Utente
Ho un bambino di 4 anni e mezzo(altezza 1.10, peso 21 kg).Da sempre ha problemi alle vie respiratorie alte:continui raffreddori cui fanno puntualmente seguito laringiti/laringo-tracheiti,sovrainfezione batterica con tosse incessante,curati con le più svariate e inutili terapie(antibiotici,cortisone,broncodilatatore,antistaminici,sedativi periferici e centrali), inutile prevenzione con vaccini catarrali e simili e cure omeopatiche.Test del sudore negativo.La tosse finisce ogni anno al mare.Quarto anno di vita(primo anno di scuola materna):la situazione peggiora terribilmente:dal 13 settembre ad oggi iniziano raffreddori quindicinali con muco giallastro cui segue puntualmente tosse incessante abbaiante senza sosta diurna e notturna, con vomito e talvolta laringospasmo. Ogni episodio(due al mese da settembre a giugno)viene trattato con antibiotico.Ogni raffreddore si trasforma in un incubo:pronto soccorso, prelievi del sangue, RX toracica sempre pulita, ricovero per accertamenti.Risultato sempre uguale:nessun problema specifico.A dicembre, i pediatri provano con terapia per asma (puff di cortisone, puff di broncodilatatore, bentelan) a cui il bambino non risponde. Quindi viene ricoverato per accertamenti che risultano tutti negativi: niente allergie, esami del sangue tutti nella norma, brushing nasale nella norma. Anche la visita con l'immunolgo dà esito negativo. Tutti nella norma i valori immunologici. Viene interrotta la terapia per l'asma. Si riprende con la terapia antibiotica e cortisone ogni 15 gg a partire dal successivo puntuale raffreddore.I pediatri gettano la spugna rassegnati e impotenti. Il bambino inizia ad essere seguito finalmente da un bravissimo otorino del San Giuseppe (MI).A seguito di fibroscopia e risonanza magnetica viene diagnosticata sinusite e, causa scolo retronasale di muco infetto, tosse cronica. Il bambino risponde solo all'antibiotico (ma solo nei giorni in cui lo assume) che continua a prendere ormai quasi ininterrottamente. Le adenoidi e le tonsille sono nella norma. Il bambino non ha mai febbre, né mal di gola, né otiti. Mai avuta influenza. Mai avuti problemi di salute di altro tipo.RX torace sempre pulita.Mai broncopolmoniti o simili. Il principale problema è rappresentato dalla tosse incessante e ormai cronica che condiziona notevolmente la vita quotidiana del bambino e di tutta la famiglia. Ora faremo esame per verificare eventuale reflusso gastroesofageo.Il problema è la sinusite,lo scolo di muco infetto in laringe che,unito a ipersensibilità dà tosse.Se non avesse i recettori così sensibili non farebbe così tanta tosse e la cosa sarebbe sosopportabile finchè non cresce un po'.La RM dice:mucosa ipertrofica dei turbinati medi ed inferiori.Ipertrofica la mucosa che riveste le pareti dei seni mascellari e etmoide.Cellette etmoidali e base frontale e dello sfenoide occupati da materiale infiammatorio.L'otorino ha deciso per l'intervento chirurgico. Vi sarei grata per un parere su tutta la vicenda. Mamma disperata.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Certo, considerata l'età del bimbo, un intervento chirurgico è un po' pesante. E' pur vero, pero', che se le varie terapie farmacologiche cui si è sottoposto non hanno dato risultati eclatanti, allora dobbiamo alzare le mani. Il consiglio che posso darle è quello di prendere informazioni sull'esperienza del Chirurgo su questo tipo di intervento e condotto sui bambini. Cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Caro dottore, speravo che tra i mille otorini del sito fosse proprio Lei a rispondermi e così è stato. Oggi sono fortunata. Il dottore è del San Giuseppe di Milano. Non posso scrivere il nome per ragioni di privacy immagino. E' sempre tutto il giorno in sala operatoria e fa anche bambini. Certo non così piccoli immagino, ma opera bambini. Ne conosco anche uno sottoposto a suo intervento con buoni risultati. Insegna anche agli studenti in sala operatoria. Più di questo non so, ma anche dal punto di vista umano è molto rassicurante. Ci ha pensato 6 mesi prima di decidere e si è consultato anche con il suo maestro, di cui non ricordo il nome. Mi ha assicurato che qualora l'intervento non dovesse migliorare la situazione (ma sopero proprio di no) comunque non comprometterebbe nulla nel bambino. Speriamo, anche perchè al momento non vedo altra alternativa.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La ringrazio per la stima e la fiducia dimostratami. Sono contento che le informazioni che ha preso sul Chirurgo siano buone e, pertanto, si affidi serenamente alle sue mani. Anche la Struttura Ospedaliera è ottima sotto ogni punto di vista. Augurandole un in bocca al lupo, mi farebbe piacere essere aggiornato dopo l'intervento. Un caro saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Grazie mille. Se fosse possibile avere un Suo indirizzo e mail non pubblico potrei dirLe il nome del chirurgo, magari sa dirmi qualcosa in più. In ogni caso posso dirLe che tiene tanti corsi su chirurgia endoscopica rinosinusale. La ringrazio ancora.

[#5] dopo  
Utente
Grazie mille. Se fosse possibile avere un Suo indirizzo e mail non pubblico potrei dirLe il nome del chirurgo, magari sa dirmi qualcosa in più. In ogni caso posso dirLe che tiene tanti corsi su chirurgia endoscopica rinosinusale. La ringrazio ancora.

[#6]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Mi puo' contattare sui numeri telefonici che trova sulla mia scheda
Dr. Raffaello Brunori