Utente cancellato
salve, sono un ragazzo di 20 anni molto ansioso. la mia ansia sfocia in molte cose ma da un periodo ha colpito la sfera sessuale. in passato ho avuto a che fare con ansia da prestazione sessuale che avevo risolto con cialis da 5 mg che mi ha fatto prendere sicurezza. adesso sono punto e a capo. mi è ripresa nuovamente mentre invece pensavo di aver risolto il problema, anzi a volte ci pensavo a quei brutti momenti e mi sembravano solo un ricordo talmente ormai ero sicuro di me. invece un giorno mi sono lasciato prendere dalla paura e mi è successo nuovamente. vorrei un vostro consiglio su come fare e su quali tecniche mentali adottare per superare la paura di non riuscire perchè sta tutto nella mente purtroppo e vorrei capire come riacquistare quella sicurezza

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente

L'ansia è un distirbo specifico che va trattato in modo adeguato e non è possibile immaginare tecniche mentali, è invece utile effettuare una visita psichiatrica per esplorare tutti gli ambiti in cui si manifesta ansia ed eventualmente possa essere intrapreso un trattamento specifico ed appropriato.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
80833

dal 2017
dottore ma come è possibile che avevo risolto, ero così sicuro di me. e adesso invece sono ricaduto? agitazione, ansia di non farcela, paura... hanno preso il posto della sicurezza, eccitazione.. che avevo quando ne ero uscito. come si può guarire e ricaderci?? come potrei far riaffiorare quella sicurezza in me? è successo già una volta. come devo fare per far accadere di nuovo questa cosa ed invertire il processo, vorrei dei suoi consigli cortesemente essendo esperto in materia. cosa mi consiglierebbe adottare oltre ad un colloquio con un esperto?

[#3]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

le modalità relazionali che possono avere anche nella sessualità una disfunzionalità, vanno affrontate con specifici interventi, che solamente dal vivo possono essere sperimentati.

Nello specifico ritengo che lei debba agire per priorità:

- in primo luogo affrontare l'ansia che lei descrive con un trattamento psichiatrico (farmacologico, psicoterapico od entrambi);

- in secondo luogo, qualora permanga il sintomo a livello sessuale, un intervento specialistico in tal senso (sempre farmacologico, psicosessuologico o entrambi).
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#4] dopo  
80833

dal 2017
farmacologico dottore in che senso con cialis o robe del genere? ne ho prese in passato ma non mi andrebbe di prenderne ancora in quanto sono stato operato al cuore per un buchino congenito che tramite catetere mi hanno chiuso. non vorrei che la preoccupazione possa accadermi qualcosa peggiori l'ansia, anche se in passato quando l'ho assunto, avevo già fatto l'intervento (quello a cui è stato sottoposto cassano praticamente, con un catetere dalla zona inguinale chiudono con un ombrellino il buchino.) e non mi è accaduto nulla all'epoca.

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Considerando il numero delle sue richieste il problema sessuale è probabilmente solo l'ultima espressione della sua patologia ansiosa.

Forse è giunto il momento che vada da uno psichiatra.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#6] dopo  
80833

dal 2017
dottore ma io non voglio però dover pensare di essere dipendente da farmaci.. io vorrei essere aiutato in qualche modo. però non vorrei allo stesso tempo assumere strani farmaci xk ciò mi farebbe stare ancora più male.. ecco perchè chiedevo un aiuto vostro morale, o più che altro, mentale. essendo lei stesso uno psicologo pensavo poteva suggerirmi qualcosa anche se ovviamente lo so online non è possibile fare una diagnosi ecc ecc...ma un conforto , una parola di un esperto, nell'attesa che magari vada da qualche dottore. considerando il fatto di questo mio ripresentarsi dell'ansia da prestazione, cosa consiglio un esperto psichiatra o psicologo, ad un paziente con tale problema? in linea di massima, così magari inizierò mentalmente a rassicurarmi. ecco il motivo del mio consulto

[#7]  
Dr. Piergiorgio Biondani

24% attività
20% attualità
8% socialità
BUSSOLENGO (VR)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2020
Gentile utente,
purtroppo per quanto a mia conoscenza non esistono tecniche che possano sedare in tempi rapidissimi gli effetti di uno stato ansioso.Penso invece che potrebbe esserle utile anche un percorso psicoterapico,che potrà vagliare con il suo specialista curante,al fine di poter comprendere,ed eventualmente,se possibile,modificare le radici profonde del suo stato di disagio psichico.
Cordiali saluti
Piergiorgio Biondani.
Dr. piergiorgio biondani