Sospetto asma?

Salve,
Scrivo perché, da una settimana, la mia vita è drasticamente cambiata.

Sono una ragazza di 25 anni, fumo 10/15 sigarette al giorno, alta 155cm e peso 50kg.


Soffro di rinite allergica, sono infatti allergica a parietaria, graminacee e altri pollini, la mia allergia infatti è solo primaverile e la curo al bisogno con spry nasali o antistaminici.


Da una settimana ho cominciato a soffrire di tosse grassa notturna, quasi tutte le notti.
La tosse produce muco, chiaro quasi trasparente, non è stizzosa sembra quasi voler eliminare un corpo estraneo.

Essendo ansiosa, ho fatto un primo controllo dal mio medico di base, il quale non ha sospettato nulla, se non reflusso.


Ma ho preferito, dato che ho cominciato a sentire dei sibili quando effettuo respiri profondi anche essi solo notturni, consultare uno pneumologo, che dopo aver effettuato una spirometria semplice sospetta che io soffra d'asma.

Il referto recita: lieve deficit ostruttivo distale.

Prescrivendomi relvar ellipta.


Non ho mai sofferto di asma, mi sono sempre ammalata davvero poco e dunque questa diagnosi mi ha gettata un po nello sconforto, perché dovrei curarmi e prendere farmaci a vita ogni giorno.


Vorrei avere un vostro gentile parere sulla mia spirometria e se mi consigliate di effettuare altri test.


Copio il referto:
Teorico.

Misurato.

%

Fvc 3, 38.

3, 47.

105
Fev1 2, 87 3, 00 105
Fev1/fvc 84, 2.

86, 4.

103
Pef 6, 64.

6, 51.

98
Fef 25-75.

3, 97.

3, 35.

84
Fef 25.

5, 94.

6, 34.

107
Fef 50.

4, 31.

3, 75.

87
Fef 75.

2, 9.

1, 48.

71

Aggiungo che la curva flusso-volume appare davvero infinktesimamente convessa, ma davvero in misura quasi impercettibile.

Dimenticavo che avevo la saturazione a 99%

Se io fossi davvero asmatica, questa sarebbe asma allergica, da sforzo (non ho sintomi quando mi sforzo), o quale altro tipo?

Perché non riesco neanche a trovare una concomitanza di fattori scatenanti, se non il momento del riposo notturno.



Grazie per un'eventuale risposta.
[#1]
Dr. Davide Rinaldo Pneumologo 20 2
Trovo molto difficoltoso interpretare i valori numerici riportati.
Dai sintomi descritti e la preesistente rinite possono avvalorare maggiormente la diagnosi di asma.
Per la diagnosi strumentale la spirometria (preferibilmente globale) va integrata sempre con test di broncodilatazione (dopo la prova basale si fanno inalare 400 mcg di salbutamolo e dopo 20 minuti si ripete l'esame), se si riscontra un incremento del FEV1 di almeno 200 ml e di almeno il 12% la diagnosi é certa. Altrimenti sarebbe opportuno procedere a test di broncocostrizione aspecifico (test alla metacolina).

Dr. Davide RINALDO

[#2]
dopo
Utente
Utente
Cerco di copiare in maniera più chiara il referto.
Successivamente ho effettuato una nuova spirometria semplice da un allergologo e pneumologo, il quale ha detto che i valori erano completamente nella norma.
Mi ha prescritto una cura antistaminica che sto seguendo, infatti per un mese non ho avuto più tosse.
Però, tornando nel mio paese natale, nonostante l antistaminico è ricominciata la tosse notturna, in maniera minore, ma comunque presente.
In più sento che la mattina mi sveglio con del muco in gola.
Questi sono i miei unici sintomi, senza alcuna difficoltà respiratoria.
Nessuno dei due medici consultati mi ha proposto gli esami da lei elencati. Crede che debba consultare un altro specialista, chiedendo di effettuare i suddetti esami?

Fvc 3, 38. 3, 47. 105%
Fev1 2, 87 3, 00 105%
Fev1/fvc 84, 2. 86, 4. 103%
Pef 6, 64. 6, 51. 98%
Fef 25-75. 3, 97. 3, 35. 84%
Fef 25. 5, 94. 6, 34. 107%
Fef 50. 4, 31. 3, 75. 87%
Fef 75. 2, 9. 1, 48. 71%
[#3]
Dr. Davide Rinaldo Pneumologo 20 2
Molto probabilmente la sua è una forma di asma lieve intermittente ma per questo non va sottovalutata. É importante porre la giusta diagnosi per dare la giusta terapia. Le indicazioni sulle indagini da effettuare rimangono valide. Per trovare informazioni utili su cos'é l'asma e come va diagnostica e trattata consiglio consultare uno dei siti web di associazione di pazienti asmatici: la patologia dal punto di vista del paziente.

Dr. Davide RINALDO

[#4]
dopo
Utente
Utente
Quindi, nonostante io non abbia mai sofferto di asma, né abbia familiarità con questa patologia, potrei averla sviluppata a 26 anni?
L'ipotesi paventatami dall'ultimo specialista è stato uno scolo retro nasale.

Comunque cercherò un centro che effettui gli esami che mi ha consigliato.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test