Utente 734XXX
Salve! Mia madre, che ha 50 anni, (già 10 anni fa ha subito un intervento di mastectomia totale dx) ha subito un mese fa un intervento di quadrantectomia infero-interna + linfoadenectomia ascellare sin.
In questi giorni abbiamo ricevuto il risultato dell'esame istologico e il medico le ha consigliato sia la chemio che la radioterapia.
Ora vorrei avere se è possibile un vostro consulto per capire in termini più comprensibili il significato dell'esame istologico e se c'è pericolo di recidive.
ESAME MACROSCOPICO: Campione chirurgico di quadrantectomia mammaria di cm 6*3*4 comprendente una losanga cutanea di cm 6*3. Sulla superficie di sezione si reperta un'area solida. di consistenza soda, a contorni irregolari di cm 1.6*1.1 nei diametri massimi, distante cm 1.8 dal margine profondo, cm 1 dal margine laterale e cm 1 dal piano cutaneo.

DIAGNOSI: CARCINOMA INVASIVO DI TIPO DUTTALE NAS della mammella, PLURIFOCALE. Score sec. Elston=5/9 (formazione di tubuli=2; plemorfismo nucleare=2; conta mitotica=1). Grado BEN DIFFERENZIATO, NON EVIDENZA D'INVASIONE VASCOLARE, PERINEURALE E DI NECROSI INTRATUMORALE. PRESENTI FOCOLAI DI CARCINOMA IN SITU DI TIPO CRIBRIFORME. Cute soprastante il tumore, margini di escissione:INDENNI. Margine mediale, laterale, muscolo profondo grande pettorale, margine retroareolare: INDENNI.
Linfonodi ascellari isolati in laboratorio: METASTASI IN 1/13, CON INFILTRAZIONE DEL TESSUTO ADIPOSO PERILINFONODALE.

Indagini immunoistochimiche:
-recettori estrog: POSITIVO 95%
-recettori progest: POSITIVO 30%
-indice di attività proliferativa Ki 67-Mib1: POSITIVO 75%
-HERCEPT TEST DAKO: score*2

pT1c ; pN1

Spero di essere stata chiara, perchè mi sono iscritta per la prima volta oggi e questo è il primo consulto che chiedo. Grazie in anticipo!

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

si tratta di una neoplasia che presenta diversi parametri favorevoli
(T1 anche se plurifocale, recettori ormonali positivi, G1, assenza di invasione vascolare ) ed altri sfavorevoli e per tale ragione è stata indicata una terapia adiuvante (Ki 67, N+ 1/13 sfavorevole ma < a 3, e l'Hercept test ++).
Per quanto riguarda l'ultimo parametro sfavorevole in realtà uno score alto consente una terapia di ultima generazione (herceptin)
di grande efficacia terapeutica.

La radioterapia invece è a completamento della terapia locale sulla mammella.

Cordiali saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 734XXX

La ringrazio per la risposta fornitami e le vorrei chiedere ancora, sempre se è possibile in base ai dati che le ho fornito, se secondo lei mia madre dovrà affrontare la chemio più intensa o quella più leggera.
Lei 10 anni fa ha fatto 8 cicli di quella gialla,che a quanto so è la più leggera.
Grazie!

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Questo è un dettaglio che deve approfondire con il suo oncologo curante. Impossibile farlo tramite Internet, anche perchè non è deontologicamente permesso.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 734XXX

Capisco. Grazie lo stesso per la disponibilità.