Utente 453XXX
Buongiorno

Sono un ragazzo di 30 anni e volevo brevemente riassumere la mia esperienza per avere qualche consiglio, specialmente riguardo eventuali approfondimenti necessari. Fondamentalmente circa 2 anni fa ho notato di avere dei linfonodi sottomandibolari (in quel momento particolare ho avuto un mal di gola, forse non curato egregiamente), che sembra non vogliano andar via. Per dare un'idea completa, aggiungo che soffro di allergia al polline, che ho sporadici episodi di sanguinamento causati, a detta dell'otorino, da varici nel naso (che non sono però mai state curate), che sono fumatore, ma "solo" 3-4 al giorno in media, e che non mi sono ancora usciti i denti del giudizio, probabilmente per il poco spazio. Da una tac dei seni paranasali (svolta un paio di anni fa su richiesta sempre dell'ORL) è inoltre risultato un possibile polipo nasale.

Essendo donatore, le analisi del sangue sono frequenti (ora meno poichè da Settembre vivo all'estero), ed in un paio di occasioni (tra cui l'ultima, richiesta dopo visita dall'ORL per una tonsillite avuta a Febbraio) sono risultate con la formula leucocitaria invertita nella percentuale (non nel numero totale), seppur di uno 0,1-0,2%.

La radiografia dei linfonodi, svolta circa un anno fa, aveva segnalato linfonodi "reattivi", di dimensioni inferiori al cm (il maggiore 8mm), che non presentavano irregolarità nella forma.

Sia il medico curante che l'ORL, nel tempo, mi hanno sempre detto di non preoccuparmi nè dei linfonodi (duri e mobili, talvolta dolenti in corrispondenza di allergia/infiammazioni, ma comunque piuttosto stabili in termini di dimensioni), nè delle analisi impercettibilmente fuori dal range nei monociti e neutrofili (tutto il resto sempre ok, compresi alcuni test specifici fatti post-tonsillite, di cui purtroppo non ricordo il nome al momento poichè le ho a casa in Italia).

Come detto in principio, più che un sentimento di preoccupazione (quietata dalle rassicurazioni dei medici incontrati), vivo perennemente col dubbio che ci sia qualcosa in più da approfondire e per questo mi rivolgo a voi per sapere se devo insistere su qualche punto o meno.

Ringrazio in anticipo qualsiasi intervento utile a chiarire la situazione.

Saluti

Stefano

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Da quanto descrive non c'e' altro da approfondire.

Ora però in attesa dei controlli non si rovini l'esistenza (^____^) cercando informazioni sulla rete su un tema così ansiogeno
Legga perchè dovrebbe staccare e le allego alcuni consulti, anche se richiesti su temi differenti, ma che hanno in comune...la cancerofobia.
https://www.medicitalia.it/consulti/archivio/273602-per_il_dott_catania.html
https://www.medicitalia.it/consulti/Medicina-interna/485977/Linfonodi-collo-gonfi#2225113
https://www.medicitalia.it/consulti/Senologia/481804/Retrazione-cutanea-al-seno-a-16-anni
https://www.medicitalia.it/consulti/Oncologia-medica/501083/Preoccupazione#2295319
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/linfonodi_sistema_linfatico.htm

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 453XXX

Grazie per la risposta Dott. Catania.

Seguirò il suo consiglio. Tuttavia non sono "in attesa di controlli", ma ho già fatto tutto quello che mi hanno suggerito i 2 medici citati, magari mi sono spiegato male.

Buona giornata e grazie ancora.