Utente 223XXX
Salve, sono un 25enne e da poco tempo ho riscontrato dei problemi respiratori come mancanza di respiro e stanchezza fisica. Premetto che per un periodo di 10 anni sono stato a contatto con lastre di Amianto, poste sul cortile di casa mia che servivano a dividere un appartamento dall'altro. Ho fatto una Rx al Torace e non mi hanno riscontrato lesioni pleuro-parenchiali in atto. Il disegno polmonare è accentuato in sede ilo-perilare, bilateralmente. Gli ili sono ampi, scomponibili nei propri costituenti anatomici. L'ombra cardio-vasale è nei limiti volumetrici della norma data l'età e la xostituzione. Gli spazi complementari esterni delle basi sono liberi. Io non fumo ma certamente a volte subisco il fumo passivo. Sono allergico alla polvere. Per quanto riguarda il rischio amianto respirato, credo che quello sia effettivo. Cosa posso fare per verificare se ho annidate delle polveri di questa sostanza tra i miei polmoni? Non c'è un metodo per prevenire le conseguenze? Grazie per la risposta..

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Spina

24% attività
0% attualità
12% socialità
MARSICOVETERE (PZ)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
caro amico il problema dell'amianto è un problema a cui non è facile dare una risposta,in primo luogo perchè l'eternit è una sostanza che è stata presente da sempre nella nostra vita (basti pensare ai treni, ai bus, alle coperture dei tetti) e se la correlazione amianto - respiro fosse così standardizzata , ci sarebbero milioni di tumori pleurici (mesoteliomi) da amianto, mentre così non è , per cui si effettuano controlli clinici solo in persone che hanno lavorato con l'amianto per anni. Fatta chiarezza sul problema penso che la tua radiografia sembra abbastanza normale , dico sembra perchè l'addensamento ilo perilare potrebbe essere spiegato da frequenti episodi tracheo bronchiali , vista anche la tua allergia agli acari.
Stai tranquillo e Auguri
Dr. GIUSEPPE SPINA