Utente
Buongiorno,
vi scrivo poiché questo problema sta andando avanti da 2/3 di mesi e non vi trovo soluzione e vorrei la vostra opinione. Sono un soggetto che soffre di reflusso gastroesofageo (curato con pantoprazolo 40mg + riopan una bustina dopo i pasti) ma senza miglioramenti e assumo paroxetina. Ho effettuato tampone faringeo (a) risultato negativo e alla visita orl è emerso tutto regolare eccetto un'ipertrofia del tessuto linfatico faringeo (che non capisco cosa voglia dire): in bocca presento alcune bolle rosse sulla faringe che è tutta infiammata e un paio di afte che non regrediscono tra l'incastro con la lingua e la gengiva e sulla lingua solita maledetta patina bianco/grigia e papille ingrossate. Ho assunto un antimicotico ma non ha sortito alcun effetto. Tonsille rimosse molto tempo fa. Ho avuto anche una paradontite grave che mi ha causato molte carie e soffro anche di bruxismo. Ho la bocca e la gola che bruciano costantemente (anche le gengive e le labbra ma non sono arrossati) e i gusti li sento tutti alterati (acido metallici) ed è come se avessi un corpo in gola e respirassi sempre aria calda. È possibile che sia solo colpa del reflusso tutta questa sintomatologia? O potrebbe essere anche colpa della paroxetina che asciuga le mucose e mi causa questa sensazione spiacevole di secchezza e bruciore e irritazione? L'otorino mi ha detto che in caso di mancata soluzione si dovrebbe procedere a una biopsia ma non ho neanche svolto una laringoscopia. A livello di analisi ematiche tutto nei parametri (fatte 4 mesi fa, unico dato ferratina livemente bassa) per una prolungata astenia probabilmente imputabile alla depressione. A livello odontoiatrico, dopo prolungate cure alle carie, tutto sembra risolto (a parte i denti rovinati dall'acido). Il dermatologo ha controllato ma non ha riscontrato presenza di elementi rilevanti a livello dermatologico, a parte la severa faringite. Potrebbe trattarsi di carenze vitaminiche o di un problema di altra natura? Come immaginerete questa situazione mi crea non pochi fattori di ansia (molta ipocondria) e frustrazione perché pare non volersi risolvere. Grazie per il tempo dedicatomi, attendo vostre.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Dovendomi basare unicamente su quanto descrive, penso che tutta la sintomatologia possa dipendere dal reflusso. Prima di effettuare la biopsia che ritengo utile, prescriverei una RM con mezzo di contrasto del rinofaringe e cavo orale per avere una visione di questo tessuto ipertrofico di natura linfatica. Probabilmente utile anche un tampone faringeo per la ricerca di germi patogeni.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta dottore. Tampone fatto ed è risultato negativo. Ma la biopsia in questo caso prevederebbe un'anestesia totale o sarebbe sufficiente una locale? Come si esegue? La risonanza in questo caso a cosa servirebbe a valutare? Quanto è ipertrofico il sistema linfatico? È una cosa grave l'ipertrofia linfatica? Scusi le tante domande ma vorrei capire.

Saluti.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La RM serve per capire l'estensione di questo tessuto ipertrofico e la zona interessata. Se si tratta di tessuto linfatico, la patologia non è grave, ovviamente. La biopsia puo' essere fatta in anestesia locale piu' sedazione, ma cio' lo deciderà l'Anestesista con il Chirurgo.
Un saluto anche a Lei
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno, scrivo per aggiornarla.
Ho eseguito una laringoscopia a fibre ottiche, referto:
fosse nasali pervie, setto nasale sostanzialmente in asse, ipertrofia dei turbinati inferiori, secrezioni assenti, crf libero, mucose iperemiche, asciutte, epiglottide normoconformata, follicoli linfatici faringei prominenti, ipertrofia baselingua a mucosa integra, ccvv mobili, sr conservato, regione delle tre pliche indenne, ristagni salivari assenti, intensa iperemia dei cappucci aritenoidei e della regione retrocricoidea, seni piriformi liberi, non lesioni ad aspetto evolutivo nel distretto esaminato.

Io continuo ad avere mal di gola, gola asciutta e secca (spesso è come se mi si bloccasse il fiato), ipertrofia delle papille foliate e afte che non regrediscono vicino alla gola nonché un costante senso di bruciore alla bocca e alla lingua unitamente a xerostemia. Ricordo che uso paroxetina (che mi accingo a sostituire sotto controllo medico) e soffro di MRGE (che purtroppo non passa malgrado i farmaci).

Mi saprebbe spiegare un po' meglio il referto e se c'è qualcosa di grave o se potrebbe esser tutto dovuto al reflusso e alla paroxetina? Grazie anticipatamente.