Utente 125XXX
Salve,sono una ragazza di 26 anni, un anno fa iniziai ad accusare dolore al premolare sinistro in basso,così la mia dentista, in maternità, mi mandò da un suo collega,il quale mi trovò una carie, pulì il dente e richiuse.In questo anno spesso ho accusato fastidio alle gengive,sopratutto lì vicino...ma essendo solo un leggero fastidio ho lasciato correre.
Fino a sabato,quando,dal nulla ho iniziato ad avvertire un dolore fortissimo dall'orecchio al mento,e gonfiore sotto il dente in questione.
Martedì sono andata dalla mia dentista che,passando come urgenza mi ha ricevuto e ha subito pensato che il problema poteva essere una devitalizzazione che andava fatta l'anno scorso...infatti ha aperto il dente(da cui è uscita una puzza di cadavere non indifferente) e lo ha devitalizzato senza anestesia date le sue condizioni.
Ha poi optato per lasciare il dente aperto,mettendo del cotone bagnato col colluttorio ogni volta che mangio e toglierlo solo dopo aver lavato per bene i denti.
Devo procedere così per 2 settimane, facendo un ciclo di antibiotico.
Ha inoltre aggiunto che se la situazione non dovesse evolversi positivamente,l'unica soluzione sarà togliere il dente.
Ora, avrei un paio di domande...lo so che dovrei fidarmi della mia dentista,ma dopo l'esperienza avuta preferisco sentire più dentisti...
1)un dente può stare aperto per 15 giorni?(tenendo conto che utilizzo il cotone ogni volta che mangio e lo tolgo solo dopo un'attenta pulizia)
2)siccome c'è ancora cattivo odore(anche se molto meno rispetto all'inizio) non c'è un modo per "lavare" l'interno di questo dente?!non so,magari con una siringa per diabetici!
3)come è possibile che io rischi di perdere il dente dopo una piccola,e unica, carie?!non ci sono altre soluzioni?!il dolore è passato...ma da cosa capisco se c'è questo rischio o meno?

Ringrazio anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Paolo De Carli

28% attività
4% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2012
Gentile Paziente,

il trattamento endodontico (devitalizzazione) corretto ed attuale prevede la sagomatura, detersione ed otturazione tridimensionale dei canali radicolari senza necessità di lasciare un dente "aperto" per 15 giorni con passaggio all'interno dei canali di saliva, batteri e residui alimentari.

Inoltre nella terapia endodontica è imprescindibile l'utilizzo della diga di gomma, legga qui
http://studiodecarli.com/1/conservativa_379886.html
pena il quasi sicuro insuccesso di tutto il trattamento.

L'estrazione del dente è l'ultima dell'ultimissima spiaggia che deve essere proposta ad una persona di 26 anni e sinceramente, pur con i limiti di un consulto on-line, non mi sembra il suo caso.

Le suggerisco di effettuare una visita presso uno specialista esperto in endodonzia e che utilizzi la diga di gomma!

Un sincero in bocca al lupo.
Dr. Paolo De Carli
Specialista in Odontostomatologia
www.studiodecarli.com

[#2] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Un dente non può stare aperto, se non protetto sotto diga di gomma neppure 15 minuti.

Ora è contaminato da altri batteri, sopratutto streptococco fecalis, che prima non c'erano.
Penso che la sua fiducia debba essere concessa a persone con una competenza specifica più elevata.

www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
La terapia endodontica è stata portata a termine o il dente è stato solo aperto e drenato in urgenza?
Dopo al sua risposta entrerò in merito alla questione puramente endodontica. Per quello che riguarda l'estrazione, beh, sinceramente non credo sia una cosa da prendere in considerazione.
Saluti
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.

[#4] dopo  
Utente 125XXX

Ringrazio tutti per le risposte.
Purtroppo non è stata usata la diga di gomma,il dente è stato "aperto"(perdonate i termini poco tecnici),e senza l'utilizzo di anestesia(date le condizioni del dente all'interno)è stato devitalizzato,infatti io non ho sentito alcun dolore..
La sua scelta di lasciarlo "aperto" questo tempo è stata dettata dal fatto che il suo collega 1 anno fa aveva "chiuso" il dente senza devitalizzarlo,creando così una forte infiammazione,necrosi e pus,visibile nel tessuto pulpare rimosso con quell'aggegino che ruota(con mio schifo). La sua speranza è che gas,pus&co. con l'antibiotico ed una corretta pulizia spariscano così da evitare l'estrazione.
Solo vorrei capire se e come pulire questo dente!
...oltre a capire come il suo collega un anno fa non abbia capito che andasse devitalizzato,creando ora tutti questi problemi per una semplicissima carie!

Grazie ancora

[#5] dopo  
Dr. Paolo De Carli

28% attività
4% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2012
"Solo vorrei capire se e come pulire questo dente!"

Non deve essere lei a pulire il dente aperto, deve preoccuparsi di una cosa da farsi il prima possibile:

trovare un dentista esperto che curi il dente in modo corretto e con l'ausilio della diga di gomma!

Ogni giorno che passa rende sempre più difficile la possibilità di salvare questo dente.
Dr. Paolo De Carli
Specialista in Odontostomatologia
www.studiodecarli.com

[#6] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
"non è stata usata la diga di gomma"
"La sua speranza è che gas, pus & co. con l'antibiotico ed una corretta pulizia spariscano così da evitare l'estrazione".

Speranza vana.
L'antibiotico può solo debellare momentaneamente l'infezione che ha raggiunto l'osso, ma non può raggiunge l'interno della radice, per cui NON CURA NULLA.

E' solo in dentista (competente) che può farlo, isolando il campo con la diga di gomma, pulendo le radici, sterilizzandole (se ha studiato sa come fare), otturando le radici, ricostruendo il dente e proteggendolo con una capsola quando l'infezione si sarà risolta.

La terapia ha delle buone probabilità di fallire anche nelle mani dei dentisti più competenti.
Figuriamoci nelle mani di quelli negligenti o talmente ingoranti delle più elementari procedure da lasciare il dente aperto.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#7] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Quindi la terapia endodontica è stata portata a termine e poi il dente lasciato aperto...? Mi scusoper la crudezza del mio consiglio ma...trovi un odontoiatra competente! E per l'amor di Di, non si faccia estrarre questo dente.
Saluti
Dr.Oscar G.ppe Muraca

La risposta ha carattere puramente informativo.