Utente
Gentili dottori,
mercoledi 25 luglio 2012 (esattamente una settimana fa) ho subito un trauma alla mano sinistra durante una partita di calcetto. La stessa sera mi hanno eseguito le radiografie con referto "frattura obliqua parzialmente scomposta terzo diafisiario terzo metatarso mano sinstra". Mi hanno fatto una fasciatura provvissoria e l'indomani stesso ho eseguito la visita ortopedica. L'ortpedico ha detto che era al limite dell'intervento chirurgico, e poichè la mano era molto gonfia (cosi gonfia che mi sono anche impressionato, e non è una cosa facile) mi ha fatto una steccatura provvisoria, dicendomi che dopo 5 giorni dovevo fare un'altra radiografia e tornare. Ieri mattina ho eseguito la seconda radiografia presso clinica privata con referto "frattura a rima principale obliqua, a becco di flauto, a carico del terzo metacarpale, tra terzo prossimale e terzo medio della diafisi, con frammenti affrontati e mantenuti in discreta posizione mediante apparecchio gessato. Permane lieve diastasi, con minimo scalino interframmentario. Conservati i rapporti articolari". Sono tornato nella stessa giornata di ieri in ospedale per la seconda visita ortopedica, e dopo aver visionato le due radiografie mi è stato detti che l'osso non si era mosso e che la steccatura andava bene e la devo togliere dopo 40 giorni dall'incidente. La mia domanda è, poichè nella prima radiografia si parlava di frattura parzialmente scomposta, non bisognava intervenire almeno manualmente per rimetterla a posto? Inoltre dopo 4-5 giorni il gonfiore e il dolore sembravano essersi attenuati, ma dalla giornata di ieri sento di nuovo molto dolore, la mano è come se mi pesasse più del normale e mi sembra di nuovo molto gonfia (non posso constatarlo direttamente a causa della steccatura, ma lo sento e l'attaccatura del pollice, che è tenuto libero, è visibilmente gonfia. E' normale???
Grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Luigi Grosso

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
RAPALLO (GE)
BUSTO ARSIZIO (VA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Riporto la diagnosi RDX poichè è importante ai fini della comprensione del suo problema: "Frattura a rima principale obliqua, a becco di flauto, a carico del terzo metacarpale, tra terzo prossimale e terzo medio della diafisi, con frammenti affrontati e mantenuti in discreta posizione mediante apparecchio gessato. Permane lieve diastasi, con minimo scalino interframmentario. Conservati i rapporti articolari". Come si evince dal referto si parla di "...frammenti affrontati e mantenuti in discreta posizione ..." questo significa che il processo di guarigione (formazione del callo osseo) può avvenire regolarmente. Il "gonfiore" presente può dipendere da diverse cause: a.mano pendente e non in posizione "vicino al cuore" per intenderci, b.processo di riassorbimento ematico lento. Il mio consiglio è quello di ritornare dal suo ortopedico soltanto se il gonfiore non dovesse risolversi nei prossimi giorni.
AUguri
Dr. Luigi Grosso - Chirurgia e Artroscopia Spalla e Gomito
Busto Arsizio (VA) - Rapallo (GE) - Napoli
www.luigigrosso.net - www.saluteinspalla.net

[#2] dopo  
Utente
Grazie della risposta, il fatto è che è da 7 giorni circa che mantengo costantemente la mano in posizione verticale verso l'alto, e sto prendendo anche antinfiammatori. Il gonfiore si era attenuato verso il 4-5 giorno, per poi aumentare vistosamente il sesto giorno. E' normale che a distanza di una settimana è cosi gonfia? E perchè è rigonfiata se la sto mantenendo nella corretta posizione e per niente sotto sforzo?

[#3]  
Dr. Luigi Grosso

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
RAPALLO (GE)
BUSTO ARSIZIO (VA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Per rispondere bene a queste sue domande occorre che venga effettuata una visita ortopedica accurata, valutazione di tutti i dati e quindi elaborare un pensiero....cose che un consulente on line non può fare.
Auguri
Dr. Luigi Grosso - Chirurgia e Artroscopia Spalla e Gomito
Busto Arsizio (VA) - Rapallo (GE) - Napoli
www.luigigrosso.net - www.saluteinspalla.net

[#4] dopo  
Utente
Un ulteriiore ortopedico ha visionato la radiografia e ha detto che la migliore cosa sarebbe stata (o sarebbe) l'operazione, senza la quale ci potrebbe essere il rischio che mi rimanga come un "bozzo" sopra la mano anche a guarigione completata. E' possibile? Un'ultima cosa, se metto del ghiaccio sopra la mano (il dorso della mano è fasciato ma non gessato) a distanza di una settimana non ha piu alcuna utilità? In tal caso posso comunque metterlo (mi da un po di sollievo) o potrebbe essere controproducente?
Grazie.