Utente
salve, gioco a calcio a livello professionistico..il 15 novembre 2011 ho subito in partita la frattura del perone.
dopo 3 giorni mi sono sottoposto ad intervento chirurgico, dove mi è stata inserita una placca con 5 viti, poco sopra il malleolo! dopo 45 giorni con un altro intervento, ho subito la rimozione di una prima vite, quella piu lunga che arrivava fino alla tibia. ad oggi dopo un percorso di fisioterapia, corro sul tappeto, e ho riacquisito la mobilità, ma ovviamente sento ancora debole l'articolazione, ma non ho particolari dolori. in un ultimo consulto con il dottore che mi ha operato,data la buona calcificazione della frattura, mi è stato detto che la rimozione della placca, che all'inizio era prevista x settembre (quindi 10 mesi dopo l'intervento), potrà essere anticipata a fine maggio (quindi sei mesi dall'intervento). vorrei sapere se non ci sono problemi nel rimuovere la placca cosi presto e se dopo la rimozione, dovrò ripetere il percorso di fisoterapia, prima di tornare a giocare. ringrazio anticipatamente qualsiasi professionista che abbia la gentilezza di rispondermi. saluti

[#1]  
Dr. Antonio Mattei

40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Utente
La rimozione di un mezzo di sintesi deve essere effettuata quando la guarigione dell'osso è considerata completa.
In genere a 6 mesi una frattura di malleolo peroneale può considerarsi completa quindi è possibile rimuovere la placca.
Tutto questo deve essere confortato dagli esami radiografici.
Il percorso riabilitativo successivo è molto breve e non paragonabile a quello post intervento di riduzione.
Cordiali saluti
Antonio Mattei

[#2] dopo  
Utente
la ringrazio dottore
vorrei farle un'ultima domanda da ignorante in materia: dopo la rimozione delle viti, è normale che rimangano dei buchi nell osso,x via dell'estrazione. mi chiedo se, essendo cmq il perone, un osso non paragonabile allo spessore della tibia magari, se questo può comportare problemi, o cmq di quanto tempo i buchi avranno bisogno per chiudersi totalmente.
la ringrazio ancora.

[#3]  
Dr. Antonio Mattei

40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Per il primo mese bisogna essere prudenti.
In genere però i fori che rimangono nell'osso non creano alterazioni biomeccaniche importanti all'osso, nella fattispecie al perone.
Cordiali saluti
Antonio Mattei