x

x

Paura ad iniziare nuovi farmaci(entact/cipralex)

Gentilissimi,
Sono una ragazza di 21 anni.Da circa due mesi ho avuto un riaffacciamento dei sintomi ansiosi(con un lungo periodo di 5 anni in cui assumo xanax 0.50 mezza la mattina, mezza pomeriggio, e mezza dopo cena)quali tachicardia,senso di stordimento, di sollevamento , di sudorazione improvvisa ,e di insonnia.Premetto che è anche il primo mese di assunzione dell'anello Nuvaring, ma il Dott non ritiene ci siano nessi.Il mio psichiatra ha deciso di prescrivermi cipralex o enctat mezza pasticca al mattino per 10 giorni per passare poi a 1 nei giorni successivi.Il tutto sospendendo lo xanax e sostituendolo per ora con Tavor da 2,50(mi sembra) mezza la mattina,mezza al pomeriggio e una la sera.Di mio ho una profonda paura nei confronti dei cambiamenti, ho paura di avere strani sintomi nell'assumere tali medicinali, e ho paura anche di divenire una medicina-dipendente a soli vent'anni.Il dottore mi ha spiegato che tutto andrà migliorando con il passare dei giorni, ma l'idea di imbottirmi di farmaci mi fa star male, ho paura di ingrassare, di non essere più me stessa e ho paura che questi farmaci possano peggiorare le mie condizioni o mettermi pensieri strani in testa.Il mio psichiatra mi ha spiegato che questa è la strada giusta insieme alla psicoterapia per uscire da questa'ansia e questo panico che mi terrorizzano, che mi precludono,ora, un sacco di cose.Ho l'esperienza di mia madre davanti agli occhi che mi dice che con lei la cura non ha mai funzionato, che anni fa è stata allettata per diverso tempo e nulla è cambiato.Datemi consigli...sono impaurita e confusa non so cosa fare..Non ho sicurezze e io mi sento ancora più male.Saluti.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 37.7k 898 60
Gentile utente,

il trattamento prescritto puo' essere indicato per i suoi sintomi e sarebbe il caso che segua le indicazioni del suo psichiatra.

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/