Utente
Carissimi Dottori...avrei bisogno di una spiegazione più cocreta ai risultati ricevuti dalla TAC del 2008 e quella di quest'anno...dandomi anke pareri su prox cure.. 1)referto del 31/07/2008: L'esame TC dei seni paranasali,eseguito cn scanzioni assiali da 3mm con algoritmo per osso senza la MDC,ha mostrato: ipo-atrofia dei seni frontali;normale pneumatizzazione dei seni mascellari e del seno sfenoidale,con regolare rappresentaz delle cellette etmoidali. Scoliosi destro convessa del setto nasale,con ipertrofia mucosa dei turbinati inferiori... 2)referto del 27/11/2009:L'esame TC dei seni paranasali,eseguito con scansioni assiali e coronali senza iniezione di mdc ev, ha mostrato: regolare pneumatizzazione dei seni sfenoidali e frontali.Modico ispessimento iperplastico della mucosa dei seni mascellari(sn>dx).Laterodeviazione destra del setto nasale con ipertrofia dei turbinati.Libere le cellule etmoidali.Assenza di alterazioni strutturali ossee a carico dei segmenti ossei esaminati... Questi sono i miei referti..mentre i miei sintomi sono:secchezza all'interno del naso..nn sempre ho il naso chiuso ma comunque ho sempre la presenza interna di (es:crosticine) che nn riesco a pulirmene e liberarmene solo con le dita...nn riesco a dormire sdraiato che subito mi vengono mal di testa, dormo sempre a bocca aperta,non ho la rinorrea,non ho starnuti, ma solo ostruzione respiratoria ed un'alta frequenza di muchi che a volte mi impediscono di fare attività fisica(corsa);quando sto in giro con la moto ho difficoltà nel respirare(affanno) per colpa dei gas di scarico delle auto, dell'inquinamento...Il mio dott. fino ad oggi mi prescrive SEMPRE quei prodotti(SPRAY) a base di cortisone,tipo :NASONEX..GAVISCON..che non mi hanno risolto nulla. Ho fatto anche le prove allergiche, con risultato di rinite con allergia ai pollini, paritaria jud 3(+), assenzio selvatico 2(+), olivo(+), gramminanacee mix 2(+), con cure di CLARITIN-AIRCORT100_e KAVINOL...ricordo anche di essere un paziente con problemi di mucosa gastrica per gastrite cronica.... Mi auguro di ricevere una vostra risp in merito ai referti e avere un consiglio in più in base alle vostre professionalità. GRAZIE

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Da entrame le tac cui si è sottoposto, nono emerge alcuna patologia infiammatoria cronica a carico dei seni paranasali. Risulta solamente una deviazione del setto nasale con aumento di volume dei turbinati, ovvero di quelle mucose che hanno il compito di filtrare, umidificare e riscaldare l'aria che respiriamo. Credeo che sia utile, nel suo caso, un intervento chirurgico di settoplastica funzionale e di decongestione dei turbinati per ripristinare la funzione respiratoria. Per quanto riguarda la secchezza delle mucose nasali, utili degli oli rinobalsamici per umidificare e favorire il distacco delle crosticine. Sospendere gli spray al cortisone che favoriscono la secchezza delle mucose. Proseguire la terapia farmacologica per la patologia gastroesofagea. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio dott. x la risp. Attualmente sto rifacendo la cura protettiva per lo stomaco con (aldisol)perchè a volte ho presenza di acidità. Le volevo chiedere dove posso trovare questi oli rinobalsamici..e se esso è utile anche per eliminarmi le grosse quantità di muchi che ho nel naso, ieri specialmente ho vissuto una giornata infernale,perchè le mucose si sono sciolte proprio mentre stavo sulla moto,evitando fastidi alla gola cercavo di ingoiarle,e stamattina mi sono risvegliato con la gola secchissima ed infiammata,e con la presenza di noduli che non riesco a mandar giù. Mi consigli qualcosa perchè sono anni che non sopporto più la presenza di questi muchi. Grazie ancora per la disponibilità che ha nei miei confronti...buona giornata.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Puo' tranquillamente richiedere al Farmacista un olio rinobalsamico commerciale (non posso indicarle il nome per motivi pubblicitari). Vedrei, inoltre, utile nel suo caso una terapia a base di lisati batterici, ovvero di una sorta di vaccino anticatarrale che ha la proprietà di curare e nello stesso tempo di prevenire forme catarrali. Probabilmente utile anche un esame dell'espettorato per la ricerca di germi patogeni. Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Buonasera.. sono passati 2 anni, è il mio errore più grande è stato quello di essermi trascurato, forse oggi se avessi fatto quell'intervento avrei qualche problema in meno. La contatto dottore, perchè nell'ultimo weekend sono stato per due giorni con la febbre a 38, scesa la febbre mi è rimasto il fastidioso raffreddore, che nel caso mio è la peggiore situazione che stessi vivendo. Stanotte quasi rimanevo affogato dalla quantità di muchi che si saranno sciolti, di giorno il mio naso non è funsionale provo a soffiarlo ma è poca la quantità di muchi che fuoriescono, non riesco a parlare perchè ho la testa che mi scoppia (orecchie occhi fronte)... vado avanti abusando anche eccessivamente delle gocce di RINOCIDINA mg 7.5 +mg 3 , le uniche che mi danno sollievo per qualche ora. Le prenotazioni per le aziende Ospedaliere hanno attese di 3mesi, alcuni Dott. per conoscenze sono in ferie, allora le chiedo come posso risolvere attualmente, istantaneamente il mio problema con i muchi... non ne posso più ci sto male e la notte non dormo. Il Dott. di base per lo stato influenzale mi ha prescritto Flomax mat/sera... e vivinc. Aspetto sue notizie. Cordiali saluti.

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
L'acido acetilsalicilico è controindicato, nel suo caso, in quanto favorisce la formazione di polipi naslosinusali. Di solito, la terapia che si prescrive è a base di spray nasale a base di flunisolide, un mucolitico a base di acetilcisteina, un antistaminico. Tutta la cura per una ventina di giorni. Ovviamente, deve consultare a riguardo il suo Medico di famiglia. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori