Massiccio facciale

Salve sono un ragazzo di ormai 30 anni che da quando ha 17 anni soffre perennemente di problemi respiratori..in particolar modo ho problemi a respirare col naso e ho spesso catarro e sinusiti lancinanti sopprattutto d'inverno ma anche l'estate devo dire che i problemi non mi sono certo mai mancati..Dopo aver cambiato miriadi di dottori sia di famiglia che privati dopo essere stato ricoverato e sputato sangue per anni per cercare una soluzione (qualche Sig. ebbe pure la faccia di dire a mia madre che il mio era un tic nervoso) un bel giorno qualche settimana fà ho ho avuto la sfortuna/fortuna di rompermi un cappillare del naso..visto l'impossibilità di tamponarlo normalmente e visto il sangue perso e visto che ormai ero cianotico mi hanno visitato al prontosoccorso dell'ospedale Is Mirrionis di Cagliari dove l'ottorino con queste testuali parole mi ha detto(ma come cavolo fai a respirare col naso in queste condizioni?Devo operarti..)alchè io a dire la verita mi sono quasi commosso del fatto che qualcuno, (a parte me) e finalmente un Dottore(Sinceramnete ho perso la stima della categoria)si fosse accorto che qualcosa non andava nel mio naso! Detto questo vorrei esporvi il mio problema: Ho fatto la TAC di routine dove mi è stata diagnosticata una presenza di tessuto della densita delle parti molli di verosimile natura flogistica cronica,polipoide, a carico del meato medio dx,ostio sinuso-conale e parete laterale del seno masellare dx.
Minima quantita di tessuto flogistico anche a carico delle celle etmoidali anteriori e posteriori sn.
Ipertrofia mucosa dei turbinati inferiori; conca bullosa dx.
Deviazione dx convessa del setto nasale con spina ossea dxal terzo medio in contatto con i turbinati omolaterali.
Potete tradurmi se è grave? Perche non ci capisco nulla...Spero l'operazione non cambi l'aspetto del mio naso..e ma soppratutto che non sia nulla di grave..
[#1]
Dr. Ivano Bruno Bertetto Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 495 18
Non è grave,se pur debilitante, ed è frequente: ciò spiega i sintomi dal lei descritti.
Le mucose che rivestono quelle cavità ossee dette seni paranasali, e quelle che rivestono il naso, sono ispessite a tal punto vanno a bloccare il passaggio dell'aria e del muco, il quale si accumula in tali cavità, aiutato anche dalla deviazione del setto nasale, e portano ad ostruzione respiratoria nasale subcontinua e sinusiti ricorrentiper successive infezioni.
L'unica soluzione definitiva è l'intervento chirurgico, che può essere eseguito in anestesia generale, per via endoscopica (un 'tubo' a fibre ottiche completo di strumentazione)con il quale si entra attraverso le narici, senza tagli esterni, per correggere la deviazione del setto, ampliare gli spazi (concha bullosa, antro dei seni paranasali) e asportare tessuto iperplasico dei seni stessi.
Un cordiale saluto

Dr. Ivano BRUNO BERTETTO

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test