Utente 294XXX
Salve,
sono una ragazza di 25 anni e a dicembre scorso ho subito un intervento di capsuloplastica circonferenziale spalla dx con 5 punti di sutura della capsula senza l'utilizzo di ancorette, in seguito ad una lussazione e alla diagnosi di instabilità multidirezionale per iperlassità legamentosa, trattamento conservativo con terapia in acqua e rinforzo muscolare nullo. Dopo 5 settimane dall'intervento ho iniziato la fkt e l'elettrostimolazione del sovra-infra spinato, non del deltoide. A distanza di 3 mesi dall'intervento e dopo 20 sedute di fkt ed elettrostimolazione questo è il risultato (scheda visita fisiatrica):

Flessione 130°
Rotazione esterna 60°
Abduzione 120°
Adduzione 60°
Add-intra D12
Add-extra 50°
Abd-intra 20°
Abd-extra 30°

Il dolore di notte persiste, di giorno ho dolori nella zona scapolare e nella parte anteriore della spalla. I movimenti delle spalle sono scoordinati e non riesco ad elevare il braccio oltre la testa perchè provo molto dolore. Nell'elevazione del braccio laterale tendo a compensare alzando tutta la spalla perchè sento che mi tira tutta la spalla. In alcune circostanze, ad esempio se provo a dormire sul lato dx o chiudo la portiera dell'auto lato passeggero, ho la sensazione che la spalla esca in avanti. Il fisiatra mi ha consigliato un altro ciclo di fkt che farò sicuramente, e anche degli esercizi da fare a casa. La mia preoccupazione però è la seguente:
non è che durante l'intervento i tendini della capsula siano stati "tirati" troppo a tal punto da impedirmi determinati movimenti? E' normale, a 3 mesi dall'intervento, avere ancora dolore e limitazioni nei movimenti, e comunque sentirsi peggio di come ci si sentiva prima dell'intervento?
La settimana prossima ho il controllo dall'ortopedico che mi ha operata e porrò anche a lui queste domande, ma vorrei avere prima un parere esterno.
Ringrazio anticipatamente per l'attenzione.

[#1]  
Dr. Luigi Grosso

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
RAPALLO (GE)
BUSTO ARSIZIO (VA)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non è semplice dare una risposta precisa alle sue domande. I motivi sono tanti, chi le dà una risposta dovrebbe conoscere:
1.una stadiazione precisa della lassità preoperatoria (planning preoperatorio)
2.una valutazione iconografica del complesso sitema del cingolo scapolo omerale
3.lo stato anatomico e funzionale delle componenti muscolari, scheletriche e legamentose prima dell'intervento
4. ecc.
Come vede, dare un risposta semplicistica significherebbe essere imprecisi ed incorretti.
Trovo corretto, invece, che lei ne parli con il chirurgo che l'ha operata in modo che lui e solo lui potrà fornirle tutte le spiegazioni che lei desidera.
Ci tenga informati. Auguri.
Dr. Luigi Grosso - Chirurgia e Artroscopia Spalla e Gomito
Presidente Associazione Insalux
web: www.luigigrosso.net - www.saluteinspalla.net
mai

[#2] dopo  
Utente 294XXX

Grazie per l'interessamento.
La terrò informata
Distinti saluti

[#3] dopo  
Utente 294XXX

Salve,
sono passati 5 mesi dall'intervento e la situazione è migliorata. Il dolore è diminuito notevolmente e i movimenti sono migliorati. Oltre alle 20 sedute di fkt citate nel messaggio iniziale, ho fatto un ciclo di 10 sedute di idrokinesi mirata al recupero dell'elevazione e dell'abduzione, e ne ho appena iniziato un altro, su consiglio dell'ortopedico che mi ha operato. Inoltre effettuo quotidianamente esercizi di stretching capsulare e rinforzo muscolare.
.
Riporto alcune informazioni sull'intervento:

Assenza di lesioni del cercine, cuffia intatta. Lassità capsulare con ridondanza tissutale.
Suture posteroinferiore con punto a 8 sul LGOI e punto semplice posteriore. Suture a 8 anteroinferiore sul LGOI e punto semplice sul LGOM. Testa centrata, drive trough negativo.

L'unica cosa che mi preoccupa particolarmente è proprio il recupero dell'elevazione, ad oggi 150°, prima della idrokinesi 130°. In pratica, quando tento di superare i 150°, ho una forte sensazione di pressione accompagnata a dolore scapolare. Tendo a compensare l'elevazione e l'abduzione alzando la scapola, è come se la spalla non avesse abbastanza spazio per muoversi. Noto il compenso anche allo specchio, sia durante l'elevazione che durante l'abduzione. In acqua riesco a nuotare a rana, anche se non riesco ad allungarmi completamente, ma mi è impossibile effettuare una bracciata a dorso o a stile libero. E' normale a 5 mesi dall'intervento? Non è che si sia sviluppata una sindrome da conflitto? Riuscirò a recuperare totalmente il movimento?
Ringrazio per l'attenzione