Acufene da un mese

Buongiorno,

Ho un acufene insorto improvvisamente in mese fa, al solo orecchio sinistro.

Ho 33 anni e i miei problemi di salute sono un reflusso controllato con lansoprazolo 15mg e ansia che varia in base alle situazioni e che non richiede però trattamento se non nei momenti peggiori con un po' di ansiolitici.


L'acufene è insorto improvvisamente mentre mi alzavo dal divano, e non è più andato via.

È continuo e acuto.


Visita ORL ha evidenziato che NON ho perdita udito nè infezioni o cerume, quindi il medico ha escluso cause legate all'orecchio.


Mi ha ipotizzato "lo stress" o un neurinoma dell'VIII per il quale però ha sconsigliato la RM per ora visto che sono giovane e quasi sempre un neurinoma dá anche altri sintomi (vertigini, perdita udito) che non ho.


Il medico di base mi ha detto in modo molto netto che gli acufeni "vengono e uno se lo tiene".


Sono molto abbattuto, mi stanno salendo ansia e depressione per questo sintomo che apparentemente non ha causa.


Adesso farò una risonanza ATM perché ho una malocclusione e poi vedrò uno gnatologo, ma fatto questo ho esaurito le opzioni e sono molto preoccupato: non credo riuscirei a convivere con questo disturbo a vita.

Ho anche iniziato una psicoterapia cognitivo comportamentale e il terapeuta ha suggerito di prendere aspirina 100mg per un mese per vedere se il suo effetto antiaggregante aiuta (sostiene che a volte gli acufeni dipendano da microtrombi) ma io ho letto che aspirina è invece un farmaco che l'acufene lo provoca e sono molto dubbioso... Inoltre avendo il reflusso non vorrei mi peggiorasse.

Cosa devo fare?
[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,3k 1,1k
Dovendomi basare unicamente su quanto da lei riferito, preso per buona che non risulti alcuna patologia a carico dell'orecchio, condivido la possibiltà della malocclusione come causa dell'acufene sofferto. E' necessaria, quindi, una valutazione da parte di un Odontoiatra esperto nell'articolazione temporo-mandibolare. Escluderei un neurinoma, vista la negatività dell'esame audiometrico cui si sarà sottoposto. Ok per la psicoterapia per gli altri problemi riferiti, ma non deve seguire assolutamente le prescrizioni del Terapeuta che non è un Medico e non puo' fare assolutamente prescrizione di farmaci. Un cordiale saluto

Dr. Raffaello Brunori

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie della risposta,

Al di lá del fatto che il terapeuta non può prescrivere farmaci, cosa pensa della terapia suggerita, che a me lascia un po' perplesso anche perché non ho trovato in rete altri che ne parlino? Ha senso un'ipotesi legata a problemi circolatori? E questi sarebbero risolvibili con un antiaggregante preso per un po'?

Se invece l'acufene fosse da malocclusione o problemi ATM sarebbe "curabile"?
Io ho molta ansia di "dovermi tenere per sempre" questo rumore insopportabile.

Nella sua esperienza gli acufeni devono per forza restare cronici?

Grazie ancora
[#3]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,3k 1,1k
Se il sintomo, ripeto, dipende da una malocclusione, con un bite il tutto si dovrebbe risolvere. Non essendo risultata alcuna patologia dell'orecchio, l'utilizzo dell'ac. acetilsalicilico è inutile in un caso come il suo

Dr. Raffaello Brunori

[#4]
dopo
Utente
Utente
Ho fatto la RM all'articolazione temporo mandibolare, riporto il referto:

Esame eseguito a bocca chiusa e aperta.
A bocca chiusa nella norma l'allineamento dei capi ossei articolari temporo-mandibolari. Conservato lo spazio articolare. Non versamento articolare. Il disco articolare appare bilateralmente un poco anteriorizzato.
Con apertura della bocca i condili mandibolari si portano a livello dell'eminenza temporale e il disco articolare scivola un poco indietro.

Cosa devo pensare? domani vado dal MMG, il quale nel frattempo stava pensando se fare altri esami per l'acufene come:

- RM encefalo con mdc
- visita neurologica
[#5]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,3k 1,1k
Attenda a sottoporsi ad ulteriori accertamenti. Deve prima consultare e far leggere le immagini radiologiche al suo Odontoiatra

Dr. Raffaello Brunori

[#6]
dopo
Utente
Utente
Sono stato dallo gnatologo.
Immagini ok, dice che ho dei condili a posto.
Mi ha fatto visita ed elettroniografia dalla quale risulta che ho tutti i parametri nella norma, con solo una leggerissima sovraocclusione a destra, ma nel range di errore dell'esame.

Mi ha preparato un bite morbido dicendo che quello rigido non ha senso nella mia condizione, visto che é tutto equilibrato e andrebbe a forzare oltre le necessità. Esclude però che l'acufene dipenda da questioni ATM anche se dice di usare il bite perché anche se morbido un po' lavora lo stesso e magari corregge anche quella piccola asimetria.

A questo punto procederò con gli altri esami indicatomi dal MMG: RM encefalo e rachide.
[#7]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 32,3k 1,1k
Sicuramente, dalle indagini radiologiche non emergerà alcuna patologia.

Dr. Raffaello Brunori

L'acufene (o tinnito) è un disturbo dell'orecchio che si manifesta sotto forma di ronzio o fischio costante o pulsante. Scopri i sintomi, le cause e i rimedi.

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test