Utente 247XXX
Buongiorno,
riporto di seguito diagnosi rilasciata a mio zio a seguito di dimissione ospedaliera:
Carcinoma squamoso del lobo polmonare inferiore con meastasi linfonodali ilo-mediastiniche e sopraclavecolari bilaterali, metastasi cerebrali e surrenaliche bilaterali.Riserva per metastasi epatiche.BPCO.
Gli hanno somministrato una terapia cosiddetta "palliativa" con un ciclo di radioterapia e uno di chemioterapia, ma dopo sole 2 radio la situazione è precipitata bruscamente.
Non saranno eseguite più chemio e mio zio comincia a non alimentarsi +, nè a bere perché ha difficoltà a deglutire.
Vi chiedo cortesemente una valutazione della diagnosi, senza riserve; al momento non riusciamo nemmeno a fargli una flebo per alimentarlo senza fargli almeno 7-8 fori.
Possibile che non esista nient'altro da fare?
Attendo Vs parere al riguardo.
Grazie e saluti

[#1] dopo  
Dr. Bruno Pasquotti

24% attività
0% attualità
8% socialità
AVIANO (PN)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2004
Si tratta di malattia al IV Stadio dove è evidente la presenza di metastasi e dove purtroppo l'ausilio di chemio e radioterapia è ancora scarso. Consiglio terapia palliativa e di supporto e se necessario ciclo di RT a livello cerebrale per evitare e/o ridurre eventuali complicanze legate all'edema cerebrale. Cordialmente
Dr. Bruno Pasquotti