Un adenoma pleomorfo della ghiandola sottomandibolare sx, la diagnosi è stata fatta mediante

Salve, sono un ragazzo di 27 anni, 5 anni fà mi è stato diagnosticato un adenoma pleomorfo della ghiandola sottomandibolare SX, la diagnosi è stata fatta mediante ecografia ed agoaspirato.

In tutti questi anni ho effettuato una ecografia di controllo ogni anno per valutare se la formazione si ingrandiva ed effettivamente nel tempo è aumentata, quindi mi sono rivolto ad un otorino per valutarne la rimozione. L'otorino mi ha detto di ripetere l'agoaspirato (vecchio di 5 anni) e di fare anche una TAC con contrasto.

L'agoaspirato riconferma che si tratta di tumore salivare misto (c.d. adenoma pleomorfo della ghiandola sottomandibolare), mentre l'esito della TAC è il seguente:

AL MARGINE INFERIORE DELLA GHIANDOLA SOTTOMANDIBOLARE DI SN SI REPERTA FORMAZIONE DISOMOGENEAMENTE IPODENSA DI CIRCA 25MM DI DIAMETRO; DOPO SOMMINISTRAZIONE E.V. DI MDC SI APPREZZA COMPARSA DI DISCRETO CERCINE PERIFERICO DI IMPREGNAZIONE CONTRASTICA.
SOSTANZIALMENTE NEI LIMITI LA GHIANDOLA SOTTOMANDIBOLARE DI DX E LE GHIANDOLE PAROTIDI. ALCUNI MINUTI LINFONODI SI APPREZZANO IN SEDE LATEROCERVICALE, BILATERALMENTE; PARTICOLARMENTE EVIDENTI RISULTANO LUNGO IL MARGINE POSTERIORE DELLA FORMAZIONE SOTTOMANDIBOLARE SN OVE PRESENTANO UN ASPETTO CONFLUENTE IN AREA CON DIAMETRO MASSIMO DI CIRCA 12MM SUL PIANO ASSIALE.
REGOLARMENTE PERVIA LA COLONNA AEREA FARINGO-LARINGO-TRACHEALE.

Ora, prima di trnare dall'otorino volevo gentilmente chiedere:

1) Il referto della TAC è compatibile con un'adenoma pleomorfo (quindi benigno)?
2) Voi consigliereste l'asportazione?
3) Questi interventi presentano particolari rischi o sono particolarmente difficoltosi?

Vi ringrazio e Vi saluto Cordialmente.
[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,3k 1,1k
La benignità o meno di una neoformazione puo' essere stabilita con l'esame istologico. Comunque, già l'agoaspirato dà delle informazioni indicative. Sicuramente dovrà sottoporsi all'intervento chirurgico. I rischi sono quelli di qualsiasi intervento chirurgico. Importanti, in questi casi, è affidarsi nelle mani con una buona casistica operatoria. I migliori auguri di buon Natale ed in bocca al lupo!

Dr. Raffaello Brunori

[#2]
dopo
Utente
Utente
Sono tornato dall'otorino il quale mi ha detto che mi devo operare, l'operazione avverrà la prossima settimana.

Il medico mi ha detto che bisognerà asportare anche la ghiandola sottomandibolare Sx, penso che il termine tecnico sia "scialectomia sottomandibolare" Quindi volevo alcune conferme:

1) E' vero che l'asportazione della ghiandola sottomandibolare non comporta particolari problemi successivi all'intervento? (non so, scarsa salivazione).

2) Mi è stato detto che l'unico rischio aggiuntivo a quello di qualsiasi intervento, è il nervo facciale che passa in direzione della mandibola che comanda il labbro inferiore. In alcuni casi dopo l'operazione si potrebbe presentare la difficoltà transitoria ad usare quel nervo. E' un fatto che si verifica di frequente? e comunque il problema è sempre transitorio?

Grazie,

Saluti.
[#3]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,3k 1,1k
Nel suo caso, condivido anch'io l'utilità dell'intervento chirurgico. Cerchi di arrivare con tranquillità all'intervento: immagino che abbia fiducia nel Chirurgo, sulla sua casistica e professionalità. Per quanto riguarda le complicanze eventuali che possono verificarsi, specialmente sul nervo facciale, queste sono transitorie. Comunque, cerchiamo di essere ottimisti! In bocca al lupo!
[#4]
dopo
Utente
Utente
Salve Dottor Brunori, ho eseguito l'intervento che è andato sostanzalmente bene, non ho praticamente mai avuto dolori e sono stato dimesso dopo 3 giorni di ricovero.

Purtroppo però ora ho qualche difficoltà di mobilità del labbro inferiore sinistro, mentre parlo non si nota molto, si nota soprattutto quando devo pronunciare le lettere Z ed S, in sostanza si verifica una assimetria in quanto il labbro inferiore interessato dall'intervento si abbassa meno dell'altro. Se rido in maniera pronunciata l'assimmetria è più evidente.

Mi è stato detto che probabilmente il nervo si è un pochino stirato durante l'intervento, e che in teoria il problema dovrebbe essere transitorio, ma non è detto che si ci sia un recupero al 100%. Volevo porle due domande:

1) Per quella che è la sua esperienza quanto tempo è necessario per il recupero dela mobilità del labbro inferiore?

2) Esistono delle terapie o tecniche riabilitative che possono accelerare o aumentare il ripristino del normale funzionamento del labbro?

Grazie infinite.
[#5]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,3k 1,1k
Sono molto contento che l'intervento chirurgico sia riuscito bene. Per quanto riguarda il labbro non si deve preoccupare: tornerà normale nel giro di un mese. Credo che le sia stata prescritta una terapia cortisonica, non è vero? Un cordiale saluto
[#6]
dopo
Utente
Utente
Si è proprio così, a casa devo continuare la terapia con l'antibiotico ed anche con il cortisone, allora attendo fiducioso il il recupero del labbro.

Grazie mille,

Saluti.
[#7]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,3k 1,1k
In bocca al lupo!

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test