Utente 378XXX
Buongiorno e grazie in anticipo per le risposte.

Sto eseguendo una devitalizzazione dell'ultimo molare e , pur non avendo nulla da lamentarmi del dentista, ho notato una particolarità:
anni fa ero andto da un dentista, forse il più caro della mia città e questi, per "pulire " i canali aperti, aveva usato una quantità enormi di coni di stoffa (scusate l'espressione impropria), che buttava via ad ogni passaggio. Ora i successivi dentisti che mi hanno curato non hanno più utilizzato queste specie di coni, ma solo le lime seghettate con successivo lavaggio di ipoclorito.
E' una pratica in disuso o era veramente preciso il mio vecchio odontoiatra?

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Scaglia

28% attività
8% attualità
16% socialità
CALENZANO (FI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2008
Buongiorno, direi che i due sistemi si equivalgono. L'importante è raggiungere la detersione e sterilizzazione dei canali, senza esagerare nell'alesaggio, per evitare l'ovvio indebolimento delle pareti radicolari che potrebbe portare ad una successiva frattura.
Cordialmente.
Dott.PIERLUIGI SCAGLIA-MedicoChirurgoOdontoiatra
Terapie con Laser-Odontoiatria adulti e infantile-Protesi-Implantologia-Ortodonzia-

[#2] dopo  
Utente 378XXX

Grazie per la cortese risposta!

[#3] dopo  
Utente 378XXX

Buongiorno,

la devitalizzazione procede bene direi, lo scorso venerdì il dentista mi ha pulito due canali su tre, ne rimane ancora uno da sistemare.
Ho però un problema: il dente ovviamente non è stato ancora ricostruito ma solo chiuso con della pasta, e noto che ogni volta che ci va sopra del cibo dopo mangiato, il cibo si "incastra" nel dente, che mi fa male (non molto, ma comunque in maniera fastidiosa).
E' normale la cosa? il dente devitalizzato non dovrebbe essere morto?

[#4] dopo  
Dr. Pierluigi De Giovanni

28% attività
20% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2013
Gentile utente,
anche se il dente è stato devitalizzato ossia sono state rimosse le sue componenti organiche e quindi anche le terminazioni nervose al suo interno, permangono sempre e comunque le terminazioni nervose al suo esterno, a livello del legamento, della gengiva e dell'osso circostante per cui qualsiasi "fastidio" può derivare da questi distretti.
Per quanto riguarda i coni "di stoffa" che lei cita, trattasi di coni di carta in realtà che vengono normalmente utilizzati per asciugare i canali sia durante la strumentazione dei canali che subito prima della loro chiusura definitiva. L'ampio utilizzo che lei notò in passato potrebbe esser stato dettato dalla presenza di essudato all'interno dei canali che potrebbe averne richiesto un utilizzo maggiore. Sicuramente vanno utilizzati almeno prima della chiusura definitiva dei canali, nelle altre fasi potrebbero non essere necessari.

Cordiali saluti
Dr. Pierluigi De Giovanni
ODONTOIATRA

[#5] dopo  
Utente 378XXX

Buongiorno,
l'altro ieri sono finito al PS per dolori intollerabili al dente, vuoi per sfortuna, vuoi per imperizia del dentista(ma non credo, ha usato la diga di gomma e fatto tutto come Dio comanda), si è sviluppata una grossa infezione che ho curato con l'apertura del dente e con antibiotici.
Domani dovrei finalmente pulire il terzo canale e chiudere i canali, ma è opportuno effettuare la chiusura con un'infezione in corso?
Grazie