Cipralex e ritardo eiaculazione

Gentili dottori, da 9 mesi assumo cipralex (16 gt al dì) per problemi di ansia e attacchi di panico (terapia prescrittami da un neuropsichiatra). I risultati sono discreti, nel senso che l'ansia è quasi del tutto sparita e gli attacchi di panico diradati tantissimo. Ho però problemi con l'orgasmo. Agli inizi della terapia mi era quasi impossibile raggiungerlo anche attraverso la masturbazione. Ora ci riesco con la masturbazione ( a volte con lieve ritardo, altre volte avviene velocemente, ma si verifica sempre), ma quando ho rapporti sessuali con mia moglie, mi è difficilissimo raggiungere l'orgasmo in vagina, al punto che il rapporto termina con masturbazione da parte sua e conseguenziale eiaculazione da parte mia. Ho una bimba, non ho mai avuto problemi eiaculatori in vagina, quindi volevo gentilmente chiedervi, se questa difficoltà è connessa all'uso dell'ssri, oppure è potuta subentrare una componente psicologica che mi inibisce dalla soddisfazione durante il coito.Ho 41 anni.Grazie in anticipo
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.2k 1k 63
È possibile che il farmaco possa provocare un ritardo eiaculatorio.

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
Dr. Diego Corazza Psichiatra 19 2 5
È un possibile effetto collaterale, peraltro citato nella scheda illustrativa.
Quando un farmaco è efficace, come nel caso suo, è necessario ponderare con cura i pro ed i contro.
Esistono una serie di strategie per tentare di ovviare all'inconveniente. È utile inoltre un'accurata anamnesi del funzionamento sessuale precedente all'assunzione dell'antidepressivo.
Ne parli serenamente con il suo psichiatra che, conoscendola, saprà fornirle i migliori consigli.
Nel caso fosse interessato ad un approfondimento:

Survey of Treatment Practices for Sexual Dysfunction(s) Associated with Anti-Depressants
Richard Balon a & R. Taylor Segraves b
[...]
Journal of Sex & Marital Therapy
Volume 34, Issue 4, 2008, pages 353- 365
Available online: 24 Jun 2008
DOI: 10.1080/00926230802096390

Codiali saluti

Dr. Diego Corazza
Psichiatria - Psicoterapeuta
www.diegocorazza.it