Utente 414XXX
Buonasera,

mi sono stati fatti degli impianti nell'arcata superiore con l'accordo di mettere un ponte circolare.

Quando il tecnico ha portato la protesi provvisoria da avvitare era fatta con la gengiva finta.

Di fronte alla mia meraviglia e delusione totale perchè sembro un'altra persona, mi è stato detto che non ho osso e che i denti verrebbero troppo lunghi.

C'è un rimedio a questa situazione? Da coniglio non mi ci vedo.

Grazie.

Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
La gengiva "finta" é un espediente normalmente utilizzato per colmare il gap nelle classi V di Cawood o C-D di Misch e per evitare" denti lunghi". L' alternativa sarebbe stata quella di effettuare una rigenerazione ossea invero complessa mediante utilizzo di griglie per la probabile grave atrofia del caso clinico in oggetto,di cui peraltro non abbiamo report clinici e radiografici per esprimere un parere esaustivo,ma solo ipotetico,in base a quanto narrato dal paziente.Si chiarisca bene con il suo dentista.
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 414XXX

Buongiorno dottore,

parla della Metodica “TWIN-IMPLANT Di Giulio” del San Babila di Milano?

Da San Babila Day Hospital leggo:
VITI PER LA PREVENZIONE DELL’ESTETICA DEL VOLTO

Quando i denti, soprattutto quelli anteriori dell’arcata superiore, vengono estratti l’osso si coarta , riducendosi dall’esterno verso l’interno della bocca, e di conseguenza si altera. La retrazione è più accentuata con l’estrazione dei canini, che, essendo robusti e con radici molto lunghe, sostengono l’osso con le cosiddette “bozze canine“. La riduzione delle “bozze canine” fino alla loro totale scomparsa per riassorbimento dell’osso determina un’alterazione estetica irreversibile del volto. La metodica è, se non vi sono infezioni in corso, di sostituire i denti con le viti nella stessa seduta estrattiva in modo da non permettere la distruzione dell’osso, poiché le viti riempiono i vuoti lasciati dalle radici naturali.
INOLTRE LEGGO :
"VITI ENDOSSEE POST-ESTRATTIVE

Sostituzione immediata della radice del dente con la vite di titanio. Viene ridotto il riassorbimento dell’osso dopo l’estrazione dei denti, poiché la vite di titanio nell’interno dell’alveolo riempie il vuoto come una nuova radice.
Insomma da quello che ho capito bisognava mettere le viti subito per evitare la retrazione dell'osso. "

A quanto ho capito mi dovevano inserire le viti subito dopo l'estrazione. Stamattina ho parlato con il dentista e mi ha detto che i denti definitivi, se li voglio senza gengiva, saranno lunghi e può solo fare una colorazione alla radice mimando la gengiva.

Inutile dire che mi sento un'altra persona, completamente a disagio con il "nuovo labbro superiore" e anche dal punto di vista funzionale non mi trovo bene.

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Mi riferivo alla GBR con innesto di osso e sostenuto da griglie in titanio per aumentare i volumi ossei soprattutto nelle gravi atrofie con riassorbimento verticale,ipotizzando una Va classe Cawood.

Un articolo sulla GBR per intenderci meglio


https://www.medicitalia.it/minforma/odontoiatria-e-odontostomatologia/1573-la-rigenerazione-ossea-guidata-gbr.html


http://www.ildentistamoderno.com/rigenerazione-ossea-guidata/amp/&ved=


ed anche un caso probabilmente simile al suo....

http://www.ildentistamoderno.com/trattamento-di-unatrofia-verticale-mascellare-con-tecnica-combinata-innesto-in-blocco-e-rialzo-di-seno-mascellare/amp/&ved=

Quello che ha letto è corretto:per prevenire il riassorbimento specie quello verticale,ma anche orizzontale,vi sono due possibilità,o l'inserzione di una fixture post-estrattiva,oppure se la fixture verrà inserita in un secondo momento,la Ridge
Preservation dell'alveolo dentale.
Certamente le dovevano spiegare meglio all'inizio quale sarebbe stato in seguito il "problema" protesico.

Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Utente 414XXX

Mi ha detto il dentista che mi avrebbe messo un ponte circolare quindi io tranquillamente ho accettato che mi facesse le estrazioni, poi ho aspettato 3 mesi e a settembre mi ha messo 6 impianti e poi la sorpresa, non esco neanche di casa. Oltre al fatto estetico il cibo si incastra, mi ha detto che l'osso non si può mettere verso il mento, ma solo da dove inizia il mio osso residuo verso l'alto, verso l'occhio, ci sono 2 cm da riempire. Secondo Lei come mi dovrei comportare? Se avesse messo le viti subito l''osso non si sarebbe ritirato? Grazie

[#5] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Mandi al mio indirizzo mail una panoramica prima e dopo impianti
e foto bocca con la protesi inserita per darle un parere definitivo.Spero abbia letto gli articoli inviati.
Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#6] dopo  
Utente 414XXX

Buongiorno Dottore,
ho una panoramica che ho scannerizzato, ma non mi sembra molto chiara, quella post estrattiva dovrei farla. La foto della bocca prima e dopo posso inviarla.

Gli articoli li ho letti
Dell’articolo sulla GBR , rigenerazione ossea guidata, mi pare di aver capito che si usano delle membrane (sono le griglie? ) che possono essere riassorbibili e non riassorbibili e poi si fanno degli innesti che possono essere osso autologo, della stessa specie o specie diverse , oppure osso sintetico, però nel mio caso non è stato necessario perché evidentemente l’osso c’era.
E allora mi chiedo, ma se l’osso per gli impianti c’era, perché dopo le estrazioni manca?
I diversi articoli dal sito www.ildentistamoderno
(implantologia computer guidata, rigenerazione ossea, bradicardia dal dentista (questo articolo mi ha un po’ impressionato perché prendo betabloccanti, sartano e calcioantagonista per la pressione alta) , articolo sui deficit ossei verticali ecc..)
li ho letti ma sono molti e particolareggiati, devo rileggerli sperando di capire bene.
Il mio caso credo che riguardi l’atrofia dell’osso e secondo il mio dentista non si può fare, se non voglio la gengiva finta e infatti non la voglio , mi deve mettere dei denti lunghi, soluzione altrettanto sgradevole.
Poi:
1 - La Fixture post estrattiva, se fixture sta per radice, non è stata messa
2 - la Ridge Preservation dell'alveolo dentale non ho ben capito cos’è, ma ho capito che dopo le estrazioni di tutti i denti superiori tranne l'ultimo molare a destra, l’osso si è velocemente ritirato, gli impianti sono stati messi dopo tre mesi, ma in un punto più alto rispetto a prima delle estrazioni. Per questo adesso devo avere dei denti da cavallo e la fisionomia del volto con i connotati stravolti.

A mio parere, pur non essendo del mestiere, l’errore è stato nelle estrazioni e nell’attesa di tre mesi, in questo periodo è avvenuto il danno osseo.

Grazie dottore, Le invio le foto, cordiali saluti

[#7] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Dopo le estrazioni l'osso si ritira.
Impianti o non impianti.

Dopo 3 mesi non c'è un "danno osseo", ma una normale atrofia post-estrattiva.
Che ci sarebbe stata comunque con o senza impianti.

E' solo successivamente che si vede la differenza: con gli impianti l'atrofia rallenta fino a quasi sparire.

La falsa gengiva è l'espediente usato per dare naturalezza alla protesi, mantenendone la lunghezza funzionale corretta.
Si può fare diversamente:
1) simulare denti lunghi affetti da retrazione gengivale
2) fare i denti più corti fregandosene della corretta lunghezza funzionale.


Lo spazio fra gengiva e protesi assicura la possibilità di una corretta igiene orale.
Più è ampio più salutare è per le gengive.
Si cerca in genere di arrivare ad un compromesso accettabile.

La dentatura artificiale è una imitazione di quella naturale, una pessima imitazione, direi, e spesso si tende a dimenticarlo, richiedendogli una perfezione e una naturalezza estetica che NON POTRA' MAI AVERE.

Lei parla di errore...
L'errore più grande, se può permettermi, è quello di essere arrivati ad aver bisogno di estrarre i denti.
Arrivati a questo stadio di distruzione dell'apparato orale, mi permettta, ma si fa quello che si può fare e le condizioni cliniche (ed economiche) permettono.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#8] dopo  
Utente 414XXX

Buonasera Dr. Formentelli,

non ho capito che vuol dire simulare denti lunghi affetti da retrazione gengivale. E fare i denti più corti fregandosene della corretta lunghezza funzionale, se l'osso si è ritirato, non rimangono coperti dal labbro?

Premesso che non pretendo miracoli, il mio dentista mi ha fatto gli impianti e il suo tecnico un provvisorio molto ingombrante, stravolgendo la mia espressione. Ho ancora i punti e ha detto che me lo fa ridimensionare.

Io parlo di errore perchè se tre mesi fa l'osso c'era, invece di fare estrazioni selvagge non sarebbe stato meglio pensare prima a fare a un innesto d'osso?

Poi mi sento anche fortemente presa in giro perchè ho molto insistito sul fatto che non volevo una gengiva finta e il dentista mi ha sempre risposto che mi avrebbe messo un ponte circolare sulla mia gengiva naturale. Se avessi saputo prima che il dentista faceva quello che voleva senza dirlo, non avrei cominciato il lavoro. E l'ho detto anche a lui.

Lei dice che in fondo la colpa è dei pazienti che arrivano al punto di perdere i denti, nel mio caso a mia discolpa o giustificazione posso dire che sono nata nel 56 e negli anni 60 i denti con carie, anche piccole, non li curavano, li estraevano, me l'hanno detto anche altre persone. E che poi sono incappata in tante disavventure dentistiche.

Mi vorrei permettere anch'io,senza offendere la categoria, di dire che in Italia, Paese cosiddetto civile, le cure dentistiche, che sono problemi di salute a tutti gli effetti, dovrebbero essere garantite dallo Stato a tutti i cittadini che pagano le tasse, o accessibili a tutti in cliniche convenzionate. I problemi dentistici in Italia sono un problema sociale.

Importa a qualcuno? No. Giova a qualcuno lasciare la popolazione così? Allo Stato che risparmia e ai dentisti che lavorano e giustamente devono essere pagati, ma dettano i prezzi, il mercato è libero, offre di tutto e non sempre il prezzo alto garantisce la qualità e soprattutto onestà.

La scienza medica è arrivata al punto di garantirci una dentiera fissa? Ne prendiamo atto. Ma una dentiera allora me la faccio all'estero e la pago meno della metà.

Cordiali saluti, buona serata

[#9] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
La lunghezza dei denti è quella che permette di mantenere una corretta DIMENSIONE VERTICALE.
Se questa, poniamo, è 20 (sto tirando un numero a caso, solo per far capire un concetto), una parte di questa altezza è del dente, e una parte dell'osso e della gengiva.
Diciamo che 10 sono del dente, 10 dell'osso, e della gengiva.

Se perdo 5 di osso, e voglio mantenere l'altezza complessiva di 20, o metto una protesi con una finta gengiva di 5 e la lunghezza del dente di 10 come quella che le è stata fatta, o metto un dente lungo 15, che apparirà troppo lungo, come se avesse la piorrea.

Oppure me ne frego, e metto un dente lungo 10, ma il totale sarebbe 15, non 20, con probabili problemi di funzione.

Spero di essere stato più chiaro.

Il provvisorio immediato, quello fatto in 24 ore, per intenderci, viene quasi sempre una porcheria; troppo poco tempo.
Quando lo eseguo con queste tempistiche ne faccio spesso un secondo con migliori caratteristiche estetiche e funzionali.

Lo stato dovrebbe garantire cure ai meno abbienti e una protesi sociale, una dentiera con caratteristiche di base per chi non può permettersela.

Ma le cure dentistiche sono molto costose, sopratutto quelle implantari.
Date le risorse a disposizione della sanità pubblica, trovo logico che vengano assicurate cure essenziali come ad esempio quelle innovative, salvavita e costosissime contro i tumori che quelle per mettere i denti fissi.

La dentiera "fissa" può farla tranquillamente all'estero se crede.
Ma non pensi di pagarla meno della metà.
Circa il 30% in meno probabilmente si: tutto costa meno, gli stipendi, gli affitti, il peso fiscale.

Se poi c'è qualche problema, può comodamente tornare all'estero per risolverlo; se c'è un fallimento totale con dei danni, può sicuramente intentare una lite giudiziaria internazionale per ottenere un risarcimento.

Ci pensi.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#10] dopo  
Utente 414XXX

Buonasera Dottore,

si è stato chiaro, siccome io proprio odio la gengiva finta, quei 5 di osso perso non si possono mettere con innesto osseo sostenuto da qualche "impalcatura"? Dentro la quale si possa stimolare la formazione di osso o inserendo osso biologico? Certo devo spendere di più, magari quando prendo la liquidazione, il mio dentista ha detto di no, che non si può

Comunque anche se dovrò accettare per forza questa orribile gengiva finta la vorrei almeno molto sottile.
Oggi sono andata dal dentista perchè mi doveva togliere i punti degli impianti ed è venuto anche il tecnico che mi ha un pò assottigliato la parte rosa e mi ha aggiustato un pò i denti perhè erano troppo bombati, ha dovuto anche accorciarli perchè quando mi ha vista ha notato che erano troppo lunghi. Un pochino la situazione è migliorata, ma io mi vedo cambiata, non sono come prima, è questa la cosa che non riesco ad accettare. (La prima notte ho avuto la pressione alta e la tachicardia tutta la notte e non mi è passata neanche con 30 gocce di valium) Il tecnico mi ha detto che con il provvisorio non riesce a fare di più.
Mi ha anche detto che il definitivo sarà un ponte circolare e qui sarà da vedere a gennaio, io non è che ci credo tanto.

"me la faccio all'estero" si, potrei se non fossi così pigra, già è tanto se mi muovo per vacanza, (in Italia), non ce la farei a tornare per i necessari controlli o per eventuali problemi e la mia pigrizia dipende anche da altri problemi di salute, uno su tutti l'emicrania cronica che mi porto dietro da 40 anni anno più anno meno e che ho quasi tutti i giorni;
richiedere i danni sia all'estero che in Italia penso sia proprio difficile, perchè è difficile provarli, devono essere proprio conclamati

Grazie
Cordiali saluti

[#11] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
"quei 5 di osso perso non si possono mettere con innesto osseo"

In pratica, no.

In teoria si, se accetta di andare in chirurgia maxillo-facciale (privatamente, con sistema pubblico è impossibile per questo e immorale nei confronti di ham necessità serie) e:

1)
Fare una anestesia generale e andare in sala operatoria a:
2)
farsi prelevare tasselli di osso dall'anca o dalla teca cranica (osso molto migliore) dai colleghi ortopedici
3)
rimuovere gli impianti già messi e innestare così l'osso prelevato fissandolo con delle vitine da osteosintesi
4)
stare 3-4 mesi senza denti e senza dentiera (FONDAMENTALE)
5)
Inserire un numero sufficiente di impianti e allestire una protesi provvisoria, stavolta dell'altezza giusta.

Al di la dei costi materiali, il costo umano è pazzesco.

Altra cosa: il TECNICO cosa centra?
Lui deve lavorare in laboratorio, non alla poltrona.
Alla poltrona è il dentista che deve lavorare.

Chiarisca questa cosa, perchè ho il sospetto che il problema non sia la genviva rosa, ma l'operatore.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#12] dopo  
Utente 414XXX

Infatti dottore

detto così mi pare proprio un incubo!
il costo in termini di pazienza e disagi, sopportare anestesia generale, togliere gli impianti, post intervento ecc.. mi sembra veramente esagerato ... anche per quei tre/quattro mesi senza neanche una dentiera...è pazzesco, in pratica si deve anche fare una dieta semiliquida, con il cibo frullato, la farei pure, ma senza dentiera come si fa? Si va in convento per tre mesi?
Mamma mia!

Già la dieta semiliquida dovrò farla a breve, perchè sono in lista d'attesa per un intervento in laparoscopia di ernia iatale (cresciuta molto) Insomma un bel periodo per me...

Quindi le griglie ho capito che non servono a molto...

Il tecnico lavora in laboratorio, poi viene in studio per provarmi la protesi, a volte fa delle piccole modifiche al momento, prende misure, parla con il dentista e poi torna in laboratorio

Grazie, buona giornata

[#13] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
."....Quindi le griglie ho capito che non servono a molto... "
Servono eccome in casi di GBR per aumentare la perdita verticale e orizzontale prima di inserire gli impianti,per non far collassare gli innesti ossei.L'osteosintesi a blocchi d'osso autologo,come suggerisce il Collega ed amico Formentelli ,si esegue in casi particolari di severa atrofia specie verticale,ma ha tra i tanti problemi,in particolare lo svantaggio del parziale riassorbimento.Per tale motivo molti Autori,in particolare Wang, sono per la rigenerazione con griglie.Purtroppo non sappiamo in che classe di Cawood o Mish ella si trovi,pertanto è impossibile senza poterla visitare ed avere report clinici aggiungere altro,se non quello già enunciato e suffragato dagli articoli specifici sulla GBR.Personalmente in casi selezionati uso le mesh in titanio con ottimi risultati.
Mi consenta di aggiungerle un articolo più specifico nel merito,forse più adatto agli addetti ai lavori,ma che chiarisce con le immagini quanto finora dissertato.


http://www.ildentistamoderno.com/utilizzo-di-mesh-in-titanio-nella-rigenerazione-ossea-ai-fini-implantoprotesici-case-report/amp/&ved=


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#14] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
"Il tecnico lavora in laboratorio, poi viene in studio per provarmi la protesi, a volte fa delle piccole modifiche al momento, prende misure, parla con il dentista e poi torna in laboratorio"

Si tratta di un caso di abusivismo, un REATO, purtroppo diffuso, di esercizio abusivo della professione medica o odontoiatrica, e per il medico di prestanomismo, e rischia la sospensione dall'ordine e l'inibizione all'esercizio della professione, nonché il sequestro dello studio.

Penso che debba segnalare la cosa alle forze dell'ordine.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#15] dopo  
Utente 414XXX

Dr. Luigi De Socio

ma la classe di Cawood o Mish in cui sono da cosa si vede? Dalla Dental scan?
Mi pare che l'ho lasciata al dentista.

Le ho inviato la panoramica e le foto, non so se Le ha ricevute.

Grazie e cordiali saluti