Utente
Salve, Mi chiamo elena ho quasi 27 anni, preciso innanzi tutto che nell'anno 2004 sono stata operata al cervello per un angioma cavernoso, e che un anno fa ho cominciato a soffrire di sinusite con mal di testa molto forte dove in quell'occasione al pronto soccorso dopo avermi curato con cortisone e antidolorifico l'otorino mi ha prescritto le gogge rinobalsamiche da usare al bisogno, adesso è da novembre che una volta al mese ho avuto raffreddore con sinusite e mal di testa e al bisogno ho preso cortisone e gocce rinobalsamiche e dopo 2 giorni passava tutto. Veniamo al prblema recente: la sera del 7 febbraio 2011 comincio ad avere dolori nei pressi della mascella e dei denti ma comunque sopportabili, la mattina seguente mi sveglio con mal di testa frontale e nausea dopo comincio ad avere febbre lieve sui 37- 32e2, giorno 9 peggioro la febbre sale un pò e la nausea diventa vomito e mi sento mancare, mi portano al pronto soccorso dove ho uno svenimento con pressione a 60, mi monitorano, mi fanno delle flebbo e mettono il cortisone, la pressione comincia a salire, fino a quando si è stabilizzata, mi rimandano a casa dicendo che è una influenza e che la pressione e calata perchè ero disidratata, mi scrivono degli antibioti, fermenti lattici e mi rimandano almedico di famiglia. La sera torno a casa mi sento meglio, la mattina seguente mi risveglio con mal di testa,dolore alla mascella e denti, naso chiuso e ancora qualche linea di febbre,e ho la faccia completamente rossa come un gambero, viene il mio medico mi visita, mi prescrive Clavulin 1ogni 12 ore, e metrol cortisone. Dal giorno dopo sembra andare bene fino a giorno 13, il 14 febbraio mi risveglio con dolori fortissimi alla testa e alla mascella e il viso è rosso, riviene il mio medico, io non riesco ad alzarmi dal letto, allora chiama il 118, mi portano in ospedale e mi fanno una tac cranio d'urgenza, ma non c'è nulla, si vede solo la sede del pregresso interveto (angioma cavernoso del 2004). Decidono di ricoverarmi, mi curano con antibiotico e cortisone, e mi fanno degli accertamenti, e l'unico esame dove esce qualcosa è RX dei seni paranasali: "Lieve velatura del seno mascellre Dx e Sx. Mi visita un otorino e mi da la terapia per casa: Biorinil spary nasale, aerosol nasale fluimucil antibiotico con flunitop per 6giorni. Torno a casa comincio la terapia e dopo 2 giorni mi accorgo che ho le gengive superiori molto gonfie, vado da dentista e mi dice che è dovuto allo stress mascellare che ha provocato la sinusite, e che non cè nulla da fare, Veniamo al dunque: è da quando sono uscita dall'ospedale che ho una tensione facciale costante, come se avessi i nervi tesi,e mal ti testa costante, e la notte quando dormo non sento nulla, ma la mattina è di nuovo la stessa cosa, inoltre soffro d'ansia da 1 anno circa, Vi elnco l'ultima cura che mi ha prescritto il mio medico: Riprendere la cura dell'aerosol, Ananase, Vea oris, e diazepam. Adesso vorrei un parere vostro! Esami da fare? Cure? grazie!

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non mi sembra che, nel suo caso, ci siano altri accertamenti da fare. Piu' che del risultato dell'Rx del cranio, terrei in considerazione quello della tac. condivido la terapia prescritta. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la sua risposta, ma per questa tensione muscolare fcciale e mal di testa che smette solo quando dormo e quando mi risveglio torna, cosa posso fare? è solo collegato alla sinusite, quindi questi dolori smetteranno solo quando la cura con i farmaci avrà fatto il suo corso? o c'è qualche altra terapia? insomma la sinusite è collegata alla tensione facciale e al mal di testa che continuo ad avere? oppure le cause potrebbere essere di natura diversa? ... inoltre ho dimenticato di dirvi una cosa, i primi di gennaio stavo facendo uno dei mie lavoretti artistici con tegole in terracotta, forando la tegola con un mini utensile, si è sollevata molta polvere di terracotta, io ho fatto il grave errore di non usare la mascherina, e ne ho respirata molta, di conseguenza soffiando il naso ne è uscita parrecchia, ma questo evento quanto potrebbe centrare con la sinusite mascellare? Grazie per la vostra pazienza e disponibilità A presto

[#3] dopo  
Utente
ecco i risultati-
tac cranio: in atto si documenta immagine triangolare, similloquorale in corrispondenza della base della regione occipitale di Dx. verosimilmente sede del pregresso intervento. Coesiste in tale sede immagine puntiforme come da microcalcificazione.

rx dei seni paranasali: lieve velatura del seno mascellare Dx. e Sx.

[#4]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Per tranquillità, è opportuno fare leggere le immagini della tac ad un Neurochirurgo, visto l'esito dell'intervento cui si è sottoposta. A questo punto, non credo che la sintomatologia dolorosa possa dipendere da un processo infiammatorio a carico dei seni paranasali, vista la modesta entità della patologia. Anche per questo, è bene sentire il parere del Neurochirurgo. Buon fine settimana
Dr. Raffaello Brunori

[#5] dopo  
Utente
Grazie nuovamente per la disponibilità, al ricovero all'ospedale la tac cranio è stata letta da un neurologo che poi mi ha sottoposto a visita neurologica, non evidenziando nulla di particolare. Ma allora i miei dolori da cosa possono dipeendere? Da quale altro specialista dovrei andare? La ringrazio ancora per la disponibilità, e che davvero non ne posso più! Grazie buon fine settima anche a lei!

[#6]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Penso che la sintomatologia da lei sofferta prenda il nome di algie cranio-facciali. Per questo, è bene consultare nuovamente il Neurologo.
Dr. Raffaello Brunori

[#7] dopo  
Utente
Gentile Dr. RAFFAELLO BRUNORI
dopo 2 giorni di terapia con aeresol, ananase e diazepam, i dolori si sono molto attenuati, soprattutto il mal di testa, anche la tensione facciale sembra andare meglio, la cosa nuova che ho notato durante queste ultime notti è che digrigno i denti, anche se non ne sono sicurissima perchè mi è capitato in dormiveglia, comunque il digrignare i denti quanto può incidere con i sintomi che ho? La ringrazio per la sua disponibilità, naturalmente prenderò in considerazione i suoi consigli. Grazie!

[#8]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Certo, anche il digrignare puo' comportare la sintomatologia sofferta. Come puo' ben vedere, uno stesso sintomo puo' essere causato da diverse patologie e, per questo, l'esame clinico è sempre fondamentale, non potendo farlo a distanza. Nel suo caso, dobbiamo andare per esclusione. Mi farà sempre piacere essere aggiornato in merito
Dr. Raffaello Brunori

[#9] dopo  
Utente
La ringrazio per la sua infinita disponibilità, appena farò ulteriori accertamenti la informerò subito, intanto la ringrazio ancora una volta e le auguro una buona giornata. Grazie a presto

[#10]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Grazie a lei ed a presto
Dr. Raffaello Brunori