Consiglio sul cipralex

Salve dottori,
Mi chiamo saverii e ho 24 anni, inizio la mia storia :
Il 4 giugno scorso in seguito a un prelievo di analisi di routine dopo circa un'ora mentre passeggiavo al mercato mi è abvassata la pressione e stavo x svenire, da li mi sono preoccupato molto che il mio cervello mi stava impazzendo e mi mancava il fiato ma x fortuna dopo circa 20 secondi mi son ripredo è ho raggiunto la macchina dove mi aspettava mio fratello che mi ha portato al pronto soccorso la quale mi hanno diagnosticato attacco di panivo a seguito di pressione bassa.. La psichiatra dell'ospedale mi ha diagnosticato attacco di panico e depressione e mi ha prescritto daparox 20 mg e tavor 2,5 x 3 volte al giorno( alla fine il tavor lo eliminato piano piano fino a prendere una compressa al giorno disa a meta) ho continuato col daparox x 2 mesi e mi sentivo senza forze cosi lo sospevo ma gli attacchi di panico non ne ho avuti piu..
Una settimana fa ho richiamato la dottoressa e gli ho detto che li avevo eliminati i farmaci che mi ha prescritto e cosi martedì scorso me li ha cambiati con il cipralex da 10 mg piu EN da 1 mg tre volte al giorno x curare la depressione... Veniamo al punto;
Son 4 giorni che prendo cipralex mezza compressa (5 mg) x vedere vome reagiva il mio organismo ma i sintomi che non avevo piu mi son ritornati come forte ansia, difficoltà a respirare,dolore al petto lato destro,mal di testa e di ossa come se fossi stato appena in palestra tutto questo con 5 mg e se la prendevo intera come me la prescritta mi avrebbe ucciso!!!! Voi che mi consigliate? Io stavo un po ansioso e stressato prima di prendere quest'ultima cura..
[#1]
Dr. Domenico Serranò Psichiatra, Psicoterapeuta 28 2
Caro Utente,
è normale che i primi giorni l'antidepressivo, faccia aumentare i sintomi esistenti, ma poi vedrà che tali effetti iniziali passano e verso terza o quarta settimana avrà benefici.
Comunque contatti il suo psichiatra per chiedere come in questa fase iniziale possa tamponare tali fastidi, con l'eventuale aumento dell'ansiolitico; ma sopratutto non diminuisca o sospenda la terapia di sua iniziativa, deve farsi seguire da uno specialista.

Cordiali saluti
Dott. Domenico Serrano'


[#2]
Dr. Stefano Garbolino Psichiatra, Psicoterapeuta, Sessuologo 2,5k 36 3
Gentile utente,

considerata anche la giovane età, le consiglio di valutare con il suo psichiatra l'opportunità di un trattamento psicoterapico (eventualmente associandolo alla terapia con i farmaci).

Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#3]
dopo
Attivo dal 2010 al 2011
Ex utente
Grazie dottori della cortese risposta!!!!
Purtroppo io al momento cioè prima di prendere di nuovo gli psicofarmaci cioè cepralex e en stavo bene solo un po di ansia..ma sti dolori al petto non li avevo che mi bloccano il respiro lungo..dalle mie parti ovvero a locri non esiste la psicoterapia...
Poco fa ho chiamato la psichiatra e dirle gli stessi sintomi che vi ho scritto e mi ha risposto: - non so come curarti rivolgiti a qualcun altro!!! Adesso in convlusione che faccio?? Una cosa dottori gli attacchi di panico che ho curato in precedenza x 2 mesi possono ritornare? Io sto malissimo.. Grazie veramente della risposta

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa