Deviazione setto e ipertrofia dei turbinati

Salve,
da circa un anno ho i seguenti sintomi: tonsille e gola infiammate, formazione continua di muco trasparente in gola, spesso debbo grattare la gola, abbassamento della voce, naso chiuso, sensazione di raffreddore continuo.
Dopo aver effettuato – su consiglio del medico di base – aerosol ed aver assunto Becotide spray nasale per 1 mese con benefici solo momentanei, a fine luglio sono stato visitato da un otorino il quale mi ha diagnosticato deviazione del setto nasale a destra, ipertrofia dei turbinati inferiori, mucosa della laringe iperemica, tonsillite caseosa e mi ha prescritto Rinelon spray nasale per 1 settimana, Fluifort per 1 mese, TAC massiccio facciale, aerosol termale.
Dopo aver assunto Rinelon e Fluifort ed aver effettuato aerosol termale la situazione è migliorata, ma la produzione di muco in gola continua e soprattutto nell’arco della giornata in alcuni momenti il naso è libero, in altri è chiuso; intanto la TAC ha confermato la deviazione del setto e l’ipertrofia dei turbinati e l’otorino mi ha detto che è necessario l’intervento chirurgico.
Con l’intervento per la riduzione del volume dei turbinati e la correzione del setto nasale deviato risolverò i miei problemi, anche per quanto riguarda la produzione di muco?
Il mio problema non potrebbe dipendere da una rinite allergica ed in tal caso l’intervento chirurgico non potrebbe rivelarsi inutile?
Prima di decidere di operarmi, non conviene fare le prove allergiche o una rinomanometria?
In Italia quali sono i centri migliori per interventi di chirurgia del naso
( preferibilmente Campania e Lombardia)?
Siccome non sono ancora convinto di operarmi potreste consigliarmi un buon otorino a Milano dove lavoro e/o in Campania? In ogni caso medio tempore posso utilizzare il Rinelon in quanto ho notato che con tale spray respiro meglio?

In attesa di una Vostra risposta, Vi ringrazio anticipatamente.
[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
L'intervento chirurgico di settoplastica funzionale con decongestione dei turbinati sicuramente gioverà alla respirazione, risolvendo il problema respiratorio meccanico. Ogni altro tipo di patologia , come rinite, allergia dovrà essere trattata separatamente. Dirle in questa Sede, senza un esame clinico, circa la necessità o meno nel suo caso di un intervento chirurgico, è praticamente impossibile. Per quanto riguarda invero lospray nasale, invero, come per ogni farmaco è bene non abusarne. Puo', semmai, sostituire quello utilizzato con un altro a base di zolfo. L'intervento in questione è di routine e non necessita di rivolgersi a Strutture particolari. Puo', ad esempio, rivolgersi presso l'Ambulatorio Otorinolaringoiatrico del Policlinico Universitario di Napoli. Cordiali saluti

Dr. Raffaello Brunori

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie Dott.Brunori,
scusi se approfitto della Sua disponibilità,
prima di decidere per l'intervento non conviene effettuare una rinomanometria con test di decongestione dei turbinati per comprendere quanto i turbinati sono responsabili dell'ostruzione nasale?
Volendo sostituire il Rinelon con uno spray nasale a base di zolfo potrebbe indicarmene qualcuno?
Un mio amico mi ha consigliato di rivolgermi al Centro di otorinolaringoiatria dell'ospedale San Raffaele di Milano, è un buon centro?
Cordiali saluti
[#3]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Certamente, la rinomanometria con test di decongestione dei turbinati è un esame molto valido per una valutazione dell'effettiva respirazione nasale. Per quanto riguarda, invero, lo spray nasale a base di zolfo, per motivi pubblicitari , non posso farle alcun nome commerciale ma, sicuramente, il Farmacista saprà consigliarla in merito. Anche se non vedo il motivo di eseguire l'intervento fuori Regione, la Struttura da lei indicata a Milano è d'eccellenza. Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille!
[#5]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott.Brunori,
se effettuassi solo l'intervento per la decongestione dei turbinati mediante radiofrequenze o laser senza intervenire - per ora - sul setto nasale potrei già avere dei benefici?
In ogni caso ai fini della correzione del setto nasale deviato qual'è la tecnica più affidabile?
Grazie
[#6]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Il mio consiglio è quello di intervenire contemporaneamente sulla correzione della deviazione del setto nasale con la tecnica classica (secondo Cottle) che, ad oggi, dà migliori risultati e sulla decongestione dei turbinati con le radiofrequenze. Grazie a lei.
[#7]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio, buon lavoro.
[#8]
dopo
Utente
Utente
Salve Dott.Brunori,
sono stato visitato da un altro otorino ( professore universitario, nonchè primario) il quale, dopo aver visto ad occhio nudo per 5 secondi la mia gola, ha affermato che la causa dei miei problemi è un reflusso gastro-esofageo e mi ha consigliato di consultare un gastroenterologo.Sono rimasto un pò perplesso anche perchè non ho i sintomi tipici del reflusso ( faccio spesso eruttazioni ma niente bruciore allo stomaco nè sensazione di acido che risale verso la gola); inoltre mi ha consigliato di sostituire il Rinelon con il Nasonex che secondo lui è migliore, anche se principio attivo ed eccipienti sono gli stessi.
In merito a quanto risultato da questa nuova visita ORL gradirei un Vostro parere.
Grazie
[#9]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Gradirei conoscere il suo attuale stato di salute e se si è sottoposto ad una visita gastroenterologica
[#10]
dopo
Utente
Utente
Salve dott. Brunori,
sono stato visitato da un gastroenterologo, il quale, preso atto che io non ho alcuno dei sintomi tipici del reflusso gastroesofageo, mi ha consigliato di fare una gastroscopia insieme a PH metria con metodo "Bravo" al fine di escludere definitivamente la sussistenza del reflusso.
Inoltre ho effettuato anche il Prick test e il RAST al fine di escludere la causa allergica ed entrambi sono risultati negativi ( infatti non ho i sintomi della rinite allergica).
RIEPILOGANDO:
-sono stato visitato da 3 otorini ( il primo ha detto che l'intervento chirurgico è necessario e risolutivo, il secondo ha detto che l'intervento è necessario ma è solo migliorativo, il terzo ha detto che debbo continuare a provare con i farmaci e poi magari farò l'intervento solo sui turbinati)
- negli ultimi 10 mesi ho assunto una serie di farmaci ( OKI, CLENIN AEROSOL, BECOTIDE SPRAY NASALE, RINELON, FLUIFORT, NASONEX, XYZAL) con risultati insoddisfacenti; ultimamente sto utilizzando un semplice spray nasale a base di zolfo - RINO GET - il quale ha l'unica funzione di liberare le cavità nasali intasate e con il quale sto ottenendo dei benefici maggiori rispetto a quelli ottenuti mediante l'utilizzo di corticosteroidi e antistaminici.
E' chiaro che la non univocità dei pareri espressi dai vari otorini mi fa sorgere dei dubbi su quale sia la strada migliore da seguire ....cosa mi consiglia di fare?
Grazie
[#11]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Condivido le indicazioni del Gastroenterologo. Per quanto riguarda l'intervento chirurgico, come già le ho spiegato, questo potrà migliorare la respirazione nasale ma non le patologie infiammatorie responsabili della sintomatologia. Utile un tampone faringeo e nasale per la ricerca di germi patogeni
[#12]
dopo
Utente
Utente
Stamane ho effettuato il tampone farigeo e nasale ...le comunicherò i risultati.
Grazie mille!
[#13]
dopo
Utente
Utente
Gentile dott.Brunori,
Le comunico i risultati:
TAMPONE NASALE DX/SX - assenza di flora batterica patogena

TAMPONE FARINGEO - ricerca streptococchi B emolitici: negativa

Tra qualche giorno farò anche la gastroscopia con PH metria con il metodo "Bravo" al fine di escludere definitivamente la sussistenza di un reflusso gastroesofageo.

Intanto mi è stato consigliato di fare dei lavaggi con la tecnica del NETI LOTA di Bernkopf.
Cosa mi consiglia di fare?

Grazie
[#14]
dopo
Utente
Utente
Resto in attesa dei suoi preziosi consigli
Grazie
[#15]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Personalmente, credo sia utile attendere la gastroscopia per avvalorare la diagnosi di esofagite. Circa i lavaggi, puo' anche farli. Attendo l'esito della gastroscopia
[#16]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Brunori,
ho effettuato la gastroscopia e la PH metria con metodo Bravo.
ESITO GASTROSCOPIA:
Esofago regolare per calibro, decorso e mucosa.
Cardias in sede continente.
Lago mucoso chiaro regolare.Nulla al fondo corpo ed angulus.
Antro regolare.Piloro in sede pervio.
Bulbo e II porzione regolari.
ESITO PH METRIA:
Score totale = 13.0 DeMeestrer normale minore di 14,72.

Insomma non ho il reflusso gastroesofageo.

RICAPITOLANDO:
I problemi che ho ( naso chiuso e formazione di muco in gola) non dipendono da una causa allergica, non dipendono da un germe patogeno, non dipendono da un reflusso gastro-esofageo; è certo che ho la deviazione del setto e l'ipertrofia dei turbinati e a questo punto forse la diagnosi del primo otorino al quale mi sono rivolto era corretta ( tale otorino mi disse che la deviazione del setto ha provocato l'ipertrofia dei turbinati; conseguentemente tendo a respirare con la bocca e il mancato filtraggio dell'aria inspirata provoca irritazione della gola e formazione del muco; inoltre mi disse che l'unica soluzione era l'intervento, il quale sarebbe stato pienamente risolutivo).

Gradirei una Sua opinione in merito.
Grazie
[#17]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Nessuno puo' garantirle al 100% la guarigione con l'interveto chirurgico. Sicuramente, riposizionando il setto in asse e decongestionando i turbinati avrà un notevole giovamento sulla respirazione ma, per quanto riguarda la produzione di muco, questo non posso dirlo.Cordialmente
[#18]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille!

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test