Utente 279XXX
Buongiorno!
Sono la mamma di una ragazzina di 14 anni.
All'incirca 5 settimane fa, ha fatto il richiamo per l'antitetanica, la pertosse e per la difterite, in più ha fatto anche quella per il meningococco.
Premetto che ha molta paura degli aghi, infatti, l'hanno fatta sdraiare per evitare uno svenimento.
Dopo il vaccino e anche la sera stessa, non accusava nessun dolore e nemmeno un pò di febbre; la mattina dopo, però, si è svegliata con un dolore fortissimo a entrambe le braccia, tanto che è arrivata al pianto a causa del dolore e vicino a dove le hanno fatto l'iniezione c'era un gonfiore molto accentuato.
Per giorni le ho messo del ghiaccio e del Reparil per ridurre il gonfiore e il rossore.
In pochi giorni, il gonfiore e il rossore sono spariti, anche se dopo ha iniziato ad avere prurito sempre vicino al luogo dell'iniezione.
A distanza di cinque settimane, sul braccio sinistro si sente ancora una pallina causata dal vaccino.
Potrebbere essere causata dal fatto che, quando l'infermiere ha tolto l'ago, all'interno c'era ancora un pò di liquido che i tessuti devono ancora assorbire? E come posso fare per far "sparire" anche quella "pallina" rimasta?
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Lorenzo Giacchetti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
0% attualità
20% socialità
SVIZZERA (CH)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
gentile mamma quello di cui parla può succedere dopo la puntura eseguita per una vaccinazione. generalmente scompare nell'arco di qualche settimana
cordiali saluti
Dr. Lorenzo Giacchetti
Specialista in Pediatria - Neonatologia e Patologia Neonatale, Varese.
Capoclinica Pediatria Ospedale di Lugano (Svizzera)