Utente
Dopo la visita specialistica da un Otorino mi è stata riscontrata una stenosi nasale da deviazione del setto e quindi mi dovrò sottoporre all'intervento di settoplastica e turbinoplastica. Volevo sapere se in qualche modo gli occhiali (li porto sempre) possano aver in parte favorito lo sviluppo di tale disturbo, visto che dove poggiano i naselli effettivamente ci sono due belle fossette. Dopo l'intervento è chiaro che per un pò non li porterò! E' consigliabile cambiare tipo di occhiali? Con magari un altro sistema di appoggio sul naso? Grazie per i Vostri consigli.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile Utente, nel modo piu' assoluto gli occhiali che indossa possono aver provocato la deviazione del setto e l'ipertrofia dei turbinati riscontrati in occasione della visita specialistica cui si è sottoposto. Quindi, anche dopo l'intervento che gli è stato consigliato, potrà benissimo indossare i Suoi occhiali , se crede. Cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la Sua risposta Dr. Brunori. Effettivamente mi sembra strano che gli occhiali possano influire su tale problema. Approfitto comunque per porre altre domande: girando in rete, sento parecchia gente affermare che l'intervento non ha portato poi cosi tante migliorie. Esiste questo rischio o c'è da pensare che per alcuni individui oltre al setto deviato ci siano altre complicanze? E poi, una volta fatto l'intervento c'è la possibilità che i turbinati ritornino ipertrofici? C'è magari qualche trattamento da fare periodicamente per annullare questo rischio e mantenere la buona funzionalità? Grazie ancora per i Vostri consigli

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Se l'intervento viene eseguito da mani esperte, risolverà certamente il Suo problema respiratorio. I turbinati, col tempo, se persisteranno cause infiammatorie croniche od allergiche,potranno ritornare ipertrofici ma, con il setto nasale in asse,lo spazio respiratorio sarà piu' che sufficiente.
Cordialmente
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Oggi ho ritirato l'esame della TAC del Massiccio Frontale. Ho dato un'occhiata anche se non ne capisco più di tanto. Ci sono comunque alcune immagini dove si vede benissimo il setto deviato. Ecco la valutazione allegata alle lastre:
"I seni frontali sono ampi, normo-diafani. Pressochè completamente opacato il seno mascellare di destra; normo-diafano quello di sinistra che presenta lievi ispessimento mucoso a livello del pavimento. Modesta deviazione del setto nasale con scoliosi destro-concava. Modicamente velate le cellule etmoidali".
Ora non mi resta che aspettare il giorno dell'intervento e ad essere sincero non vedo l'ora che arrivi (purtroppo però devo aspettare fino al 12 settembre 2008), così magari poi mi cambia un po la vita. Dr Raffaello Brunori, grazie anche alle sue valutazioni sono pronto ad affrontare l'intervento in tutta serenità. Le farò comunque sapere. Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Le consiglio di far visionare la tac allo Specialista che dovrà operarla: sarà anche Lui d'accordo di estendere l'intervento ad uno svuotamento dei seni paranasali interessati dallo stato infiammatorio, sempre per via endonasale, in endoscopia. In bocca al lupo!
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno! Oggi ho ricevuto una telefonata dall'ospedale presso il quale mi devo recare per l'intervento, e mi è stato comunicato che si è liberato un posto per il 2 maggio anziche aspettare fino al 12 settembre. Naturalmente ho confermato che per me va bene. Oggi quindi mancano 3 settimane esatte. Quando avevo fatto la visita dallo specialista, mi era stato consegnato un foglio sul quale oltre a trovare tutte le indicazioni e contatti per prenotare l'intervento, ci sono anche dei consigli riguardo i farmaci da non assumere appunto nelle 3 settimane che precedono l'intervento tipo anticoagulanti (COUMADIN, SINTROM...) ed antiaggreganti piastrinici (ASPIRINA, CEMIRIT, TIKLID....). Sono consentiti invece Tachipirina, Novalgina, Terapia Antibiotica. Tengo a precisare che fortunatamente non ho bisogno di alcuno di questi. Qualche volta per il mal di testa prendo KETODOL. Quello che vorrei sapere, è se la stessa cosa vale anche per l'alimentazione ossia, ci sono alimenti da evitare e magari altri consigliati? Ad esempio, un bicchiere di vino al giorno (quello che bevo regolarmente durante i pasti) è da evitare? Grazie

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Per quanto riguarda l'alimentazione, non ci sono restrizioni e nemmeno per l'alcool: 1 bicchiere di vino a pasto è consentito.Cari saluti ed in bocca al lupo!
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
Salve Dr. Brunori. L'intervento programmato per il 2 maggio è stato spostato nuovamente. Ricovero ed intervento è previsto per domani mattina 22 maggio 2008. Le farò sapere

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
In bocca al lupo! Attendo Sue notizie. Cordialmente
Dr. Raffaello Brunori

[#10] dopo  
Utente
Eccomi a casa Dr. Brunori. Sembra essere andato tutto per il meglio. Lo specialista che mi ha operato, ha detto che avendo un naso molto stretto lo spazio a disposizione non è tanto, ma che comunque ha allargato il più possibile i condotti e messo in asse il setto. Ho appena cominciato ad assumere l'antibiotico Amoxicillina (2 volte al di) e dovrei anche applicare la crema Rinopaidolo, solo che per quest'ultima ho un piccolo dubbio (forse mi è sfuggito mentre spiegava): è chiaro che la si inserisce nella narice, e ho capito anche quanta metterne. Quello che non ho capito, è quanto inserirla. La si mette appene dentro è poi si massaggia per farla salire? A proposito: questa discussione era cominciata per gli occhiali. Non ho nessuna difficoltà a portarli, anche se preferisco non metterli per paura di prenderci dentro. Se può rispondermi a riguardo la crema ne sarei grato. Buona giornata

[#11]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sono molto contento che tutto sia andato per il meglio! Per quanto riguarda la pomata, ne deve premere dal tubetto stesso circa 1 cm in tutte e due le narici . Poi, dall'esterno, un leggero massaggio per spalmarla. Gli occhiali li puo' indossare senza timore. I miei piu' cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#12] dopo  
Utente
Buonasera Dott. Brunori. Scrivo ancora sia per farLe sapere che oggi mi hanno tolto le due placche dal naso ed è tutto OK, ma anche per dire a chiunque leggerà queste righe e che magari è indeciso se fare l'intervento oppure no, di farlo! Fatelo perchè ne vale veramente la pena. Ora possso finalmente respirare e non mi sembra vero. E' una sensazione di leggerezza e di libertà. Impressionante è la quantità d'aria che sale dal naso (subito da quasi fastidio). L'importante è di affrontare il tutto con serenità e consapevolezza di che cosa si va incontro. Quindi una buona preparazione su tutte le varie fasi secondo il mio parere è di fondamentale importanza. Io personalmente devo dire che è stato come mi aspettavo e cioè, um po di dolore, un po di fastidio ma tutto sopportabilissimo. Ora vorrei ringraziare anche Lei Dr. Brunori perchè anche i Suoi consigli sono stati Oro per me. Complimenti a WWW.Medicitalia.it e Grazie anche a tutti i medici del mondo per quello che fanno ogni giorno. Grazie!

[#13]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Grazie a Lei per la stima e la fiducia accordataci! Voglia gradire i miei piu' cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori