Utente 100XXX
Gentile Dottore, vorrei sottoporle un quesito. Mia figlia (oggi 20 mesi) dopo parto cesareo alla 38 settimana reso necessario da posizione podalica, è nata con una tachipnea transitoria e non si è adattata subito alla temperatura esterna ed è stata ricoverata in neonatologia. Ho fatto l'epidurale e quando è nata non ho sentito il primo vagito.. solo dopo mi è stato spiegato tutto! La mia domanda è: la tachipnea è sopravvenuta in seguito alla prematura nascita? (Io non avevo contrazioni ma il dottore ha insistito data la posizione della bambina!). Da quando è nata ad oggi ha sofferto ripetutamente di bronchioliti (a 2 mesi!), bronchiti, raffreddori, infiammazioni alle alte e basse vie respiratorie. Il mio pediatra dice (dopo averla visitata) che ha sempre un leggero catarro. Tutto questo può derivare dalla tachipnea? C'è un esame particolare per vedere se sia rimasto qualche residuo nei polmoni? Sono preoccupata per la sua salute anche perchè siamo costretti a darle spesso antibiotici per curare le infezioni.. La ringrazio per la sua disponibilità..

[#1]  
Dr.ssa Stefania Paesani

24% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
la nascita della sua bambina a 38 settimane non è da considerare prematura. La tachipnea della sua bambina è avvenuta molto probabilmete in seguito al parto cesareo.

Circa l'1% di tutti i neonati presenta la tachipnea transitoria, che di solito si risolve in pochi giorni .
I piccolini necessitano una cura attenta durante la permanenza in ospedale fino alla risoluzione dei sintomi, ma in seguito non ci sono effetti a lungo termine sulla crescita, lo sviluppo o la salute del bambino.
Prima della nascita i polmoni del feto sono pieni di liquido, perchè nel grembo materno i bimbi non usano i polmoni per respirare, l'ossigeno necessario arriva dalla placenta.
Al momento del parto e i polmoni del bambino nato a termine di gravidanza ( 38 settimane è da considerarsi già termine)sono diventati maturi e hanno espulso la maggior parte del liquido, quel poco che rimane viene come schiacciato fuori o spinto fuori tramite il parto vaginale durante il passaggio del bambino tramite il canale vaginale.

Alla nascita con il primo pianto e i primi respiri i polmoni si riempiono di aria . Se rimane un po di liquido viene espulso con la tosse o viene gradualmente riassorbito.

I bambini nati da parto cesareo non sono sottoposti al passaggio tramite il canale vaginale e quindi sono piu facilmente soggetti a presentare un po' di tachipnea.

Non ritengo che le frequenti infezioni respiratorie della sua bambina siano da imputare alla 38 settimana o alla tachipnea transitoria.
E' noto che una bronchiolite contratta nei primi mesi di vita puo' dare luogo ad una ipereattività delle vie aeree che si puo' protrarre fino al'età scolare, per poi risolversi.

Se frequenta il nido è normale ammalarsi frequentemente perchè deve ancora formare gli anticorpi, se inoltre la crescita della bambina è buona, non si preoccupi .


Dott. Stefania Paesani
Specialista in Pediatria
Diplomata American Board of Pediatrics
https://www.facebook.com/stefaniapaesani.md/