Utente
Buongiorno cordiali dottori e dottoresse,

avrei un problema da porVi all’attenzione che mi sta assillando in questo ultimo periodo.
Vado per gradi.
Più di un mese e mezzo fa in una partita di un torneo estivo di calcetto, mi infortuno al ginocchio quasi all'inizio della partita.Avverto una piccola fitta nella posizione dei legamenti (il ginocchio si è piantato per terra e ha avuto un movimento non naturale). Il dolore era sopportabile e con il ghiaccio sintetico ho concluso la partita. Prima di andare a letto ho messo parecchio ghiaccio e sono andato a dormire.
I problemi sono sorti il giorno seguente. Mi sono svegliato con un dolore micidiale tanto da non poter nemmeno camminare e lo sentivo gonfio, anche se all’apparenza non lo era.
Mi reco da un dottore ortopedico e mi dice (con la semplice visita) di aver subito uno stiramento del legamento collaterale mediale del ginocchio sinistro. Mi prescrive una fascia elastica da applicare al ginocchio e 15 giorni di riposo.
I primi giorni li faccio di assoluto riposo(intanto il dolore diminuisce ), poi per problemi seri di famiglia, non riesco a fare un completo riposo per un paio di giorni. Dopo queste giornate particolari torno al mio completo riposo, ma vedo che il dolore è più forte di prima e passati 15 giorni sono di nuovo punto e a capo. In pieno agosto impossibilitato di qualsiasi vacanza o di semplice passeggiata estiva faccio altri 15 giorni di assoluto riposo (compreso Ferragosto, ma il dolore non passa (anche se è diminuito). Però io dopo un mese mi ritrovo ancora con questo dolore che non mi permette di fare niente e quindi, preoccupato decido di fare la Tac di mia iniziativa.
Dalla Tac risulta ''infarcimento siero emorragico del terzo medio prossimale del collaterale mediale da interessamento distrattivo di medio-alto grado in fase subacuta, conservata morfologia e segnale del menisco laterale e del mediale, conservata morfologia e segnale e continuità dei legamenti crociati, falda fluida intrarticolare, ai gradi di flessione dell'esame rotula in asse''.
Con questa Tac mi reco dall’ortopedico e mi dice che la tac non ha fatto altro che confermare quello che mi aveva diagnosticato precedentemente e che il dolore non passa perchè io non sono stato in completo riposo. Non mi prescrive niente, solo riposo.
Conclusione: sono trascorsi altri 20 giorni (trascorrendo un'estate bruttissima) e il dolore sta ancora qua (a volte la notte è davvero molto forte da farmi svegliare).
Vi chiedo con tutto il cuore: tra quando passa?c'è qualcosa che potrei fare, oltre al maledetto riposo che faccio da un mese e mezzo?
P.S. ero un discreto giocatore di calcio a 5 e un amatoriale appassionatissimo di runner (non stavo fermo un giorno) e sogno pure la notte di tornare a svolgere queste attività.

Grazie per l’attenzione.

Vi saluto cordialmente

[#1]  
Dr. Gianni Nucci

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
FAENZA (RA)
PISTOIA (PT)
MONTECATINI-TERME (PT)
LUCCA (LU)
FOLLONICA (GR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Gentile Utente, non potendo valutare con le mani il grado di lassità del collaterale, cioè quanto il collaterale è stato stirato, e quanto è guarito, e nemmeno la psenza di altre possibili alterazioni che si possono esse sommate, non possiamo darle consigli, se non di recarsi nuovamente dallo specialista per avere dei chiarimenti, e decidere insieme se effettuare qualche altro esame diagnostico. Per adesso il ghiaccio e la tecarterapia potrebbero aiutarla. Cordiali saluti.
Gianni Nucci, MD
Chirurgo Ortopedico
Responsabile U.F. Ortopedia Santa Rita Hospital - Montecatini Terme
www.ilposturologo.it

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo dottor Nucci lei è stato molto cordiale nel rispondermi e pure celermente.
Tuttavia non mi è stato più di tanto di aiuto.
Io avrei anche un problema economico e proprio per questo mi sono rivolto a voi del sito (una visita specialistica costa tanto, almeno per le mie tasche visto che sono un casso integrato) spiegando per filo e per segno tutta la situazione.
Per non parlare dei costi elevati della tecarterapia.
Vorrei qualche consiglio efficiente e magari economico.

Chiederò troppo forse.

Grazie a tutti

[#3]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente, le lesioni capsulo-ligamentose guariscono generalmente in un mese di adeguato trattamento ortesico e riabilitativo. Da quanto dice ed il collega ortopedico le ha diagnosticato, ritengo che possa utilizzare una ginocchiera tubolare elastica in neoprene (conta poche decine di euro) ed eseguire un ciclo di ultrasuoni al compartimento mediale del ginocchio (tranquillamente rimborsato dal servizio sanitario nazionale). Se dopo tale ciclo dovesse persistere il fastidio, allora sarà necessario sottoporsi a nuova visita specialistica per valutare la situazione (eventuali alterazioni spongiose da impatto nell'osso che la TAC non poteva evidenziare) e decidere per ulteriori approfondimenti diagnostici. Ci tenga informati
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi

[#4] dopo  
Utente
Grazie dottor Colì per la sua risposta.

Effettivamente l'unica carta da provare in ultima battuta prima di recarmi di nuovo dallo specialista ortopedico , è un ciclo di ultrasuoni che lei mi dice rimborsabili dal SSN (notizia molto positiva).

Farò così e vi terrò a conoscenza dell' evoluzione sperado in una risoluzione del problema.

Grazie ancora.

p.s. dal giorno dopo utilizzo una fascia elastica in
neoprene comprata in farmacia.
p.p.s. non feci la TAC ma la risonanza magnetica

[#5]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Se ha già eseguito la RMN, allora stia sereno, con la semplice fisioterapia riuscirà a raggiungere lo scopo. Cordialità
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi

[#6] dopo  
Utente
Scusate se vi disturbo ancora ma vorrei chiederle se nel frattempo inizio pure a fare un pò di riabilitazione fisica (Cyclette o corsa leggerissima) ?

Faccio prima la fisioterapia e quando mi passa completamente il dolore inizio fare sport?

[#7]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Ritengo sia meglio fare prima la fisioterapia e poi iniziare l'attività sportiva, molto gradualmente. Cordialità
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi

[#8] dopo  
Utente
Grazie dottore ,sempre molto gentile, preciso e veloce.

[#9] dopo  
Utente
Carissimo dottore,

non so se ricorda il mio caso.

comunque ho finito di fare il ciclo di ultrasuono (dieci sedute) più anche un ciclo di 10 laser (consigliatami dal centro) ma il dolore è ancora presente, anche se in maniera molto attenuata rispetto a prima.

Ora cosa consiglia di fare?Ancora non ho provato a fare attività fisica.

P.s. il dolore è abbastanza forte se premo con un dito sopra la parte dolente.

[#10]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Se il dolore non tende a progressiva riduzione, potrebbe eseguire un ulteriore ciclo di fisioterapia. Cordialità
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi

[#11] dopo  
Utente
Avevo pensato pure io a qusto..il problema è la spesa (120 euro ho pagato) , considerato che la mia regione fa pagare queste terapie.

Il dolore è poco rispetto a prima del ciclo e spero che con ulteriore riposo, non avendo altri rimedi, possa scomparire del tutto.

Grazie.

[#12] dopo  
Utente
Egregi dottori..

come mai dopo due cicli di fisioterapia (ultrasuoni, laser e tens, ben 20 sedute) e dopo più di quattro mesi il dolore (stiramento legamento come descritto in post precedente) non va via?

Che altro devo fare?

Vorrei un aiuto ....non ce la faccio più.

Grazie

[#13]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente, abbiamo cercato di aiutarla "a distanza" con tutti i limiti del mancato esame clinico diretto ma a questo punto, visto il risultato è bene seguire il consiglio del 5 Settembre del dott. Nucci e tornare dal collega che ha eseguito l'intervento. Cordialità
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi