiva sottoposta a doppia estrazione. Ho una sensazione di bruciore su lingua, gola e bocca in generale. E ho anche un indolenzimento alla guancia sinistra anche se lieve.Lunedì ho appuntamente con il dentista ma vorrei tanto che mi diceste, secondo la vostra esperienza, cosa sta succedendo perchè credetemi che dopo un mese e mezzo la situazione è diventata davvero fastidiosa, mi provoca molta ansia e questa gengiva che non guarisce mi impedisce anche di vivere normalmente (non mangio cose dure, mangio solo da un lato ed evito cibi e bevande calde per il terrore che si sfaldi il coagulo).
Non sto usando medicinali nè antibiotici, solo sporadicamente (tipo una volta al giorno) un colluttorio, di cui già parlo sopra, CURASEPT (Clorexidina 0,05+Fluoro 0,05), che uso da quando ho estratto il primo dente a settembre ma non tutti i giorni proprio per evitare infiammazioni. Cosa ho sbagliato?
Mi aiutate a capire per favore?
Devo aggiungere che in una lastra fatta circa 5 anni fa è emerso un inizio di quella che una volta si chiamava semplicemente piorrea ma che oggi la si chiama in un modo che ora mi sfugge, perdonatemi.
Grazie infinitamente.