Utente 187XXX
Buongiorno, racconto brevemente la mia storia.Dal 2000 soffro di ansia e panico, tutto è scaturito quando in vacanza sono stato male per il caldo con svenimenti e avendo anche un mal di pancia fortissimo sono stato costretto a defecare in strada in un luogo non molto appartato.La mia compagna di allora mi aveva molto ferito per l'inconveniente.Da allora, la mia paura è quella di sentirmi male in pubblico e, quando sono fuori devo sincerarmi che ci sia un bagno se no, mi si scatena l'ansia.Sono in cura dal 2002 con antidepressivi, xanax per normalizzare l'ansia nei periodi piu' acuti, che porto sempre con me.Inutile dire che la mia vita è molto cambiata e cerco di evitare condizioni in cui possa sorgere ansia.
La cura si svolge a periodi, circa un anno e mezzo con, e qualche mese senza.Ho smesso di mia iniziativa all inizio del 2010, dopo che l'utilizzo di Tolep non mi eliminava lo stato di panico.Ho provato allora da un omeopata ma nessun effetto anzi, mi sentivo preso in giro e le "medicine" per me erano acqua fresca.A settembre del 2010 ho avuto un fortissimo attacco di ansia, due settimane di "mancanza di respiro", rigidità del corpo, soprattutto alle gambe, alchè ho ripreso la cura dal mio psichiatra, serupim e tolep.Attualmente riesco a fare le attività fondamentali, uscire un poco e andare al lavoro, ma sono sopraggiunte altre forme ansiose, tipo clustrofobia (mai avuta), quindi non riesco a andare in autostrada e passare gallerie, paura di stare da solo, e ansia forte quando cammino a piedi per strada.Vorrei solo trovare un po' di serenità che negli anni per tante motivazioni mi è venuta a mancare.Mi rendo conto che tutto parte dalla mia mente, ma sono anche un po' stanco di prendere farmaci.Cosa mi consigliate? Grazie del consulto.

[#1] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
per inquadrare il suo problema dovremmo sapere qualcosa di più, per esempio quale diagnosi le è stata fatta, e poi:
A che dosaggio assume sereupin?
Per quale motivo le è stato prescritto il Tolep?
Cordiali saluti
Franca Scapellato

[#2] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

tutto non parte dalla sua mente, parte dal suo cervello. Probabilmente questo aspetto non le è chiaro.
La terapia è per un disturbo d'ansia ma in concomitanza con un disturbo bipolare, il tolep si usa per questo tipo di quadri.
Ha sospeso la cura di sua iniziativa, adesso l'ha ripresa ma i limiti comportamentali ci mettono un po' per essere recuperati. Adesso il suo psichiatra la seguirà sulla base di quanto aveva funzionato prima, e apporterà modifiche in caso di resistenza o maggiore lentezza alla risposta.
In futuro è consigliabile identificare le ragioni che l'hanno spinta a sospendere le cure di sua iniziativa, onde evitare di ripetere errori poco utili.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#3] dopo  
Utente 187XXX

Rispondo alla Dr. Franca Scapellato:
partiamo dai dosaggi: serupim 1/2 pastiglia al mattino insieme a 1/2 pastiglia Tolep, alla sera 1 pastiglia di Tolep, la diagnosi è una depressione, il Tolep, che è in sostanza un antiepilettico, effettivamente è il farmaco che non mi è molto chiaro nella mia terapia. Non soffro di epilessia, per certo ho sbalzi di umore è una socialità un po' contrastata ma proprio epilessia no.

Rispondo al Dr. Matteo Pacini:
mi interessa sapere meglio cosa è il disturbo bipolare, per quello che riguarda la sospensione della cura, direi si puo' identificare con una sensazione di sconfitta nei confronti del Tolep, che non mi ha tolto la sensazione di panico.

Grazie delle VS risposte, cordialità.
M

[#4] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Tolep non è una terapia standard per il panico, è uno dei tanti antiepilettici utilizzati nel disturbo bipolare. Non nella depressione semplice.
Può darsi che sia stato aggiunto poiché lei ha tratti sfumati di temperamento "bipolare" (ciclotimico) e quindi per stabilizzare l'azione del farmaco antipanico, o per evitare che desse instabilià dell'umore, essendo un antidepressivo.

Il disturbo bipolare in estrema sintesi è il ricorrere di fasi anche brevi di eccitamento o agitazione di tipo impulsivo, aggressivo, iperattivo o euforico-ipersocievole, con altre fasi di tipo depressivo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#5] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Buongiorno,
il sereupin è sottodosato, il dosaggio terapeutico parte da 20 mg al giorno, altrimenti ha solo gli effetti collaterali.
Il Tolep, come le ha già risposto il collega Pacini, è anche uno stabilizzatore dell'umore.
Cordiali saluti
Franca Scapellato

[#6] dopo  
Utente 187XXX

Gent.le Dr.Pacini, grazie della spiegazione.

Dott.ssa Scapellato:
in effetti, la sensazione d'ansia è sempre presente, compresa una forma di irrequietezza anche musolare, che
sento alle gambe.

[#7] dopo  
Utente 187XXX

Giorno
Ho dimenticato di dire che la sensazione di ansia sale moltissimo soprattutto a fine giornata lavorativa e mi impedisce di camminare tranquillamente a piedi,
mi sento come bloccato, devo prendere il bus per fare poche fermate.
Grazie
M

[#8] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Si sa che la stanchezza della giornata influisce sull'ansia ;in più gli antidepressivi come il Sereupin raggiungono l'efficacia dopo settimane a dose piena, e nel frattempo possono aumentare il nervosismo; per questo è consigliabile chiedere al proprio psichiatra di aggiungere, ma solo per questo periodo iniziale, una benzodiazepina che, alla dose giusta per lei, riduce l'irrequietezza e agisce anche da miorilassante.
Purtroppo il paziente dev'essere... paziente, non c'è un sistema più rapido e il rischio che uno si stanchi e sospenda tutto c'è sempre. Si dia qualche mese di tempo e poi faccia il confronto tra la condizione attuale e quella di uno, due mesi prima di iniziare la terapia.
Chi soffre di ansia mitizza un'età dell'oro in cui stava "benissimo", ponendo un termine di paragone impossibile da raggiungere, che mette ancora più ansia.
Lei una volta stava bene, tornerà a sentirsi bene, ma è un po' come un'arrampicata: meglio non guardare troppo in alto né in basso, ma cercare gli appigli giusti.
Cordiali saluti
Franca Scapellato

[#9] dopo  
Utente 187XXX

Nella terapia ho lo xanax, anche se cerco di usarlo il meno possibile, cerchero' di essere "paziente" ( sorrido... ) anche se non è proprio facile...
Grazie
Buona giornata
M

[#10] dopo  
Utente 187XXX

Buonasera, mi ritrovo a scriverVi per quest'altra "paranaoia", in pratica, quando sono fuori casa, in questo caso per lavoro, mi prende il panico, o meglio un forte stato ansioso del tipo "sono fuori casa, se sto male non posso scappare...".
Sono con un collega e dipendo da lui, quindi se decidessi di andare via da solo, non posso.
Insomma, devo sempre avere una "via di fuga" e questo mi pone in uno stato di nervosismo e non mi lascia tranquillo.
Cordialità.
M

[#11] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Se soffre di panico, perché lo stupore per questo tipo di paura ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 187XXX

Novità... devo andare fuori Italia per lavoro, ovviamente ansia a 1000... Saro' in condizione di andare? Personalmente non me la sento proprio.
Grazie in anticipo.

[#13] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Eravamo rimasti con il sereupin sottodosato. Ci sono novità rispetto a questo ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#14] dopo  
Utente 187XXX

Buongiorno

1 sereupin 1/2 tolep mattina
1 tolep la sera.

[#15] dopo  
Utente 187XXX

Buongiorno

1 sereupin 1/2 tolep mattina
1 tolep la sera.

[#16] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Quindi adesso il sereupin è a 20 mg: da quanto tempo ? Se da meno di un mese, ancora non è giudicabile, altrimenti è a dose già potenzialmente efficace, non "piena" comunque.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#17] dopo  
Utente 187XXX

No, da quindici giorni a 20mg.

[#18] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

L'effetto quindi potrebbe doversi ancora sviluppare per questa dose.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#19] dopo  
Utente 187XXX

Buongiorno

continuo a rilevare una "rigidezza" alle gambe, come se il "nervosismo" si localizzasse in questa zona, mi sembra di notare che cio' aumenta dopo l'utilizzo del tolep, è possibile?

Cordialità.

[#20] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
il disturbo alle gambe probabilmente è una somatizzazione dell'ansia, il Tolep non dà questo effetto e in più lei riferisce di averne sofferto già prima di iniziare la terapia.
Cordiali saluti
Franca Scapellato

[#21] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

"rigidezza" e "nervosismo" sono due concetti diversi. Non è che il nervosismo "si localizza" alle gambe, è che il cervello lo può localizzare (cioè riferire) ad una parte del corpo, non potendolo riferire a se stesso.
Questo però è un aspetto comune nelle sindromi ansiose.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#22] dopo  
Utente 187XXX

Salve, la mia situazione è peggiorata, per via delle mie paranoie, la mia fidanzata ha deciso di lasciarmi da un giorno all altro perchè, secondo lei, "non ho reagito alla cura", sto male e mi trascino, la mia depressione aumenta. Ora non so piu' cosa fare. Grazie.

[#23] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
mi dispiace per quanto le sta succedendo.
Se la terapia non è efficace, lo specialista che la segue se consultato le darà delle indicazioni in merito, per cui le consiglio di consultarlo al più presto.
Franca Scapellato

[#24] dopo  
Utente 187XXX

Ma guardi a questo punto non credo che c'entri una terapia.
Non riesco a togliermi la depressione.

[#25] dopo  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Chiede un consulto ad un sito di medicina, nella sezione psichiatria, o sbaglio?
Franca Scapellato

[#26] dopo  
Utente 187XXX

Se fosse nelle mie condizioni lei cosa farebbe?
Non avere piu' stimoli, piu' voglia di vivere, sentire il peso inutile della giornata, non mi pare il massimo della vita.
Oltre la terapia deve esserci altro, quello intendo.

[#27] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Nessuno riesce a togliersi la depressione così come nessuno riesce a guarire da solo dalle malattie. O passano, o si curano. Se la cura non funziona entro un certo tempo, va cambiata.
Ogni altro ragionamento è inutile e non la aiuta. Cosa significa "non c'entra la cura" ? La cura è lì per provare a risolvere la situazione, altrimenti che ci starebbe a fare. Se non funziona, si cambia.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#28] dopo  
Utente 187XXX

Buongiorno, mi ritrovo a scrivere dopo molto tempo.
C'e' stata una fase di "normalita", ma negli ultimi mesi la situazione e' drasticamente peggiorata.
Non ritengo di essere seguito in maniera puntuale dal mio specialista e ho provato altri metodi, quali psicologa, e centro di igiene mentale. La voglia e' quella di superare tutta l'ansia e il panico che mi assale, ma il corpo sta comandando su tutto.
Ho provato a sostituire la Paroxetina con Citalopram, ma ho resistito due giorni, pensavo di rivolgermi al pronto soccorso per l'ansia che mi ha dato. Mi sentivo letteralmente "strapparmi la pelle di dosso", questa e' stata la sensazione.
La mia ultima cura consisteva in 1/4 di Paroxetina + 1/2 Tolep mattina e 1/2 Tolep sera. Ora, sinceramente oltre all'avvilimento, non so piu' che fare. Vi ringrazio per le risposte. M

[#29] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

La terapia è per un disturbo bipolare. Non si capisce esattamente da chi sia seguito, il CIM non è un "metodo", è un luogo.
Inoltre ha provato a sostituire nel senso che le hanno prescritto questa sostituzione.
Il corpo comanda sempre su tutto, e il cervello è corpo. Se invece intende che il corpo comanda sul cervello, allora no, non ha compreso il meccanismo. Lo stato di allarme è cerebrale.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#30] dopo  
Utente 187XXX

Gentilissimo,

Sono seguito dal 2002 da un medico psichiatra che pero', come scritto in precedenza da almeno un paio di anni non mi segue come vorrei, mi scuso per il gioco di parole.
A prescindere dalla terminologia "metodo", "luogo", si, mi hanno prescritto questa sostituzione.
Quello che vorrei fare capire, magari non ne sono capace, e', che strada devo prendere per cercare di uscire da questa problematica.

[#31] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Quindi adesso è seguito da un medico del CIM, che le ha sostituito il citalopram alla paroxetina, cosa poi non eseguita.
Adesso quindi il medico, informato del fatto che non è riuscito questo passaggio (peraltro non ci intravedo un senso preciso), che cosa le ha indicato ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#32] dopo  
Utente 187XXX

Gentilissimo,

Il medico in questione, non e' attualmente rintracciabile,
come non e' rintracciabile il mio psichiatra.
M

[#33] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Che possiamo fare quindi in questa sede ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#34] dopo  
Utente 187XXX

Bella domanda...
M