Utente 126XXX
Sono una donna di 52 anni (ancora mestruata) e in data 15/7/2009 sono stata operata per ca mammario. La conclusione diagnostica (non bella) è la seguente:
a) La nodulectomia (2 noduli) presenta focolaio di carcinoma duttale infiltrante(G1) di mm 10 di dimensione massima. Presenti focolai multipli intra, peritumorali ed a distanza di carcinoma duttale in situ. Grado 1 sec. Elston-Ellis. Grado del carcinoma in situ: grado nucleare intermedio. Dimensioni :diametro > mm 10. Invasione vascolare non vista. Necrosi assente. Calcificazioni assenti. Margini di resezione : il carcinoma in situ giunge in prossimità dei margini di resezione superiore, inferiore e profondo.
La ricerca immnunocitochimica dei recettori per gli estrogeni (clone ID5) è risultata positiva al 90%. La ricerca immnunocitochimica dei recettori per progestone (clone 636) è risultata positiva al 3%.
L'anticorpo anti-k1-67 (clone Mib 1 Dako) è positivo nel 5%.
La reazione immnunocitochimica con anticorpo ANTI human cERB2 ha dato esito NEGATIVO
b) Gli ampliamenti inferiore, profondo e mediale prelevati durante l’intervento presentano focolai di carcinoma duttale in situ cribriforme di grado nucleare intermedio.
d) nel linfonodo sentinella sono presenti micrometastasi

Presto dovrò subire un intervento di mastectomia con ricostruzione della mammella, ma sono tanto spaventata e mi chiedo se avrò speranze di guarigione o se dovrò vivere per curarmi.
Inoltre, data la familiarità alla malattia(mia mamma è stata operata nel 96 e nel 97 per carcinoma bilaterale e da 4 anni è in chemioterapia per metastasi al fegato e alle ossa, mia sorella a 43 anni ha subito intervento di quadrectomia con successiva radioterapia) mi chiedo se è il caso di richiedere la mastectomia anche per la mammella che finora sembra sana.
Grazie per aver ascoltato il mio sfogo ma è dal 15 Luglio che piango e vedo tutto nero.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Lei sta esagerando, non per colpa sua ma per la scarsa informazione, e mi meraviglio che nessuno Le abbia spiegato che nel suo caso esistono condizioni di multifocalità nella mammella che inducono ad una soluzione aggressiva tramite la mastectomia , ma che contemporaneamente la maggior parte dei fattori prognostici è favorevole e pertanto il quadro suggerisce un cauto ottimismo.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 126XXX

La ringrazio di cuore, Dr. Catania
ma anche se un cauto ottimismo mi era stato prospettato dal medico curante, io avevo bisogno di un ulteriore supporto psicologico. Approfitto ancora della sua disponibilità per chiederle un consiglio esplicito riguardo la mastectomia della mammella sana tenendo conto del fatto che mia mamma, della quale Le ho già descritto la malattia, proprio in questi giorni è in fin di vita.
Ancora grazie

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Provi a leggere

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=50919

se il suo caso possa rientrare tra i cosiddetti tumori ereditari.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com