Utente
buongiorno
circa nove mesi fa ho fatto un ponte dentale di tre elementi.
Era impossibile fare quel ponte a causa della inclinazione dell'ultimo molare ma il tecnico ha convinto il mio dentista altrimenti era inutile fare il corrispettivo ponte sopra, anch'esso di tre elementi.

A distanza di pochi mesi avverto dolore in tutti e due ponti.
Non posso bere acqua fredda perchè ho l'immediata sensazione che l'acqua si infili nell'angolo tra lo spazio che trima era vuoto eil moncone, procurandomi immediato dolore.

Non posso masticare con il corrispettivo ponte sottostante perchè avverto dolore E la notte mi viene una sorta di nevralgia nell'arcata superiore e inferiore.
Soprattutto la notte il dolore mi arriva fino all'incisivo infariore centrale.

Ne ho parlato al mio dentista.
Mi ha staccato il ponte sotto con l'intenzione di devitalizzare il moncone sottostante.
Al mio rifiuto, perchè so come finisce un dente devitalizzato mi ha fatto fare una RX completa...Non lesioni ossee...maloclusione.

Ora dobbiamo vederci dopo le feste ma lo vedo piuttosto indeciso.
Che faccio?

[#1]  
Dr.ssa Carmen Oriolo

20% attività
20% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2020
Salve signora, senza poterla visitare, né vedere esami radiografici non si può fare una grande diagnosi, ma sembrerebbe che ci sia da devitalizzare i monconi ancora vitali. Per quanto riguarda le sue preoccupazioni, a un dente devitalizzato non succede nulla, se la terapia canalare è stata fatta correttamente e soprattutto se è ricoperto da una corona.
Dr.ssa Carmen Oriolo - Odontoiatra
www.studiodentisticooriolo.com

[#2] dopo  
Utente
Gentilissima dottoressa ma non pensa che la devitalizzazione del moncone pilastro toglierebbe il sintomo(dolore) ma non la causa? Io voglio capire.
La panoramica non evidenzia lesioni o altre patologie... Quindi perche'sacrificare dei denti originariamente sani?
Grazie

[#3]  
Dr.ssa Carmen Oriolo

20% attività
20% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2020
Gentile signora, se il dolore è causato da una pulpite, ossia l'infiammazione della polpa dentaria, l'unica soluzione è la devitalizzazione del dente. La pulpite non si può vedere con una radiografia, ma i sintomi sono quelli: sensibilità al freddo, dolore che aumenta notte e difficoltà di masticazione.
Il suo dente è stato già sacrificato per diventare un pilastro di ponte e devitalizzarlo non ne compromette in alcun modo la struttura. Al contrario, evitando la devitalizzazione, il dolore passerà, ma solo perché la polpa e i nervi andranno in necrosi e si può facilmente sviluppare un ascesso.
Dr.ssa Carmen Oriolo - Odontoiatra
www.studiodentisticooriolo.com

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio del suo parere e non voglio metterla in difficolta". Ma le chiedo :non e'che hanno insistito troppo a limare il dente?
Mi ero illusa che fosse un difetto di sigillo. Cioe'che non abbiano sigillato bene i due ponti?
Mi potrebbe aiutare una RX endorale?
Grazie

[#5] dopo  
Utente
Stanotte e'stata dura. Tutta la notte dolore a tutto il lato destro della mia testa. Mi sento tutti i denti ingrossati.
Vorrei che qualche medico gentilmente mi suggerisse cosa devo pretendere dal dentista e dal tecnico che con lui ha collaborato. Grazie

[#6]  
Dr.ssa Carmen Oriolo

20% attività
20% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2020
Gentile signora, purtroppo pare proprio si tratti di pulpite e l'unica terapia è la devitalizzazione.
Per quanto riguarda la limatura del dente, ci sono degli spessori obbligati di dente da limare, per realizzare una capsula. Il collega è stato conservativo nella scelta di non devitalizzare il dente a prescindere, dal momento che si può sempre fare in un secondo momento.
Le consiglio di fissare al più presto un appuntamento per la devitalizzazione del dente, come le aveva già detto il collega.
In ogni caso, non capisco il coinvolgimento del tecnico. Gli odontotecnici seguono le direttive dell'odontoiatra e non viceversa. Il tecnico può essere presente in studio per vedere di persona il colore, ad esempio, ma non può in alcun modo decidere il piano di cura.
Dr.ssa Carmen Oriolo - Odontoiatra
www.studiodentisticooriolo.com