Presunta apnea

salve,sono Roberto 35 anni
da un paio di anni sono diventato un russatore da competizione,il problema non e' solo questo,
durante il giorno sono sempre stanco e sonnolento,la notte mi sveglio per la gola secca e dormo male,vado ad urinare dalle 2 alle 3 volte per notte,la cosa piu' brutta e che durante la notte dalla mia bocca fuoriesce della schiuma in maniera disgustante e al mattino si forma da quella schiuma una patina bianca sulle labbra,ho effettuato la polisonnografia ,il medico mi ha riferito che e' tutto ok,risulta solo un calo palatale dovuto al post intervento dei turbinati esetto nasale,io durante il giorno mi accorgo che la respirazione non e' regolare e sento come se ci fosse del muco sul lato dx della gola che al momento di deglutire si muove come se ci fosse qualcosa,il consiglio medico e' stato ---lavaggi nasali!!!!----non riesco ad uscirne fuori,potete aiutarmi?
[#1]
Dr. Edoardo Bernkopf Dentista, Gnatologo, Esperto in medicina del sonno 5,6k 190 26
Gentile Paziente, lei scrive "sono diventato un russatore da competizione,il problema non e' solo questo":
Forse non è solo questo, ma credo sia il caso di cominciare da questo.
Mi sembra un po' strano che un russatore da competizione, che durante il giorno è sempre stanco e sonnolento, e la notte si sveglia per la gola secca e dorme male, va ad urinare dalle 2 alle 3 volte per notte abbia una polisonnografia perfetta.
Comunque , anche se ciò fosse confermato, il russamento e il respiro orale per tutta la notte e per tutte le notti andrebbe preso in considerazione.

L'apnea nel sonno ed il russare notturno rappresentano un conflitto tra la lingua e le strutture molli del retrobocca (palato molle, tonsille, adenoidi, retrofaringe)
Il russare è dato dalla vibrazione del palato molle dovuto al fatto che l'aria inspirata dalla bocca, e non dal naso come sarebbe auspicabile,(il paziente infatti ha spesso la gola secca e la notte sente il bisogno di bere) trova uno stretto passaggio tra il palato stesso (e le tonsille, specie nei bambini) e la lingua. Abitualmente si é soliti considerare, anche chirurgicamente (tonsillectomia, plastica del velo pendulo) solo una di queste componenti anatomiche, e cioé quella posteriore, e non si pensa alla correzione della componente anteriore, costituita dalla postura linguale, correzione che risulta spesso agevole ed incruenta. La lingua, infatti, essendo per gran parte in rapporto con la mandibola, dalla postura mandibolare e quindi dal tipo di occlusione (e di malocclusione) che il paziente presenta, è fortemente condizionata.
L'apnea ostruttiva nel sonno, può spesso essere un'aggravante dello schema strutturale sfavorevole sopra esposto.
Oltre all'approccio chirurgico, e alla ventilazione assistita, si può oggi in molti casi optare per l'applicazione , durante la notte, di un dispositivo intraorale simile ad un apparecchio ortodontico, spesso in grado di migliorare o risolvere il problema.

Le suggerirei di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema. Cordiali saluti ed auguri.

http://www.studiober.com/pdf/Malocclusioni%20e%20patologie%20respiratorie%20ostruttive.pdf
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/983-problemi-di-naso-chiuso-a-volte-la-causa-sta-in-bocca.html

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test